Agri.Bio

Agri.Bio

Descrizione

Agri.Bio Asociazione ONLUS di produttori e consumatori biologici, nasce ufficialmente nel maggio del 1991 come Agri.Bio Piemonte. L'Associazione nasce riunendo le esperienze e le realtà di alcune associazioni che già operavano sull'agricoltura biologica a livello locale (La Strada del Sale di Alessandria, l'Associazione Produttori Biologici Cuneesi ed altri) per dare loro un risvolto, un'operatività e una rappresentanza a livello regionale e per dare vita a servizi di sostegno e promozione all'intero settore.Il primo presidente fu Armando Mariano, che fra l'altro fu anche tra i fondatori e il primo presidente dell'AIAB, ed attraverso la realtà di alcune storiche aziende biologiche (La cooperativa delle Valli Unite, Il Frutto Permesso, la Cooperativa Terra e Gente) Agri.Bio.Piemonte avviò una attività di divulgazione e di contatto con la Regione Piemonte e gli Enti Locali per intraprendere le prime sperimentazioni in agricoltura biologica e biodinamica e per far riconoscere questo nuovo tipo di agricoltura in un'epoca in cui era percepita dai più decisamente come una "strada senza futuro".Agri.Bio.Piemonte promosse e sostenne la Legge Regionale per l'agricoltura biologica, legge che fu approvata nel giugno '99 e divenne operativa a partire dal 1 gennaio 2000, con il riconoscimento ufficiale della nostra associazione.Sempre nel settembre '99 partecipai con Marco Mariano, consigliere AgriBio, ad una riunione promossa da AMAB per promuovere la creazione di un'associazione nazionale di produttori biologici al fine di creare un coordinamento tra le associazioni regionali e per meglio rappresentare le nostre istanze presso il MIPAF e gli enti pubblici. Aderimmo subito alla proposta. Oggi come allora, penso che la frammentazione, il guardare sempre e solo nel proprio "campicello" sia stata ed è una debolezza peculiare del nostro settore.

Vuoi parlare del corso con un consulente?

Corsi consigliati

...controllo sui preparati biodinamici conservati per valutarne lo stato di conservazione. Si faranno insieme alcuni lavori alla GNONSISA, la casa dei preparati biodinamici... Impara:: Scienze e tecnologie agrarie, Agricoltura sociale, Prodotti agricoli...

  • Corso
  • Cissone
  • 16 ore di lezione
Aggiungi al comparatore
Leggi tutto

Chiedi il prezzo

...del Domani è rivolto a produttori, trasformatori, tecnici, hobbisti e consumatori. In pratica a tutti coloro che vogliono capire, studiare ed approfondire... Impara:: Prodotti naturali, Imprenditore agricolo, Prodotti agricoli...

  • Corso
  • Cissone
  • 16 ore di lezione
Aggiungi al comparatore
Leggi tutto

Chiedi il prezzo

...Obiettivo del corso: Corso per Tecnici Consulenti e Tecnici Ispettori in Agricoltura Biodinamica Corso per Allestitori di Preparati Biodinamici... Impara:: Scienze e tecnologie agrarie, Prodotti agricoli, Prodotti naturali...

  • Corso
  • Cissone
  • 4 ore di lezione
Aggiungi al comparatore
Leggi tutto

Chiedi il prezzo

...Chi era Rudolf Steiner Venerdì ore 20,00 – 24,00: Origini dell’agricoltura biologica e biodinamica Sabato ore 9,00 – 13,00: Allestimento ed uso di 500... Impara:: Prodotti biologici, Produzione vino biologico, Prodotti naturali...

  • Corso
  • Cissone
  • 16 ore di lezione
Aggiungi al comparatore
Leggi tutto

Chiedi il prezzo

...a quanti non conoscono i principi dell’agricoltura biodinamica, a produttori, trasformatori, tecnici, hobbisti e consumatori. In pratica a tutti coloro che vogliono capire... Impara:: Agricoltura sociale, Scienze agrarie, Meccanica agraria...

  • Corso
  • Cissone
  • 8 ore di lezione
Aggiungi al comparatore
Leggi tutto

Chiedi il prezzo

Professori

ADRIANO ZAGO
ADRIANO ZAGO
AGRONOMO ENOLOGO INTERNAZIONALE

Adriano Zago, nato vicino a Treviso, ho studiato agronomia ed enologia all’ università di Padova e ho completato la mia formazione presso l'Università di Montpellier (F) all’INRA all’ENSAM. Trasferito in toscana, dopo alcune esperienze in vigna dal Nord Italia, sono stato agronomo responsabile, per alcuni anni, presso due aziende nella regione viticola del Chianti Classico (FI).Vivo attualmente a Firenze. Attualmente mi occupo di consulenze in agronomica e vitivinicoltura biodinamica presso diverse aziende in Toscana, Veneto, Emilia Romagna; mi interesso, come docente, inoltre dell’attività di formazione in agricoltura biodinamica. Esperienze lavorative in Nuova Zelanda, India e Francia mi hanno aiutato a comprendere come il metodo biodinamico debba essere semplice, pratico, economico ed efficace. La forza dei preparati BD, le osservazioni dei ritmi, le rotazioni, le regole agronomiche, la fiducia nell’invisibile: strumenti concreti per una agricoltura intelligente. L’equilibrio duraturo dell’ecosistema deve essere il fine, la naturalità dei metodi, tra i quali la biodinamica, un semplice strumento.

ANNA LAURA RICCI
ANNA LAURA RICCI
giornalista scrittrice, esperta di numerologia

Anna Laura Ricci, giornalista scrittrice, esperta di numerologia, riconosciuta autorità nel campo della Numerologia, si dedica a questa disciplina da oltre trenta anni e, i suoi testi e la sua linea di pensiero fanno scuola in Italia e all’estero e non solo tra gli appassionati di Numerologia. Studiosa della psicologia junghiana che ritiene indispensabile per una lettura corretta del Grafico in un Numeroscopo. Infatti l'analisi del Grafico individua il profilo psicologico specifico e offre la possibilità di riconoscere le nostre potenzialità, ma anche i blocchi inconsci, endogeni ed esogeni che ci ostacolano di progredire nel percorso dell'autorealizzazione e di raggiungere la meritata serenità. E' un metodo unico, rivoluzionario di interpretare il Numeroscopo frutto di più di trenta anni di studi e ricerche. Anna Laura Ricci ha fatto della numerologia non solo uno strumento previsionale, ma anche diagnostico dei malesseri dell'anima arrivando al cuore di ciò che siamo veramente. Non a torto ama definirsi " studiosa del linguaggio dei numeri". Presidente del CIN - Centro Italiano Numerologia. Direttore responsabile del sito www.numeriestelle.com . Collabora con i mensili: Sirio e Top Salute

Bruno Marmo
Bruno Marmo
agricoltore biologico e artista della pietra

Bruno Marmo, agricoltore biologico ed artista della pietra ci guiderà nelle tecniche di costruzione di un muretto a secco con le sue conoscenze e la sua tecnica.

CHRISTINE FREISTETTER
CHRISTINE FREISTETTER
diploma e master in Agricoltura Biodinamica

Christine Freistetter, tedesca, è diplomata in giardinaggio. Ha svolto i suoi studi tra il 1979 e il 1982 ed è specializzata in floricoltura. Dopo la specializzazione ha curato un’azienda floreale per 14 anni. Nel 1996 ha ceduto l’azienda alla Dr.ssa C. Hahn. Contestualmente inizia a interessarsi di agricoltura biodinamica e nel 2000 consegue il Master e diviene responsabile del gruppo Giovani Giardinieri come insegnate. Nel 2009 fonda la “Gartnerei Andreashof GbR” , con Mark Thomke, società responsabile delle cultore di LichtYam, Erbe Officinali e Rose. Dal 2010 partecipa a Seminari su Erbe Officinali e LichtYam.

CLAUDIO MALAGOLI
CLAUDIO MALAGOLI
PROF. ECONOMIA AGRARIA ED ESTIMO, UNIVERSITÀ' DI SCIENZE GASTRONOMICHE

Claudio Malagoli, si laurea nel 1980 in Scienze Agrarie presso l’Universo degli studi di Bologna, lavora fino al 1983 presso l’Istituto di Estimo Rurale e Contabilità dello stesso Ateneo. Dal 1983 al 1987 lavora come ricercatore presso la Facoltà di Agraria dell’Università di Bologna e dal 1992 come professore associato di “Economia Agraria ed Estimo”. Nel 2007 si trasferisce alla Facoltà di Scienze Gastronomiche dell’Università di Pollenzo/Bra (CN). Durante i suoi studi si è occupato dell’analisi dei costi e dei consumi delle produzioni orticole e frutticole (melo, pero, pesco e susino in particolare), dei marchi di qualità e dei processi di integrazione verticale in agricoltura, lavorando per la Regione EmiliaRomagna e per il C.N.R dal 1996 sulle colture agricole alternative per la produzione di elettricità. Sempre nel 1996 si occupa dell’impatto ambientale e sociale degli OGM nell’agricoltura tradizionale. Dal 1992 svolge ricerche sull’agricoltura biologica e negli ultimi anni (2005-2009) è stato coordinatore del progetto del Ministero “Ricerca di strategie di valorizzazione del biologico”, del lavoro sulla “Valorizzazione economica e di mercato dei prodotti-presidi” per Slow Food e ha predisposto il “Disciplinare di produzione dei derivati ottenuti dalla trasformazione del tartufo” della Regione Piemonte.

Leggi tutto

Argomenti in cui è specializzato

Agricoltura biologica e biodinamica