I.S.T.I.E.E. Istituto per lo Studio dei Trasporti

I.S.T.I.E.E. Istituto per lo Studio dei Trasporti

Descrizione

La missione generale di ISTIEE consiste nello svolgimento di attivita di formazione e di ricerca, pura e applicata, rivolta al miglioramento del sistema dei trasporti nazionale e alla sua integrazione nell’ambito europeo.

Vuoi parlare del corso con un consulente?

Corsi consigliati

Quale Trasporto per il Dopo Crisi I.S.T.I.E.E. Istituto per lo Studio dei Trasporti

...per un ritorno ad una situazione di normale operatività oltre che alle azioni ritenute più opportune nel campo della promozione dei traffici...

  • Corso
  • Trieste
    e 1 altra sede.
  • 2 Giorni
Aggiungi al comparatore
Leggi tutto

Chiedi il prezzo

Storia

L’Istituto per lo Studio dei Trasporti nell’Integrazione Economica Europea (ISTIEE) è stato costituito nel 1959 per iniziativa dell’Università degli Studi di Trieste ed è stato riconosciuto con D.P.R. n. 368, 26 maggio 1975 ISTIEE è un’organizzazione no profit di formazione e di ricerca, giuridicamente e finanziariamente indipendente dall’Università degli Studi di Trieste ma collegata per statuto ai centri di ricerca dell’Ateneo specializzati nel campo dei trasporti (ingegneria, diritto, economia).
La Regione Autonoma Friuli-Venezia Giulia, con legge regionale, ha definito ISTIEE “organo di supporto tecnico, giuridico e scientifico per incrementare lo sviluppo degli studi relativi ai trasporti con particolare riguardo alle iniziative promozionali atte a favorire la divulgazione e l’approfondimento delle conoscenze nel campo dei trasporti, in relazione al ruolo delle regioni nel contesto nazionale ed internazionale”.
Nel consiglio direttivo di ISTIEE, siedono l’Università degli Studio di Trieste, gli enti locali dell’area e importanti istituzioni pubbliche del mondo dei trasporti italiano e internazionale (es. Ferrovie dello Stato, IRU, ecc.).
La missione generale di ISTIEE consiste nello svolgimento di attività di formazione e di ricerca, pura e applicata, rivolte al miglioramento del sistema dei trasporti nazionale e alla sua integrazione nell’ambito europeo, con particolare attenzione alle esigenze della regione Friuli-Venezia Giulia.
Dal lato della ricerca applicata, la stretta connessione con le strutture universitarie unitamente all’ampia autonomia permettono a ISTIEE di organizzare un ottimale coordinamento di professionalità accademiche e operative per la redazione di studi, con la possibilità di ricorrere, secondo necessità, a specialisti di peculiari ambiti settoriali.
L’Istituto, ai fini della ricerca applicata, ha sviluppato una rete di collaborazioni istituzionali con altri enti di ricerca italiani ed europei, oltre che con diversi soggetti privati operanti nel settore della logistica.
Il carattere neutrale e super-partes di ISTIEE, garantito dallo stretto legame con il mondo universitario, unitamente all’elevato potenziale di competenze fanno sì che ISTIEE sia stato considerato un riferimento per la consulenza nel campo della pianificazione dei trasporti da parte di numerose istituzioni aventi finalità pubbliche o semi-pubbliche, che hanno affidato a ISTIEE importanti studi di valutazione, progettazione o ottimizzazione (tecnica, economica o normativa) di sistemi di trasporto.
Per quel che concerne le ulteriori attività, l’attività di formazione è svolta con regolarità annuale e riguarda in particolare il settore della specializzazione universitaria e post-universitaria nel settore delle scienze dei trasporti. Ogni anno, nel mese di settembre, è organizzato un corso di specializzazione internazionale di durata settimanale. E’ regolare anche l’organizzazione di un corso di formazione professionale, di durata settimanale, per laureandi e laureati nel settore della logistica e del trasporto merci.
L’attività di ISTIEE si esplica, infine, anche attraverso la pubblicazione della Rivista scientifica specializzata “European Transport – Trasporti Europei - Quadrimestrale di Economia, Ingegneria, Diritto dei Trasporti”, diffusa a livello internazionale e nell’ambito della quale trovano ospitalità i contributi scientifici di studiosi e specialisti sia italiani che stranieri. Una quota degli articoli è riservata a tematiche di specifico interesse della regione Friuli-Venezia Giulia.