Strumenti per operatori della tutela minorile

Ascoltare il trauma dell'abuso

Centro Studi Erickson
A Trento

300 
Preferisci chiamare subito il centro?
04619... Leggi tutto

Informazione importanti

  • Seminario
  • Livello intermedio
  • Trento
  • 15 ore di lezione
  • Durata:
    2 Giorni
  • Quando:
    Da definire
Descrizione

Lo scopo del corso è di aiutare i professionisti che a vario titolo lavorano con i minori a inquadrare il fenomeno dell'abuso sessuale e del maltrattamento ai danni di minori; saper riconoscere i meccanismi di difesa; saper applicare i principi dell'ascolto attivo e utilizzare l'intelligenza emotiva.

Informazione importanti
Sedi

Dove e quando

Inizio Luogo
Da definire
Trento
Via del Pioppeto 24, 38121, Trento, Italia
Visualizza mappa

Domande più frequenti

· Quali sono gli obiettivi del corso?

Inquadrare il fenomeno dell'abuso sessuale e del maltrattamento ai danni dei minori. Riconoscere i meccanismi di difesa che intervengono di fornte alla percezione e al riconoscimento dell'abuso.

· A chi è diretto?

Professionisti che a vario titolo lavorano con i minori: psicologi, assistenti sociali, educatori professionali, operatori sanitari e di giustizia.

· Quali saranno i passi successivi alla richiesta di informazioni?

Dopo aver richiesto informazioni sarete ricontattati tramite e-mail e vi verranno fornite maggiori informazioni riguardo lo svolgimento dei nostri corsi.

Opinioni

Non ci sono ancora opinioni su questo corso

Cosa impari in questo corso?

Tutela minorile
Abuso
Abuso sessuale
Minore
Operatore sociale
Insegnante
Educatore
Intervento sociale
Aiuto psicologico
Maltrattamento
Claudio foti

Professori

Claudio Foti
Claudio Foti
Docente

Claudio Foti ha fondato il Centro Studi Hänsel e Gretel nel 1988 a Torino, di cui è Direttore Scientifico. È stato giudice onorario presso il Tribunale per i minorenni di Torino e componente dell’Osservatorio Nazionale per l’Infanzia e l’Adolescenza. Svolge attività di supervisore in équipe specialistiche per il contrasto alla violenza sui minori. È stato CTU e perito in Uffici giudiziari di numerose città italiane. È Direttore del Corso di perfezionamento «sull’intelligenza emotiva nella cura e nell’educazione», Università Pontificia Auxilium di Roma.

Programma

Presentazione
Ascoltare i segni indotti da un abuso sessuale su un minore (trauma dell’abuso) e disporsi a un intervento di protezione o di cura comporta il contatto mentale con un’area di sofferenza e ambivalenza. Un tale contatto risulta particolarmente penoso e conflittuale per l’operatore sociale, l’insegnante o l’educatore che riceve la confidenza del bambino: la tentazione di ricorrere a meccanismi difensivi di vario genere (rimozione, spostamento, evitamento, razionalizzazione, ecc.) è molto forte. In particolare si contrappongono al riconoscimento dell’abuso la negazione e il negazionismo: reazioni difensive, che mostrano – l’una sul piano psichico, l’altra sul piano culturale – un’intensità non presente nei confronti di altri fenomeni. Il corso mira a delineare i principi costitutivi dell’ascolto del trauma dell’abuso, da declinare sul piano dell’intervento sociale, educativo, clinico e psicologico: l’accettazione dell’alterità e della realtà data, la disponibilità alla relazione, la capacità di dare un nome alle emozioni e di garantirne la gestione, l’ascolto attivo ed empatico, la comprensione e la condivisione della sofferenza traumatica, la fiducia nella mente umana.

Destinatari
Professionisti che a vario titolo lavorano con i minori: psicologi, assistenti sociali, educatori professionali, insegnanti, operatori sanitari e della giustizia.
Animatori giovanili, parrocchiali, sportivi, ecc. che svolgono attività con bambini.

Obiettivi
  • Saper inquadrare il fenomeno dell’abuso sessuale e del maltrattamento ai danni di minori
  • Saper riconoscere i meccanismi di difesa che intervengono di fronte alla percezione e al riconoscimento dell’abuso
  • Saper individuare le barriere alla comunicazione dell’abuso
  • Saper applicare i principi dell’ascolto attivo e utilizzare l’intelligenza emotiva
  • Conoscere le competenze emotive e relazionali necessarie per cogliere gli indicatori dell’abuso