Automotive Design

Fondazione Democenter Sipe
A Modena

240 
+IVA
Vuoi parlare del corso con un consulente?

Informazione importanti

  • Scuola di specializzazione
  • Modena
  • 32 ore di lezione
  • Durata:
    3 Settimane
Descrizione

Formare operatori in grado di:
- Comprendere e quindi gestire, attraverso il paradigma dell’Automotive, i processi aziendali in un’ottica di innovazione continua.
- Sviluppare un’attitudine progettuale in grado di inserirsi in diversi punti della filiera produttiva.
- Integrare le visioni progettuali a quelle tecnologiche, per indirizzare le scelte strategiche delle imprese.

Informazione importanti
Sedi

Dove e quando

Inizio Luogo
Consultare
Modena
Modena, Italia
Visualizza mappa

Domande più frequenti

· Requisiti

Disegno Industriale

Cosa impari in questo corso?

Innovazione continua
Comprensione dei processi aziendali nella filiera Automotive
Design management
Design Thinking
Design Engineering
Consulenza strategica d'Impresa

Programma

Lo Short Master è un percorso di Alta Formazione che nasce per rispondere alla forte domanda espressa dal comparto dell’automotive per conoscere e approfondire gli strumenti di ottimizzazione dei processi e di innovazione procedurale tipici del design management e del design thinking. In sostanza, quel mix fra innovazione tecnologica e innovazione dei processi che costituisce l’anima del made in Italy, e che può essere replicato con successo anche in altre filiere tecnologiche (oleodinamica, macchine movimento terra, macchine agricole , etc.).

Lo Short Master è strutturato in un percorso di quattro distinte giornate, una a settimana, a frequenza anche indipendente, che si terranno a Modena, dal 13 Febbraio al 6 Marzo.

GIORNO 1 13.02.2013

Mattina:

Pragmatica dell’innovazione

In aula, docente: Carlo Branzaglia

La filiera dell’automotive come dimostrativo per concepire sistemi di innovazione continua. La analisi di macrotrend nel settore automotive, incrociata a case histories in cui concetti e processi innovativi hanno rinnovato il sistema-prodotto. Analisi delle criticità e delle opportunità offerte dallo scenario. Preparazione di una lista di punti da sollevare negli incontri in azienda, finalizzata a individuare i temi determinanti lo sviluppo tecnologico nel settore.

Pomeriggio:

Visita ad azienda - engineering: Dallara Automobili S.p.A.

incontro con operatore dell’azienda per descrizione della storia dell’azienda e visita interna.

Incontro con manager dell’area ingegneria per analisi dei plus tecnologico/progettuali.

Domande legate al tema della tecnologia come elemento di sviluppo della filiera, per acquisire informazioni in rapporto ai trend di innovazione tecnologica.

GIORNO 2 20.02.2013

Mattina:

Visita ad azienda - design: Maserati S.p.A.

Incontro con operatore dell’azienda per descrizione della storia dell’azienda e visita interna.

Incontro con manager dell’area design per analisi dei plus tecnologico/progettuali.

Domande legate al tema del design come elemento di sviluppo della filiera, per acquisire informazioni sui trend di innovazione nei processi di progettazione.

Pomeriggio:

Sviluppo keywords

In aula, docente: Carlo Branzaglia

Analisi degli input provenienti dalle visite aziendali con l’uso di tecniche di brainstorming e Open Space Technologies, e conseguente apprendimento dei metodi di facilitazione per il problem solving condiviso.

Individuazione di parole chiave per definire scenari plausibili nel sistema automotive, con l’obiettivo di elaborare linee guida per lo sviluppo di competenze legate all’innovazione dei percorsi di progettazione per l’industria.

GIORNO 3 27.02.2013

Mattina:

Concept: tecnologia

In aula, docenti: Carlo Branzaglia e Lamberto Angelini

Case histories: esempi di integrazione design e engineering. Brainstorming: confronto con i temi sviluppati nelle visite aziendali. Esempi di trasferimento tecnologico, utilizzo dei materiali, applicazioni di ricerca.

Pomeriggio:

Concept: design

In aula, docenti Carlo Branzaglia e Carmelo Di Bartolo

Case histories: dal concept al prodotto, Brainstorming: confronto con i temi sviluppati nelle visite aziendali. Esempi di concept design: progettare cluster di prodotti e servizi.

GIORNO 4 06.03.2012

Mattina e pomeriggio:

Workshop di concept design

In aula, docente Carlo Branzaglia, tutor: Jacopo Ferretti

Stesura definitiva delle parole chiave. Costruzione, e apprendimento all’uso, di strumenti di progettazione condivisa e trasversale alle aree professionali (tagcloud, mappe mentali, moodboard, visual facilitation) per la definizione di un manuale di linee guida di indirizzo per la innovazione della filiera dell’automotive e della meccanica.

Ulteriori informazioni

Informazioni sul prezzo : Bonifico Bancario da effettuare entro la partenza del corso, a Fondazione DemoCenter-Sipe, presso Banca Popolare dell’Emilia - Romagna, Ag. 5 di Modena - IBAN: IT44C0538712905000000551764