Biodanza - Teresa e Pierantonio

Biodanza con Teresa e Pierantonio a Genova
A Genova

52 
+IVA
Vuoi parlare del corso con un consulente?

Informazione importanti

  • Corso
  • Per bambini
  • In 2 sedi
  • 10 ore di lezione
Descrizione

Obiettivo del corso: Il Corso di Biodanza® Sistema Rolando Toro è un sistema di integrazione affettiva, rinnovamento organico e riapprendimento delle funzioni che originano la vita; basata su vivencias indotte dalla danza, il canto e la situazioni di incontro di gruppo". Il percorso proposto rappresenta un efficace strumento olistico di crescita personale teso a ricreare nella persona una condizione di benessere.
Rivolto a: il Corso è specificatamente rivolto alle persone di ambo i sessi di età compresa tra i 18 e i 65 anni, anche se il Modello Teorico della Biodanza® si adegua alle esigenze di tutte le età. Può essere applicata per bambini, adolescenti, adulti e anziani. Nella prevenzione, per persone sane, procura il rinforzo delle funzioni organiche, la rieducazione affettivo-motoria e favorisce l'espressione dell'Identità.

Informazione importanti
Sedi

Dove e quando

Inizio Luogo
Consultare
Genova
Piazza Palermo n. 5/35, 16100, Genova, Italia
Visualizza mappa
Consultare
Genova
Via Pittaluga, 5A 16100 , 16100, Genova, Italia
Visualizza mappa

Domande più frequenti

· Requisiti

Non vi sono prerequisiti richiesti per frequentare il Corso, anche se gli insegnanti preferiscono effettuare un colloquio personale propedeutico..

Programma

Il Corso di Biodanza Sistema Rolando Toro condotto da Teresa e Pierantonio, si svolge con incontri settimanali di circa 2 (due) ore tutti i lunedì dalle ore 20 alle ore 22, in un arco temporale compreso tra ottobre e giugno. Durante l'anno i conduttori potranno proporre alcuni stage specifichi di approfondimento, nei quali verranno sviluppate nemerose tematiche tese a favorire il percorso di crescita individuale e di gruppo degli allievi.
L’azione del Sistema Biodanza® sulla persona integra l'affettività con la motricità ossia, promuove la sintonia tra sentire e agire. Riattiva le forze istintive che hanno come finalità conservare la vita e permettere la sua evoluzione. Suscita l'espressione dell'identità. Nelle sessioni di Biodanza® ognuno è, “più che mai”, se stesso: rispettato e valorizzato, accettato ed amato. Gli stimoli offerti portano a sentire il corpo come fonte di piacere e come potenziale di espressione creativa. Nel Sistema Biodanza® tre sono gli strumenti fondamentali che agiscono:
la musica: scelta con cura mediante studi che ne identificano, tra altre caratteristiche, il contenuto emozionale e la forza induttrice di sensazioni integranti
il movimento: fisiologico e adeguato allo stimolo musicale e alla situazione proposta. Il movimento che proponiamo integra, connette, incorpora ed include
la vivencia: che definisce l'esperienza interiore vissuta intensamente nel momento presente. La vivencia è soggettiva ed è espressione psichica della funzione di connessione alla vita.
In Biodanza® il processo d'integrazione si attua stimolando la funzione di connessione alla vita. Essa consente a ciascun individuo di integrarsi a sé, all'altro e all'universo.
L'integrazione a sé consiste nel rinforzare l'unità psicofisica.
L'integrazione all'altro consiste nel ripristinare il vincolo con la specie.
L'integrazione all'Universo consiste nel riavviare il legame che unisce l'individuo alla natura e nel riconoscersi una parte del cosmo.
La Biodanza® non si sviluppa individualmente. La presenza di un gruppo permette al partecipante di sentirsi protetto ed in grado di comunicare con gli altri le sue difficoltà, i suoi desideri e la sua voglia di cambiamento: in questo contesto la crescita esistenziale avviene assieme agli altri, alla comunità umana, e non in solitudine.

La Biodanza® attraverso vivencias integrative, rafforzate dalla musica e dall'affettività, stimola il processo di autoregolazione dell'asse neuroendocrino ipofisi-surrenale, facilitando il processo di adattamento ed evitando le conseguenze dello stress. Secondo Rolando Toro possiamo affermare in tutta sicurezza che lo stress è la malattia del secolo. La maggior parte delle persone oggi è sottoposta ad una forte pressione psicologica e ambientale che inquina tutta la loro esistenza. Lo stress è la risposta dell'organismo di fronte alla violenza emozionale ed organica che le persone ricevono durante la loro vita quotidiana. La risposta dell'organismo di fronte all'aggressione esterna ed interna può alterare profondamente le funzioni vitali generando malattie. L'organismo umano con l'attuale stile di vita subisce danni e aggressioni psicologici e fisici. Di fronte a queste aggressioni l'organismo si colloca in uno stato di allarme e invia allora informazioni, attraverso la regione limbico-ipotalamica, all’ipofisi. Questi messaggi si chiamano "allarmogeni". Gli allarmogeni possono essere di carattere psicologico, provocati da tensione sul lavoro, conflitti affettivi, difficoltà familiari, crisi economiche , compresi gli stati depressivi, del tipo filosofico-esistenziale. L'ipofisi dunque cambia i livelli di stimolazione sull'asse ipofisi-ghiandole surrenali. La corteccia surrenale produce corticoli per difendere l'organismo (glucorticoidi e mineral corticoidi). In queste circostanze l'organismo entra In una fase di adattamento. Per questo lo stress è stato definito “Sindrome Generale di Adattamento” (S.G.A.). Quando l'organismo non riesce ad adattarsi, lo stress induce allora malattie psicosomatiche. Questo è lo schema stabilito da Hanz Selye (premio Nobel per la medicina, Montreal, Canada). Lo stress, quando diventa cronico, può indurre malattie come l'infarto del miocardio, l'ipertensione arteriosa, l'ulcera gastrica o duodenale, asma o altri disturbi respiratori, l'impotenza sessuale, l'insonnia.”

Ulteriori informazioni

Stage: Gli stage tematici vengono proposti nei fine settimana
Alunni per classe: 15