Cooperazione Internazionale e Politiche per lo Sviluppo

Università degli Studi di Urbino
A Urbino

Chiedi il prezzo
Vuoi parlare del corso con un consulente?
Confronta questo corso con altri simili
Leggi tutto

Informazione importanti

  • Laurea
  • Urbino
Descrizione

Informazione importanti
Sedi

Dove e quando

Inizio Luogo
Consultare
Urbino
Via Aurelio Saffi, 2, 61029, Pesaro e Urbino, Italia
Visualizza mappa

Opinioni

Non ci sono ancora opinioni su questo corso

Programma

Obiettivi formativi specifici
Ai sensi di quanto disposto dall'art. 3, comma 4, del d.m. 509/99, e nel rispetto degli obiettivi formativi qualificanti individuati dalla classe di riferimento, obiettivi formativi del corso di laurea in Cooperazione internazionale e politiche per lo sviluppo sono:
  • fornire adeguata conoscenza di base nell'area delle discipline demoetnoantropologiche, dello sviluppo e del mutamento sociale, anche con conoscenza delle politiche di pari opportunità;
  • far acquisire familiarità con i fenomeni della mondializzazione dell'economia, con le dinamiche interculturali e di genere e con le componenti antropologiche, sociali, culturali, giuridiche, e istituzionali dello sviluppo, anche a livello locale;
  • porre in grado di utilizzare efficacemente, in forma scritta e orale, almeno due lingue dell'Unione Europea, oltre all'italiano, nell'ambito specifico di competenza e per lo scambio di informazioni generali;
  • far acquisire adeguate competenze e strumenti per la comunicazione e la gestione dell'informazione;
  • sviluppare la capacità di lavorare in gruppo, di operare con definiti gradi di autonomia e di inserirsi prontamente negli ambienti di lavoro.

    Conoscenze richieste per l'accesso (art.6 D.M. 509/99)
    Ai sensi del primo comma dell'art. 6 del d.m. 509/1999, nonché dell'art. 5 del Regolamento didattico di ateneo, sono ammessi al corso di laurea in Cooperazione internazionale e politiche per lo sviluppo coloro che siano in possesso di un diploma di scuola secondaria superiore, o di altro titolo conseguito all'estero riconosciuto idoneo, dal quale si evinca il possesso di una adeguata preparazione culturale di base in uno dei campi tecnico-economico, sociale, scientifico o umanistico. Con il regolamento didattico del corso di studio, adottato dai Consigli delle Facoltà di Giurisprudenza e di Scienze politiche ai sensi dell'art. 12 del d.m. 509/99 e dell'art. 3 del Regolamento didattico di ateneo, possono essere previste, conformemente all'art. 7 di quest'ultimo, modalità di verifica, anche a conclusione di attività formative propedeutiche, delle conoscenze necessarie per la partecipazione ai corsi e l'eventuale definizione di obblighi formativi; il regolamento didattico del corso di studio potrà altresì prevedere, all'esito di prove di orientamento e/o attitudinali, l'indicazione facoltativa di attività formative ulteriori.

    Caratteristiche della prova finale
    La laurea in Cooperazione internazionale e politiche per lo sviluppo si consegue mediante pubblica discussione di un caso pratico di studio, ovvero di uno schema di progetto elaborato in lingua inglese, scelto, o definito, d'accordo con uno o più docenti delle materie di insegnamento. Il regolamento didattico del corso di studio stabilisce se la presentazione di un elaborato scritto sia obbligatoria ovvero facoltativa. Per essere ammesso alla prova finale, lo studente deve aver conseguito 176 crediti, comprensivi dei crediti previsti per la conoscenza delle lingue straniere.

    Ambiti occupazionali previsti per i laureati
    Il corso di laurea si propone di formare figure professionali che operino nel campo delle politiche per lo sviluppo economico, istituzionale ed umano. Il curriculum degli studi è orientato allo svolgimento di attività nei seguenti ambiti:
    A) delle organizzazioni governative e del terzo settore (in particolare per quanto riguarda il management degli interventi di cooperazione e di gestione delle emergenze)
    B) della pubblica amministrazione (soprattutto per quanto riguarda la cooperazione decentrata e le politiche per lo sviluppo istituzionale ed economico)
    C) nelle istituzioni educative (educazione alla mondialità)
    D) nelle missioni delle organizzazioni internazionali a favore dei paesi in transizione.

    Lauree specialistiche alle quali sarà possibile l'iscrizione (senza debiti formativi)
    88/S Lauree spec. in scienze per la cooperazione allo sviluppo

    Attività di base
    Discipline giuridico-politiche

    CFU 14
    IUS/09: ISTITUZIONI DI DIRITTO PUBBLICOIUS/21: DIRITTO PUBBLICO COMPARATO
    Discipline storico-antropologiche

    CFU 13
    M-STO/03: STORIA DELL'EUROPA ORIENTALE M-STO/04: STORIA CONTEMPORANEA
    Istituzioni di economia e politica economica

    CFU 20
    SECS-P/01: ECONOMIA POLITICASECS-P/03: SCIENZA DELLE FINANZESECS-P/06: ECONOMIA APPLICATATotale CFU 47

    Attività caratterizzanti
    Cooperazione e sviluppo

    CFU 15
    IUS/13: DIRITTO INTERNAZIONALE
    Discipline antropologiche

    CFU 13
    M-DEA/01: DISCIPLINE DEMOETNOANTROPOLOGICHE
    Geografia e organizzazione del territorio

    CFU 12
    M-GGR/01: GEOGRAFIA M-GGR/02: GEOGRAFIA ECONOMICO-POLITICA
    Sociologia e sistemi sociali e politici

    CFU 12
    SPS/07: SOCIOLOGIA GENERALETotale CFU 52

    Attività affini o integrative
    Discipline giuridiche

    CFU 18
    IUS/01: DIRITTO PRIVATOIUS/02: DIRITTO PRIVATO COMPARATOIUS/10: DIRITTO AMMINISTRATIVO
    Informatica

    CFU 1
    INF/01: INFORMATICA
    Istituzioni per lo sviluppo

    CFU 9
    IUS/14: DIRITTO DELL'UNIONE EUROPEATotale CFU 28

    Attività specifiche della sede
    CFU 9
    IUS/12: DIRITTO TRIBUTARIOIUS/17: DIRITTO PENALEM-STO/07: STORIA DEL CRISTIANESIMO E DELLE CHIESESPS/05: STORIA E ISTITUZIONI DELLE AMERICHESPS/13: STORIA E ISTITUZIONI DELL'AFRICATotale CFU 9
    Altre attività formativeA scelta dello studenteCFU 12Per la prova finaleCFU 4
    Prova finale
    CFU 4
    Lingua straniera
    CFU 11Altre (art. 10, comma 1, lettera f )
    Totale
    CFU 17Totale CFU 44

    Totale Crediti CFU Cooperazione Internazionale e Politiche per Lo Sviluppo 180
    Docenti di riferimento

    GILIBERTI Giuseppe

    Previsione e programmazione della domanda
    Programmazione nazionale delle iscrizioni al primo anno (art.1 Leg

  • Confronta questo corso con altri simili
    Leggi tutto