Coordinatore per la Progettazione E/O Esecuzione dei Lavori Edili (D.Lgs. 81/08)

Silvestrini Service
A Napoli

700 
+IVA
Vuoi parlare del corso con un consulente?
Confronta questo corso con altri simili
Leggi tutto

Informazione importanti

  • Qualifica professionale
  • Napoli
  • 120 ore di lezione
Descrizione

Obiettivo del corso: D.Lgs. n° 81 del 09/04/2008 (Testo Unico sulla salute e sicurezza sul lavoro) - art. 136. D.Lgs. n° 626 del 19/07/1994 (sicurezza sul lavoro) Il coordinatore per la progettazione ed il coordinatore per l’esecuzione dei lavori deve essere in possesso dei seguenti requisiti: a)laurea in architettura o ingegneria edile conseguita con il vecchio ordinamento; b)laurea in architettura o ingegneria.
Rivolto a: Il corso di formazione (come obbligo di legge) è rivolto a tecnici (Architetti, Ingegneri, Geometri, Periti, ecc.) interessati a svolgere la funzione di coordinatore per la progettazione e/o coordinatore per l’esecuzione dei lavori.

Informazione importanti
Sedi

Dove e quando

Inizio Luogo
Consultare
Napoli
Piazza Garibaldi, 80100, Napoli, Italia
Visualizza mappa

Domande più frequenti

· Requisiti

Diploma di scuola media superiore

Programma

Obiettivo del corso
Il corso intende fornire ai partecipanti la formazione adeguata in base alle prescrizioni della normativa vigente, riguardanti lo svolgimento del ruolo assegnato.
L’allievo viene messo in condizione di sviluppare le capacità gestionali e relazionali nonché acquisire le conoscenze specifiche per svolgere la funzione di Coordinatore alla sicurezza in fase di progettazione (CSP) e/o in fase di esecuzione dei lavori (CSE).
Programma del corso
Il D.Lgs. 81/08 (allegato XIV) fissa i contenuti minimi del percorso formativo:

Modulo giuridico
  • la legislazione di base in materia di sicurezza e di igiene sul lavoro;
  • la normativa contrattuale inerente gli aspetti di sicurezza e salute sul lavoro;
  • la normativa sull’assicurazione contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali;
  • le normative europee e la loro valenza;
  • le norme di buona tecnica;
  • le direttive di prodotto;
  • il testo unico in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro con particolare riferimento al Titolo I;
  • i soggetti del Sistema di Prevenzione Aziendale: i compiti, gli obblighi, le responsabilità civile e penali;
  • metodologie per l’individuazione, l’analisi e la valutazione dei rischi;
  • la legislazione specifica in materia di salute e sicurezza nei cantieri temporanei o mobili e nei lavori in quota;
  • le figure interessate alla realizzazione dell’opera: i compiti, gli obblighi, le responsabilità civili e penali;
  • la legge quadro in materia di lavori pubblici ed i principali decreti attuativi;
  • la disciplina sanzionatoria e le procedure ispettive;
Modulo tecnico
  • rischi di caduta dall’alto - ponteggi ed opere provvisionali;
  • l’organizzazione in sicurezza del cantiere;
  • gli obblighi documentali da parte dei committenti;
  • le malattie professionali ed il primo soccorso;
  • il rischio elettrico e la protezione contro le scariche atmosferiche;
  • il rischio negli scavi, nelle demolizioni, nelle opere in galleria;
  • i rischi connessi all’uso di macchine ed attrezzature da lavoro;
  • i rischi chimici in cantiere;
  • i rischi fisici: rumore, vibrazioni, illuminazione;
  • i rischi connessi alle bonifiche di amianto, biologici, da movimentazione manuale dei carichi, da incendio e da esplosione;
  • i rischi nei lavori di montaggio e smontaggio di elementi prefabbricati;
  • i dispositivi di protezione individuali e la segnaletica di sicurezza;
Modulo metodologico/organizzativo
I contenuti minimi del piano di sicurezza e coordinamento), del piano sostitutivo di sicurezza e del piano operativo di sicurezza;
I criteri metodologici per: a)l’elaborazione del piano di sicurezza e di coordinamento e l’integrazione con i piani operativi di sicurezza ed il fascicolo b)l’elaborazione del piano operativo di sicurezza c)l’elaborazione del fascicolo d)l’elaborazione del Pi.M.U.S. (piano di montaggio,uso,smontaggio dei ponteggi) e)la stima dei costi della sicurezza;
Teorie e tecniche di comunicazione orientate alla risoluzione di problemi ed alla cooperazione;
I rapporti con la committenza, i progettisti, la direzione dei lavori ed i rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza;
Parte pratica
Esempi dei vari piani di sicurezza (PSC, POS, ecc.)

Sanzioni penali ed amministrative
Art. 158 punto 1
Il coordinatore per la progettazione è punito con l’arresto da 3 ad 6 mesi o con l’ammenda da 3.000 € a 12.000 € se non provvede a redigere il PSC (piano di sicurezza e coordinamento i cui contenuti sono dettagliatamente specificati nell’allegato XV del D.Lgs. 81/08) nonché alla mancata predisposizione di un fascicolo (i cui contenuti sono dettagliatamente specificati nell’allegato XVI del D.Lgs. 81/08) tranne il caso di lavori di manutenzione ordinaria.
Art. 158 punto 2 comma a

Il coordinatore per la progettazione è punito con è punito con l’arresto da 3 ad 6 mesi o con l’ammenda da 3.000 € a 12.000 € se:
-non verifica, con opportune azioni di coordinamento e controllo, l’applicazione da parte delle imprese esecutrici delle disposizioni contenute nel PSC
-non verifica, l’idoneità del POS (piano operativo di sicurezza) come piano complementare al PSC
-non organizza tra i datori di lavoro la cooperazione ed il coordinamento nonché la reciproca informazione
-non segnala al committente o al responsabile dei lavori le inosservanze al PSC da parte delle imprese esecutrici
-non sospende i lavori in caso di pericolo grave ed imminente

Il coordinatore per la progettazione e/o esecuzione dei lavori è tenuto, in base al D.Lgs. 81/08, alla frequentazione del corso di formazione nonché agli aggiornamenti previsti
La vigilanza sull’applicazione della legislazione in materia è svolta dall’azienda sanitaria locale competente per territorio e, per quanto di specifica competenza, dal corpo nazionale dei vigili del fuoco.
Ferme restando le competenze in materia di vigilanza di vigilanza attribuite dalla legislazione vigente al personale ispettivo del Ministero del Lavoro e della previdenza sociale, lo stesso personale può esercitare l’attività di vigilanza sull’applicazione della legislazione in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro nelle seguenti attività:
-attività nel settore delle costruzioni edili in generale
-attività lavorative comportanti rischi particolarmente elevati


Ulteriori informazioni

Stage: Tirocinio
Alunni per classe: 20

Confronta questo corso con altri simili
Leggi tutto