Counseling Aziendale Biennale Accreditato Cncp

FORWARD Consulenza & Formazione
A Milano

2.200 
+IVA
Vuoi parlare del corso con un consulente?
Confronta questo corso con altri simili
Leggi tutto

Informazione importanti

  • Corso
  • Milano
  • Durata:
    2 Anni
Descrizione

Obiettivo del corso: La formazione è specialmente finalizzata all'apertura di nuove visioni ed all'acquisizione di nuovi strumenti che consentono di gestire in modo professionale i conflitti, supportare e favorire situazioni in evoluzione e cambiamento, progettare interventi di sviluppo e di formazione, sostenere interventi di aiuto psicologico, sociale, organizzativo, nei confronti di gruppi e di singole persone.
Rivolto a: Persone che già operano nelle Organizzazioni, che intendono perfezionare la conoscenza delle strategie e degli strumenti utilizzabili nell'azione organizzativa in senso ampio, ed in particolare nell'ambito della relazione di aiuto rivolta alle persone che operano nelle organizzazioni. La formazione è particolarmente interessante per professionisti delle Risorse Umane, dell'azione Sociale e per gli interessati ad approfondire il funzionamento dei sistemi sociali in particolari momenti di crisi.

Informazione importanti
Sedi

Dove e quando

Inizio Luogo
Consultare
Milano
Via Antonello da Messina,5, 20146, Milano, Italia
Visualizza mappa

Domande più frequenti

· Requisiti

Esperienza nelle Organizzazioni, in ambito Manageriale, delle Risorse Umane, dell'Educazione e Formazione, dell'intervento Sociale. Laurea o Diplomi.

Programma

Il corso si propone a persone che intendano qualificare la propria professionalità nell’ambito della relazione d’aiuto rivolta ai membri delle Organizzazioni, nelle diverse situazioni personali individuali o connesse ai ruoli ed al comportamento organizzativo. La partecipazione può aprire orizzonti più ampi alle persone che già operano nel campo della relazione di aiuto nelle Organizzazioni secondo obiettivi diversificati e disomogenei, spesso con direttive non ben definite per la mancanza di politiche generali. Il corso d’altra parte consente a persone che intendono integrare una preparazione prevalentemente accademica e teorica con l’acquisizione e la sperimentazione di competenze operative e di esperienze professionalizzanti di intervento nell’ambito delle Organizzazioni.

Il corso si rivolge a persone con lauree o diplomi universitari nelle aree: sociale, psicologica, sanitaria, educativa, giuridica, economica, tecnica e manageriale.

Può altresì accedere chi abbia conseguito diplomi superiori a cui sia seguita una positiva sostanziale esperienza lavorativa nel campo della gestione e sviluppo delle Risorse Umane, dell’Educazione e della Formazione, o dell’intervento sociale ed organizzativo, più in generale, nei contesti di consulenza e di assistenza alle persone inserite nelle Organizzazioni, secondo percorsi e figura diverse.

La struttura generale del corso è stata sviluppata nello spirito e come espressione ed applicazione dei principi, degli scopi e dei contenuti di base ritenuti indispensabili per la formazione dell’operatore del Counselling. L’orientamento alla lettura ed intervento dei sistemi organizzativi caratterizza in modo decisivo l’attività formativa e si viene ad inserire in un ben definito quadro di riferimento disciplinare e teorico.

L’elemento di base è costituito da una consistente formazione psicologica di base, interpretata secondo l’approccio sistemico relazionale che ha come base conoscitiva ed epistemologica la teoria dei sistemi e lo studio e descrizione dei comportamenti, strutture e regolarità all’interno dei sistemi complessi. A tale formazione si affianca una diversificata visione sociologica e giuridica elaborata secondo lo stesso modello scientifico e disciplinare e secondo modelli di intervento compatibili.

Ulteriore strumento di comprensione e di intervento è la disciplina che tratta analiticamente del conflitto, delle sue componenti, delle sue forme e manifestazioni, degli strumenti di intervento e della sovrastante premessa strategica, etica e comportamentale.

L’approccio sistemico relazionale consente una buona lettura del sistema dei rapporti ed interazioni fra osservato ed osservante, in un contesto dove è impossibile considerare trascurabile la presenza dell’osservatore, strumenti di osservazione flessibili ed adeguati, una buona flessibilità di intervento tra i diversi piani dell’analisi e della sintesi, la scelta possibile tra diversi modelli, livelli e stili di intervento, efficaci ed adatti alla situazione ed al suo contesto di riferimento. Il modello sistemico consente inoltre di analizzare le diverse reazioni del sistema nei confronti delle forze che tendono a favorire evoluzioni e quelle che tendono a frenare la dinamica del cambiamento.

Il rapporto di aiuto può essere esercitato coerentemente ed efficacemente concentrando la massima attenzione sulle interazioni all’interno del sistema, sui rapporti con il contesto od i contesti, sulle modalità di svolgimento del rapporto, sull’intensità e significatività della comunicazione, sulle normative e sulla trasparenza e deontologia professionale.

Gli argomenti vengono introdotti e sviluppati in modo ampio e multidimensionale e sono arricchiti delle visioni e dalle opinioni dei docenti e degli allievi; l’obiettivo è quello di creare nel gruppo una procedura ed un metodo di lavoro aperti ad una visione sistemica, non lineare, orientata alla complessità. In particolare nella seconda annualità il baricentro della formazione si sposta verso l’affinamento delle capacità di diagnosi della complessità e di lettura delle situazioni e dinamiche, in funzione di una seria costruzione, critica e messa a punto di modelli di intervento validi a provocare cambiamenti consistenti nella crescita e sviluppo delle alternative a disposizione, e nel supporto efficace ala dinamica di risoluzione spontanea da una complessità ad un’altra. L’approccio sistemico è particolarmente adatto per introdurre una metodologia comune di lavoro interdisciplinare normalmente utilizzata, anche se spesso in modo intuitivo e non sistematico, da parte degli Operatori nelle Aziende e nelle Organizzazioni nei diversi ruoli specialistici e generalisti. Una buona preparazione sistemica consente inoltre di superare agevolmente su un più elevato livello le diverse visioni strutturaliste ed organiciste dell’Organizzazione.

Nell’ambito della prima annualità i contenuti psicologici e l’analisi sulle basi scientifiche del metodo delle diverse discipline rappresentano da un lato uno stimolo alla creazione di un linguaggio e di una base metodologica comune nella quale il Manager, lo Psicologo, il professionista di gestione e sviluppo delle Risorse Umane trovano comuni orientamenti alla diversità dei problemi, dall’altro definisce il livello di rigore concettuale ed operativo che costituisce uno degli aspetti fondamentali, quello etico, che caratterizzano la professione di Counsellor.

Il modello didattico intende costruire un modello in scala adeguato alla prassi di analisi e di intervento nella struttura complessa e multidimensionale delle organizzazioni umane. Tale modalità viene favorita valorizzando le diversità di pensiero, di cultura e di stile presenti nel gruppo in formazione, in modo da costruire ipotesi sistemiche sulla dinamica delle relazioni e dei conflitti, che rappresentino il risultato del lavoro di scambio e di integrazione svolto in gruppo. Sono previsti momenti di approfondimento teorico, attività di gruppo e sottogruppo, attività di ricerca e di elaborazione di progetti, momenti di autovalutazione e di verifica di quanto appreso.

Il Corso si svolge alla sera, e consente a chi lavora di poter concludere un ciclo di formazione base di Counsellor secondo i disciplinari fissati dal CNCP in due anni anziché in tre, a parità di numero di ore svolte. Il totale delle ore, nei due anni, è di 332 ore di formazione di aula e seminari, 90 di tirocini e 30 ore di supervisione, per un totale di 452 ore.

Il Corso è stato ideato, progettato ed organizzato in collaborazione con il Centro per la Mediazione Sistemica Gregory Bateson di Milano, con la collaborazione metodologica e didattica del gruppo di formatori ad esso collegati. In particolare, è stata riservata una decisiva attenzione alla scelta di Docenti in possesso di significative esperienze di interventi sistemici di cambiamento, sviluppo e di counseling aziendale e nelle Organizzazioni, in possesso della qualifica di didatti AIMS o CNCP.

La direzione del Corso è affidata al Dr. Guido Moretto, esperto di Organizzazione aziendale e di intervento organizzativo, sviluppo e formazione delle risorse umane, didatta CNCP. Responsabile della metodologia formativa è Rosita Marinoni, Psicologa, Formatrice, Mediatrice , Didatta AIMS, Presidente del Centro per la Mediazione Sistemica G. Bateson di Milano, Partner di Forward Sas e Responsabile dell’area Formazione e Psicologia per le Aziende.

Ulteriori informazioni

Stage:

90 ore di tirocinio - 30 ore di supervisione


Alunni per classe: 15

Confronta questo corso con altri simili
Leggi tutto