Counselling e Mediazione Familiare

Associazione Culturale- Tor Sapienza
A Roma, Tor Sapienza

Chiedi il prezzo
Vuoi parlare del corso con un consulente?

Informazione importanti

  • Laboratorio
  • Roma, tor sapienza
  • Durata:
    1 Anno
Descrizione

Obiettivo del corso: Si tratta di un processo di aiuto rivolto a coloro che attraversano un momento di difficolta'.
Rivolto a: E' rivolto a persone singole, coppie o gruppi di persone.

Informazione importanti
Sedi

Dove e quando

Inizio Luogo
Consultare
Roma, Tor Sapienza
Viale Filippo De Pisis, 1, 00155, Roma, Italia
Visualizza mappa

Domande più frequenti

· Requisiti

Nessuno

Professori

Paola Grillo
Paola Grillo
Consellor e Mediatore familiare, MusicArTerapeuta (GuerraLisi)

maggiori informazioni su www.paolagrillo.com

Programma

Cos’è il Counselling
Il Counselling si occupa di migliorare la qualità della vita dell’individuo aiutandolo a sciogliere il nodo che lo blocca.
Si tratta di un processo d’aiuto rivolto a coloro (persone singole, coppie o gruppi di persone) che attraversano un momento di difficoltà (stati di malessere generale, scelte difficili da prendere, difficoltà nelle relazioni, stati d’ansia, problematiche genitoriali, ecc…).
Si avvale di alcune tecniche della psicoterapia per aiutare la persona ad intraprendere un’auto-esplorazione per conoscere meglio le proprie emozioni ed averne consapevolezza.
Il counselor non dà consigli, non esprime pareri o giudizi, non offre una soluzione ma aiuta e agevola la persona a trovare la propria soluzione, arrivando a conoscere e a prendere coscienza di ciò che è meglio per sé.
Cosa non è
Non è una terapia, non è una psicoterapia.
Non è una consulenza.

La Mediazione Familiare persegue l’obiettivo di consentire ai genitori separati, o in via di separazione, di esercitare, nell'interesse dei figli, le proprie responsabilità genitoriali in un clima di mutuo rispetto, come auspicato dalla nuova legge sull'affidamento congiunto.
Mira a mantenere o stabilire la comunicazione, fornisce un contesto procedurale entro il quale la coppia comprende la natura del conflitto, ne apprezza le reciproche responsabilità, elabora il dolore sotteso. Fa leva sulle proprie risorse e individua le condizioni più adatte sulle quali fondare accordi durevoli e soddisfacenti.

Con 10-12 incontri la coppia affronta il conflitto in atto, ristabilisce la comunicazione, elabora le emozioni sottostanti e pianifica responsabilmente la propria condizione di partner e genitore, differenziandola. I partner così, sostenuti dal mediatore, raggiungono accordi soddisfacenti e durevoli nel tempo che condivisi con gli avvocati vengono presentati al giudice e velocemente ufficializzati.

A cura della dr.ssa Paola Grillo