Cultura e Amministrazione dei Beni Culturali

Università degli Studi di Napoli
A Napoli

Chiedi il prezzo
Vuoi parlare del corso con un consulente?
Confronta questo corso con altri simili
Leggi tutto

Informazione importanti

  • Laurea
  • Napoli
Descrizione

L'Università degli Studi di Napoli presenta a continuazione il programma pensato per migliorare le tue competenze e permetterti di realizzare gli obiettivi stabiliti. Nel corso della formazione si alterneranno differenti moduli che ti permetteranno di acquisire le conoscenze sulle differenti tematiche proposte. Inscriviti per poter accedere alle seguenti materie.

Informazione importanti
Sedi

Dove e quando

Inizio Luogo
Consultare
Napoli
C.so Umberto I, 000, Napoli, Italia
Visualizza mappa

Opinioni

Non ci sono ancora opinioni su questo corso

Cosa impari in questo corso?

Beni culturali

Programma

  • Classe di Laurea: L-1 Beni culturali
  • Tipo di corso: Triennale
  • Area didattica: Studi umanistici
  • Scuola: Scuola delle Scienze Umane e Sociali
  • Dipartimento: Dipartimento di Studi Umanistici
  • Durata: 3 anni
  • Accesso al Corso: Libero
  • Coordinatore: Prof. Giovanni Indelli
  • Sito Web: studiumanistici.dip.unina.it
  • Ufficio Segreteria Studenti: Segreteria Studenti Area didattica Studi Umanistici
  • Sportello di Orientamento:
    • Sede: Via Porta di Massa,1 - 80133 Napoli
    • Telefono: 081-2535523
    • Fax: 081-5527818
    • e-mail: letterefilosofia.orienta@unina.it
    • Referente: prof. Francesco Bifulco
  • Obiettivi specifici:

    Il Corso di Studio in Cultura e Amministrazione dei Beni Culturali è stato istituito nell'A.A. 2001/2002 all'interno di un piano di internazionalizzazione, con l'intento di formare figure professionali prevalentemente nel settore dell'amministrazione e della valorizzazione dei Beni Culturali, fornite di ampie conoscenze e competenze umanistiche. Il percorso di studi prevede una formazione con una base comune molto solida nelle principali materie umanistiche previste dalla scheda ministeriale; su tale base vanno a innestarsi le discipline giuridiche, economiche, e quelle specifiche del settore dei Beni Culturali. L'area delle discipline caratterizzanti contemplate dal Corso di Studio risulta adeguatamente articolata, per consentire agli studenti di individuare differenti percorsi, già in parte professionalizzanti: in particolare un percorso archeologico, uno storico-artistico, uno archivistico-bibliotecario, uno di musica e spettacolo oppure un percorso misto che può attingere ai vari campi dei Beni Culturali.
    Tra gli altri obiettivi formativi del Corso di Studio si segnalano:

    • la preparazione per una corretta utilizzazione dei principali strumenti informatici applicati ai Beni Culturali;
    • la conoscenza di una lingua dell'Unione Europea, oltre l'italiano;
    • l'attivazione di stages e tirocini con finalità professionalizzanti presso istituzioni pubbliche e private.

    Gli sbocchi professionali previsti sono presso enti locali ed istituzioni specifiche quali, per esempio, Soprintendenze, Musei, Archivi, Cineteche, Teatri, Conservatori, Fondazioni nonché presso aziende private e organizzazioni professionali operanti nel settore della tutela, della valorizzazione e della fruizione dei Beni Culturali.
    La laurea in Cultura e Amministrazione dei Beni Culturali è titolo sufficiente per l'iscrizione al Corso di Studio Magistrale in Organizzazione e Gestione del Patrimonio Culturale e Ambientale (LM-76), attivato nell'Università di Napoli Federico II, e costituisce anche titolo di base per l'ammissione a altri percorsi formativi (Corsi di perfezionamento, Master di primo livello, altri Corsi di Studio Magistrale).
    Per il raggiungimento degli obiettivi sopra descritti gli studenti seguiranno il Piano degli Studi riportato nel Regolamento Didattico (vedi sito).

  • Conoscenze richieste per l'accesso:

    Per essere ammessi al Corso di Studio in Cultura e Amministrazione dei Beni Culturali gli studenti devono essere in possesso di un diploma di scuola secondaria superiore o di altro titolo di studio conseguito all'estero, riconosciuto idoneo.
    Si richiedono inoltre una buona conoscenza della lingua italiana in forma scritta e orale, capacità di analisi, sintesi, parafrasi e commento critico ai testi dati in lettura, nonché nozioni di base di cultura generale, come previsto dal completamento del percorso di studi delle scuole secondarie superiori. La Commissione per il Coordinamento Didattico del CdS potrà prevedere per gli immatricolandi una prova di valutazione, non vincolante ai fini dell'iscrizione, da svolgere anche per via telematica, con lo scopo di ricavare indicazioni generali sulle attitudini dello studente a intraprendere gli studi prescelti e sullo stato delle conoscenze di base richieste. Le modalità di svolgimento della prova, qualora sia prevista, e quelle per colmare eventuali lacune saranno specificate nel regolamento didattico.

  • Prova finale:

    La prova finale per il conseguimento del titolo consiste nella discussione pubblica di un elaborato scritto, davanti a una commissione composta da sette membri scelti tra professori e ricercatori. Da tale elaborato, redatto sotto la guida di un docente tutor, dovrà risultare che studente abbia saputo condurre un'attività di ricerca in una delle discipline previste dal Piano di studi, tenendo conto della relativa bibliografia e garantendo il maggior grado di aggiornamento possibile, dimostrando la maturità culturale raggiunta e la sua capacità di elaborare capacità di elaborare criticamente e in maniera autonoma le conoscenze acquisite durante il percorso formativo; non sono richieste acquisizioni originali. Alla prova finale sono attribuiti 8 CFU; i 4 CFU previsti per la conoscenza di una lingua dell'U.E. saranno guadagnati mediante il superamento di una prova presso il Centro Linguistico di Ateneo.
    Per accedere alla prova finale lo studente deve avere acquisito il numero di crediti universitari previsti dal regolamento didattico, meno quelli previsti per la prova finale.
    La Commissione è presieduta dal Rettore o da un suo Delegato nelle forme previste dal nuovo Regolamento Didattico. La Commissione giudicatrice esprime la votazione in centodecimi; il voto minimo per il superamento della prova è sessantasei/centodecimi. Per l'assegnazione della lode, se il candidato consegue in sede di prova finale il massimo dei voti, è necessaria l'unanimità della Commissione giudicatrice.

  • Servizi Aggiuntivi:

    BRAU - Biblioteca di Ricerca Area Umanistica - Piazza Bellini 59-60 80138 Napoli - Biblioteca del Nucleo bibliotecario di Geografia - Via Rodinò 22 (7° piano) Largo San Marcellino 10 (3° piano) - 80138 Napoli - Dip. Filologia moderna. Fondo "Battaglia": via Porta di Massa, 1 Napoli-Centro di Orientamento e accoglienza studenti: via Porta di Massa, 1 Napoli Tel. 081.2535523; e-mail:lettefil@orientamento.unina.it-Laboratorio fotografico,Laboratorio di Archeologia,Laboratorio di informatica applicata ai beni culturali:Dip. di Discipline Storiche "E. Lepore.

  • Per approfondimenti:

    Scheda Universitaly


Confronta questo corso con altri simili
Leggi tutto