Danza Spagnola e Flamenco

Mamadanse, Centro di Formazione alla Danza
A Torino

Chiedi il prezzo
Vuoi parlare del corso con un consulente?
Confronta questo corso con altri simili
Leggi tutto

Informazione importanti

  • Corso
  • Torino
  • Durata:
    9 Mesi
  • Quando:
    Da definire
Descrizione


Rivolto a: Il corso è rivolto a principianti.

Informazione importanti
Sedi

Dove e quando

Inizio Luogo Orario
Da definire
Torino
Corso Arimondi n° 6, 10129, Torino, Italia
Visualizza mappa

Cosa impari in questo corso?

Danza
Flamenco

Professori

Irene Maran
Irene Maran
danzatrice - insegnante - danza spagnola e flamenco

Ballerina, Coreografa e Insegnante di Danza Spagnola. All'età di 10 anni si avvicina allo studio della danza classica, moderna e contemporanea presso la scuola Danza Viva di Torino. Simultaneamente intraprende i fondamenti della disciplina che presto sarebbe diventata la sua fondamentale forma espressiva: lo studio della danza spagnola classica. E' in quel momento che conosce l'insegnante e coreografa Isabela Moises Fernandez (Ballet Nacional de Madrid), con la quale ha dato il via ad un connubio, tuttora esistente, preziosissimo per la sua formazione di danzatrice e futura insegnante.

Programma

La Danza spagnola è l'insieme delle danze classiche e tradizionali praticate in Spagna.

La danza spagnola di epoca moderna si può dividere, per comodità, in 4 categorie:

  • Danze regionali: come la jota dell'Aragona, le sevillanas dell'Andalusia e il fandango
  • Bolera: detto anche danza classica spagnola. Nasce dalla stilizzazione delle danze regionali e acquisisce una terminologia definitiva e una tecnica specifica all'inizio del secolo XIX
  • Danza spagnola neoclassica: rielaborazione della danza classica spagnola, sviluppatasi a partire dalla fine del secolo XIX a opera di ballerini solisti
  • Flamenco: ballo degli zingari del sud della Spagna, che ha origini complesse ed eterogenee. Flamenco è il nome di uno stile musicale e una danza tipici dell'Andalusia. Fortemente influenzato dal popolo nomade dei Gitani, affonda le sue radici nella cultura musicale dei Mori e degli Ebrei. Difficile risalire con certezza all'origine di questa irruente e affascinante danza gitana: a chi sostiene che essa sia nata proprio in Andalusia, come "canto profondo", si contrappone chi la fa derivare dal ben più antico Kathak indiano (vigorosa danza orientale portata in Spagna dai Gitani attraverso l'Egitto attorno al 1420).

    Tra le due danze vi sono alcune importanti somiglianze:

    1. I piedi danno il ritmo, rappresentano uno strumento di percussione.
    2. I passi sono nervosi e complicati ma le braccia si muovono con molta eleganza.
    3. Sono fattori determinanti: il dialogo tra danzatori e musicisti e l'improvvisazione
    4. I danzatori alternano momenti in cui seguono il ritmo individualmente ad altri in cui sincronizzano il tempo.

    Nel Flamenco però le scarpe sono provviste di chiodi nella suola e nel tacco e le danzatrici usano sollevare i lembi del costume. Inoltre vengono usati anche: il ventaglio e le nacchere per amplificare i gesti delle braccia - le mani, per "marcare" tempo e controtempo - ma soprattutto compare la chitarra, sia come accompagnamento della danza sia come strumento solista o di percussione.

    Quel che è certo è che questa nobile arte (che sa essere allegra e solare, ma anche passionale o romantica e malinconica) nasce dalla magica mescolanza delle culture mediterranee tradizionali e da dure condizioni di vita, quali la persecuzione e l'emarginazione ma, soprattutto, dalla coscienza dolorosa dell'esistenza: per questo risulta difficile oggi comprenderla fino in fondo e conserva intatto un indiscutibile fascino.

Ulteriori informazioni

Informazioni sul prezzo : Possibilità di pagamento annuale, annuale diviso in 3 rate, mensile, lezione singola.
Persona di contatto: Valentina

Confronta questo corso con altri simili
Leggi tutto