Corso di Autodesk Showcase 2013

Zenit Formazione
A Formigine

165 
IVA inc.
Vuoi parlare del corso con un consulente?

Informazione importanti

  • Corso
  • Formigine
  • 8 ore di lezione
  • Durata:
    4 Mesi
  • Quando:
    Da definire
Descrizione

Obiettivo del corso: Il corso permette di acquisire piena autonomia nella: · Preparazione dei dati: importazione dei modelli 3D dai prodotti Inventor e similari o da software CAD 3D o similari e convertirli in un formato idoneo alla visualizzazione 3D interattiva di alta qualità. Creazione di presentazioni e applicazione di texture e materiali realistici, come vernice, vetro e pelle, e contestualizzazione dei modelli all’interno di vari ambienti. Presentazione dei modelli 3D di grandi dimensioni in modo realistico e accurato.
Rivolto a: Il corso è rivolto ad architetti, progettisti, ingegneri e tecnici che intendono utilizzare le potenzialità di Autodesk Showcase 2013 per trasformare in modo facile e veloce prototipi digitali in immagini, filmati e presentazioni in tempo reale di elevatissimo impatto.

Informazione importanti
Sedi

Dove e quando

Inizio Luogo Orario
Da definire
Formigine
Via Cantalupo 29, 41043, Modena, Italia
Visualizza mappa

Domande più frequenti

· Requisiti

Conoscenze e competenze di base relative alle applicazioni CAD 3D Autodesk o similari.

Cosa impari in questo corso?

Attivazione di comportamenti
Controllo telecamera

Professori

CAD&CAD CAD&CAD
CAD&CAD CAD&CAD
gold partner di Autodesk

Programma

Preparazione dei dati: Importazione dei modelli 3D dai Alias, Inventor, Pro/E, STEP, ecc. - Conversione in formato idoneo alla visualizzazione 3D interattiva di alta qualità.

Utilizzo di DirectConnect per la visualizzazione dei dati delle applicazioni CAD: Importazione dei dati da formati standard: DWG, APF, STEP, IGES, SGI® OpenInventor, CSB ed STL - Importazione dei dati da formati commerciali: JT, UGS NX, Catia V4/V5, SolidWorks e ProENGINEER/Granite - Utilizzo dei filtri di importazione

Mantenimento delle informazioni organizzative e visive sorgente del file originale: Conservazione delle informazioni quali gerarchia, layer e livelli di dettaglio - Unione delle fonti in un unico file senza perderne la cronologia di progettazione.

Importazione di animazioni: Utilizzo del formato dei dati FBX per il trasferimento delle animazioni complesse da 3ds Max o Maya ad Autodesk Showcase - Creazione automatica di tutti i collegamenti necessari - Accesso alle animazioni tramite tasti di scelta rapida o diapositive dello storyboard

Utilizzo e gestione dei materiali: Interfaccia per la gestione dei materiali e delle librerie definiti dall’utente - Modifica, salvataggio ed eliminazione dei materiali - Creazione, eliminazione e condivisione in rete delle librerie personali - Creazione e utilizzo di materiali realistici come vernice, vetro, pelle, metalli e materiali plastici - Inserimento di Decalcomanie/Materiali stratificati.

Utilizzo e gestione delle inquadrature: Impostare dei movimenti dinamici di una telecamera - I controlli di camera (effetti di transizione)

Sostituzione automatica dei materiali: Automazione dell’attività ripetitiva di assegnazione dei materiali alla geometria in ingresso - Ricerca e assegnazione automatica del miglior materiale disponibile alla geometria importata in base a nomi, layer o colori definiti nel sistema CAD.

Utilizzo del sistema delle unità: Scalatura dei dati importati in base all’unità di misura assegnata

Aggiornamenti del modello di un progetto: Aggiornamento in caso di modifica dei dati - Controllo dei dati di origine e verifica della presenza di aggiornamenti.

Ottimizzazione dei dati 3D per la visualizzazione: Impostazione dei parametri di tassellazione - Ritassellazione selettiva - Creazione dei livelli di dettaglio - Unione delle superfici - Tassellazione distribuita in batch

Gestione degli ambienti: Utilizzo dell’interfaccia per la gestione di ambienti e librerie di ambienti definiti dall’utente.

Alternative progettuali: Impostazione delle alternative progettuali utilizzando diverse geometrie, materiali, posizioni oppure creare combinazioni di alternative esistenti - Visualizzazione delle diverse alternative o combinazioni.

Utilizzo degli Storyboard: Attivazione di inquadrature, varianti, cambiamenti di ambiente, modifiche alternative, attivazione di comportamenti o controllo della telecamera.

Visualizzazioni avanzate: Visualizzazione dell’oggetto in scala 1:1 per consentire ai revisori una migliore comprensione delle dimensioni effettive dell’oggetto - Assegnazione dei modelli a piattaforme girevoli e definire l’interazione con la piattaforma stessa. (Le piattaforme girevoli combinate con le alternative consentono la valutazione delle sottili differenze tra le varie alternative progettuali) - Applicazione di immagini 2D come sfondo per la geometria 3D - Generazione del canale alfa

Impostazione della qualità di visualizzazione: Scelta della qualità di visualizzazione desiderata - Riutilizzare delle ombre precedentemente calcolate - Calcolo delle ombre insieme a riflessioni e rifrazioni - Raytracing OpenGL e Raytracing in tempo reale - Raytracer integrato multicore.

Visualizzazione di progetti affiancati: Revisione dei progetti alternativi affiancati - Valutare delle differenze progettuali e/o visualizzazione contemporanea con altri prodotti della stessa famiglia - - Caricamento e visualizzare di varie scene nella stessa sessione.

Creazione di immagini ad alta risoluzione: Controllo dell’immagine prescelta e salvataggio della vista corrente in numerosi formati di immagine standard con una risoluzione a piacere, compreso il canale alfa - Salvataggio in formato Photoshop - Separazione di sfondo, oggetto e ombre per agevolare la modifica e l’elaborazione a posteriori (post-processing) delle immagini.

Creazione di filmati: Creazione di filmati con risoluzione libera a partire da una o da tutte le inquadrature, transizioni comprese - Distribuzione dei filmati ai membri del team sprovvisti di Showcase - Incorporazione dei filmati nelle presentazioni.


Confronta questo corso con altri simili
Leggi tutto