Corso di Laurea di Ingegneria Civile (Classe 8)

E-Campus Università Online
Online

Chiedi il prezzo
Preferisci chiamare subito il centro?

Informazione importanti

Descrizione

Obiettivo del corso: Gli ambiti professionali tipici per i laureati in Ingegneria Civile sono quelli della progettazione, della direzione lavori, della vigilanza nel cantiere, della stima e collaudo di opere edilizie, dei rilievi diretti e strumentali sull’edilizia attuale e storica e sul territorio, dell’assistenza a strutture tecnico-commerciali, sia nella libera professione (ingegnere civile junior) .
Rivolto a: È inoltre da considerare particolarmente rilevante il possesso delle seguenti capacità e attitudini: capacità di esplicitare con chiarezza e precisione il proprio pensiero; capacità di trattamento delle informazioni e attitudini all'uso delle tecnologie informatiche; ) A chi vuole seguire le lezioni dal proprio computer in qualsiasi momento, si aggiunge la sicurezza e l’appoggio delle sedi Cepu che diventano in questo modo anche un solido punto di riferimento.

Informazione importanti

Per frequentare il corso devi avere uno dei seguenti titoli di studio: Diploma, Maturita classica o scientifica, Laurea, Master, Dottorato

Sedi

Dove e quando

Inizio Luogo Orario


Online

Domande più frequenti

· Requisiti

Buone capacità comunicative; uso delle tecnologie informatiche; motivazioni Iscrizioni sempre aperte. No test d'ingresso.

Opinioni

Non ci sono ancora opinioni su questo corso

Cosa impari in questo corso?

Ingegnere
Ingegneria edile
Ingegneria meccanica
Ingegneria civile
Ingegneria idraulica
Pianificazione territoriale
Pianificazione urbanistica
Tecnologia dei materiali
Ambiente e territorio
Sviluppo locale

Programma

Motivazioni, scopi e destinatari del Corso di Laurea in Ingegneria Civile

Perché
L'evoluzione delle tecnologie legate al mondo delle costruzioni e delle infrastrutture civili e la varietà delle problematiche legate alla pianificazione territoriale, all'ambiente, alla gestione delle emergenze di vario genere che lo possono interessare, si traducono in una richiesta di figure professionali con preparazione ad ampio spettro, elevata flessibilità e capacità di aggiornamento. Tali emergenze, infatti, negli ultimi decenni si sono imposte all'opinione pubblica in ricorrenti casi di calamità naturali, ingenerando una percezione di rischio cui la pubblica amministrazione e le istituzioni scientifiche devono rispondere.
Inoltre, i cambiamenti dei profili e dei percorsi professionalizzanti introdotti dalla Riforma Moratti nella secondaria superiore hanno posto alcune categorie professionali (ad esempio, quella dei geometri), nella necessità, da una parte, di riqualificare i propri iscritti per adeguarne la preparazione agli standard europei, e, dall'altra, di richiedere all'istituzione universitaria curricula tali da salvaguardare la specificità originaria della professione, evitandone l'estinzione.
La tradizionale versatilità dell'ingegneria civile, basata su solide basi matematico-scientifiche e su una consolidata vocazione specialistica nei campi dell'idraulica e della meccanica strutturale, nella gestione e nella progettazione di opere civili e di sistemi infrastrutturali, nello studio strutturale degli edifici esistenti, nella sicurezza e affidabilità delle construzioni, è l'ambiente formativo ideale per la preparazione di nuove figure professionali, destinate al settore ambientate. Figure appositamente preparate ad attività quali il rilevamento a scopo cartografico e di controllo, la geomatica, il catasto terreni e fabbricati, il diritto, l'estimo e la contabilità dei beni edili, l'architettura tecnica e l'organizzazione del cantiere.
È noto, infine, come il profilo professionale dell'ingegnere civile oggi debba superare lo stereotipo del tecnico puro per qualificarsi con una serie di capacità relazionali e di sensibilità culturali indispensabili nella gestione dei gruppi di lavoro, nelle scelte decisionali, nella comunicazione con i committenti, con la pubblica amministrazione e con i diversi enti territoriali. Un aspetto che nel corso proposto dalla Università e-Campus trova particolare attenzione.

Per chi
Il calo della domanda di competenze ingegneristiche, che il mercato del lavoro italiano registra dal 2000 a oggi, non riguarda l'ingegneria civile. Per cui un progetto professionale centrato su questa disciplina può concretamente rispondere alle esigenze di studenti che hanno già espresso interessi tecnico-scientifici, accedendo al nuovo sistema dell'istruzione o a quello dell'istruzione e formazione professionale. Il corso rappresenta una seria opportunità di preparazione specifica e di valorizzazione delle competenze precedentemente acquisite, potendo lo studente scegliere tra un ampio spettro di curricula che rispondano alle sue capacità e ai suoi orientamenti professionali.
I diplomati che lavorano negli enti pubblici e privati, nelle imprese edili, nelle grandi aziende di costruzione e di progettazione, possono trovare in questo corso di laurea non solo possibilità di aggiornamento ma anche acquisizione di nuove competenze per riposizionarsi nel mondo del lavoro italiano ed europeo.

Come
Le attività didattiche prevedono lezioni teoriche, attività di laboratorio, tirocini formativi presso enti pubblici o aziende private operanti nel settore dell'ingegneria civile. Lo studente potrà personalizzare da subito il proprio progetto professionale.
Il tempo riservato allo studio personale o ad altre attività formative di tipo individuale è pari almeno al 50 per cento dell'impegno orario complessivo, con possibilità di percentuali minori per singole attività formative ad elevato contenuto sperimentale o pratico.

Prospettive di ricerca
L'ingegneria civile vive di ricerca. L'Università e-Campus è attrezzata per promuoverla in proprio e per rispondere alla domanda di ricerca che proviene dalle imprese e dagli enti pubblici, con particolare riferimento alle questioni ambientali, alle esigenze della protezione civile, agli sviluppi dell'urbanistica e delle tecnologie abitative, alla realizzazione delle grandi opere.

Materie da Studiare / Il piano degli studi statutario

Gli insegnamenti sono quelli indicati nel Piano degli Studi, che viene di seguito riportato:

1° Anno

Insegnamento

  • Analisi matematica
  • Geometria
  • Analisi numerica
  • Statistica
  • Fisica generale
  • Fisica applicata (beni culturali, ambientali)
  • Statica con fondamenti di meccanica razionale
  • Principi di progettazione strutturale
  • Chimica
  • Fondamenti di informatica
  • Disegno

    Totale crediti 62

    2° Anno

    Insegnamento
  • Fisica tecnica
  • Geologia applicata
  • Geotecnica
  • Topografia
  • Idraulica
  • Scienza delle costruzioni
  • Teoria delle strutture con elementi di dinamica
  • Architettura tecnica
  • Tecnologia dei materiali
  • Economia
  • Fondamenti di ingegneria gestionale
  • Legislazione delle opere pubbliche
  • Lingua straniera– Lingua inglese

    Totale crediti 61

    3° Anno

    Insegnamento
  • Tecnica delle fondazioni
  • Costruzioni di strade, ferrovie, aeroporti
  • Costruzioni idrauliche
  • Costruzioni di cemento armato
  • Costruzioni di acciaio
  • Fondamenti di ingegneria sismica e del vento
  • Elettrotecnica

    Tirocini- Stages

    Preparazione tesi

    Totale crediti 50

Gli utenti che erano interessati a questo corso si sono informati anche su...
Leggi tutto