Corso di Laurea in Tecniche della Prevenzione negli Ambienti di Vita e di Lavoro

Azienda Unitá Sanitaria Locale di Imola
A Imola

Chiedi il prezzo
Vuoi parlare del corso con un consulente?
Confronta questo corso con altri simili
Leggi tutto

Informazioni importanti

  • Laurea
  • Imola
Descrizione

Obiettivo del corso: si propone di formare un laureato in grado di conoscere e applicare i criteri valutativi, le misure preventive e gli strumenti legislativi disponibili in materia di igiene e sicurezza ambientale nei luoghi di vita e di lavoro, di igiene degli alimenti e delle bevande, di igiene e sanità pubblica e veterinaria. Questa figura professionale può inserirsi nel mondo del lavoro, in regime di.
Rivolto a: Diplomati.

Informazioni importanti
Sedi

Dove e quando

Inizio Luogo
Consultare
Imola
Viale Amendola, 2 , 40026, Bologna, Italia
Visualizza mappa

Domande più frequenti

· Requisiti

Diploma di Scuola Media superiore. Il numero annuo di accessi al primo anno di corso è definito ogni anno, considerata la disponibilità di organico...

Programma

Corso di laurea in tecniche della prevenzione negli ambienti di vita e di lavoro:

Posti disponibili:

-Posti per studenti Comunitari e Categorie Equiparate --> 28 (di cui 1 posto riservato per studenti diversamente abili con DSA - disturbi specifici dell'apprendimento)
-Posti per studenti Non Comunitari Residenti all'estero --> 1 borsista + 1 Rep. Pop. Cinese (*)

Requisiti per l'accesso e Profilo professionale
:
Diploma di Scuola Media Superiore.

Il Corso di Laurea in "Tecniche della prevenzione nell'ambiente e nei luoghi di lavoro" si propone di formare un laureato in grado di conoscere e applicare i criteri valutativi, le misure preventive e gli strumenti legislativi disponibili in materia di igiene e sicurezza ambientale nei luoghi di vita e di lavoro, di igiene degli alimenti e delle bevande, di igiene e sanità pubblica e veterinaria.
Questa figura professionale può inserirsi nel mondo del lavoro, in regime di dipendenza o libero professionale, sia nel settore pubblico (strutture del Sistema Sanitario Nazionale come i Dipartimenti di Sanità Pubblica o le Agenzie Regionali per la Prevenzione e l'Ambiente), con funzioni di prevenzione, controllo e vigilanza (come previsto dal Decreto Ministeriale n° 58 del 17 gennaio 1997) che nel settore privato con compiti di tipo organizzativo e gestionale della sicurezza degli ambienti di lavoro o degli alimenti (servizi di prevenzione e protezione aziendali, industria alimentare).
Il corso di laurea abilita all'esercizio della professione di Tecnico della prevenzione nell'ambiente e nei luoghi di lavoro, come previsto dall'articolo 2 del Decreto del Ministero della Sanità n° 58 del 17 gennaio 1997.
Classe: SNT/4 - Classe delle Lauree in Professioni Sanitarie della Prevenzione.

Facoltà di riferimento del Corso: Medicina e Chirurgia, con il concorso di altre Facoltà come previsto dall'articolo 2 del Decreto Interministeriale del 2 aprile 2001.

TECNICHE DELLA PREVENZIONE NELL’AMBIENTE E NEI LUOGHI DI LAVORO:
Un laureato in grado di conoscere e applicare i criteri valutativi,
le misure preventive e gli strumenti legislativi disponibili in
materia di igiene e sicurezza ambientale nei luoghi di vita e di
lavoro, di igiene degli alimenti e delle bevande, di igiene e sanità
pubblica e veterinaria. Questa figura professionale può inserirsi
nel mondo del lavoro, in regime di dipendenza o libero
professionale, sia nel settore pubblico (strutture del Sistema
Sanitario Nazionale come i Dipartimenti di Sanità Pubblica o le
Agenzie Regionali per la Prevenzione e l’Ambiente), con
funzioni di prevenzione, controllo e vigilanza (come previsto dal
Decreto Ministeriale n° 58 del 17 gennaio 1997) che nel settore
privato con compiti di tipo organizzativo e gestionale della
sicurezza degli ambienti di lavoro o degli alimenti (servizi di
prevenzione e protezione aziendali, industria alimentare).

AMBITI OCCUPAZIONALI PREVISTI PER I LAUREATI:
Strutture del Sistema Sanitario Nazionale: Dipartimenti di Sanità
Pubblica, Agenzie Regionali per la Prevenzione e l’Ambiente,
ecc.
Settore privato: Servizi di prevenzione e protezione aziendali, Industria alimentare.

Nell’ambito della professione sanitaria del tecnico della prevenzione nell’ambiente e nei luoghi di lavoro, i laureati sono operatori sanitari cui competono le attribuzioni previste dal D.M. del Ministro della sanità 17 gennaio 1997, n. 58 e successive modificazioni ed integrazioni; ovvero sono
responsabili, nell’ambito delle loro competenze, di tutte le attività di prevenzione, verifica e controllo in materia di igiene e sicurezza ambientale nei luoghi di vita e di lavoro, di igiene degli alimenti e delle bevande, di igiene di sanità pubblica e veterinaria.

I laureati in prevenzione nell’ambiente e nei luoghi di lavoro, operanti nei servizi con compiti ispettivi e di vigilanza, sono, nei limiti delle loro attribuzioni, ufficiali di polizia giudiziaria; svolgono attività istruttoria, finalizzata al rilascio di autorizzazioni o di nulla osta tecnico-sanitari per attività soggette a controllo.

Nell’ambito dell’esercizio della professione, essi istruiscono, determinano, contestano e notificano le irregolarità rilevate e formulano pareri nell’ambito delle loro competenze; vigilano e controllano gli ambienti di vita e di lavoro e valutano la necessità di effettuare accertamenti ed inchieste per infortuni e malattie professionali; vigilano e controllano la rispondenza delle strutture e degli ambienti in relazione alle attività ad esse connesse e le condizioni di sicurezza degli impianti; vigilano e controllano la qualità degli alimenti e bevande destinati all’alimentazione dalla produzione al consumo e valutano la necessità di procedere a successive indagini specialistiche; vigilano e controllano l’igiene e sanità veterinaria, nell’ambito delle loro competenze, e valutano la necessità di procedere a successive indagini; vigilano e controllano i prodotti cosmetici; collaborano con l’amministrazione giudiziaria per indagini sui reati contro il patrimonio ambientale, sulle condizioni di igiene e sicurezza nei luoghi di lavoro e sugli alimenti; vigilano e controllano quant’altro previsto da leggi e regolamenti in materia di prevenzione sanitaria e ambientale, nell’ambito delle loro competenze; svolgono con autonomia tecnico professionale le loro attività e collaborano con altre figure professionali all’attività di programmazione e di organizzazione del lavoro della struttura in cui operano; sono responsabili dell’organizzazione della pianificazione, dell’esecuzione e della qualità degli atti svolti nell’esercizio della loro attività professionale; partecipano ad attività di studio, didattica e consulenza professionale nei servizi sanitari e nei luoghi dove è richiesta la loro competenza professionale; contribuiscono alla formazione del personale e concorrono direttamente all’aggiornamento relativo al loro profilo professionale e alla ricerca; svolgono la loro attività professionale, in regime di dipendenza o libero-professionale, nell’ambito del servizio sanitario nazionale, presso tutti i servizi di prevenzione, controllo e vigilanza previsti dalla normativa vigente.

Il corso di laurea in tecnico della prevenzione prevede un
solo curriculum.

Requisiti curriculari di accesso:
-Diploma di Scuola Media superiore
-Il numero annuo di accessi al primo anno di corso è definito ogni anno, considerata la disponibilità di organico e strutture didattiche, ai sensi dell’art. 3, comma 2 della Legge 264 del 2 agosto 1999 (“Norme in materia di accesso ai corsi universitari”).

LE ISCRIZIONI SARANNO APERTE INDICATIVAMENTE
FINO AL 27 AGOSTO (vedesi bando quando disponibile).

Successi del Centro


Confronta questo corso con altri simili
Leggi tutto