Corso di Qualifica per Mediatore Interculturale 2016

Centro Studi Sociali "Don Silvio De Annuntiis"
A Pineto

1.500 
IVA Esente
Vuoi parlare del corso con un consulente?
Confronta questo corso con altri simili
Leggi tutto

Informazione importanti

  • Qualifica professionale
  • Pineto
  • 450 ore di lezione
  • Durata:
    1 Quadrimestre
  • Stage / Tirocinio
Descrizione

Il mediatore interculturale è un operatore sociale qualificato che svolge un'attività di mediazione tra cittadini immigrati e la società locale, promuovendo, sostenendo e accompagnando entrambe le parti:
- nella rimozione delle barriere culturali e linguistiche;
- nella promozione sul territorio della cultura di accoglienza e dell'integrazione socio-economica;
- nella conoscenza e nella pratica dei diritti e dei doveri vigenti in Italia, in particolare nell'accesso e nella fruizione dei servizi pubblici e privati.
Il Mediatore interculturale collabora con organismi ed istituzioni, pubblici e privati, nel processo di adeguamento delle prestazioni offerte all'utenza immigrata ed opera in tutte le situazioni di difficoltà comunicative e/o di comprensione tra persone di culture diverse, al fine di dissipare i malintesi o i potenziali conflitti dovuti ad un diverso sistema di codici e valori culturali.Il Mediatore interculturale è solitamente un immigrato o comunque una persona che, per esperienze di migrazione o di prolungata residenza all'estero, conosce i codici linguistici e culturali della popolazione migrante di riferimento.

Informazione importanti Sedi

Dove e quando

Inizio Luogo
Consultare
Pineto
Via Tagliamento, 64020, Teramo, Italia
Visualizza mappa

Domande più frequenti

· Quali sono gli obiettivi del corso?

Le competenze principali in uscita dal percorso formativo del mediatore culturale possono essere così sintetizzate: - assicura e permette una corretta comunicazione e una reciproca comprensione tra operatori dei servizi (servizio sociale, personale medico, insegnanti, ecc.) e utenti stranieri; - si occupa dell’accoglienza dell’utente straniero; - orienta l’utente straniero e lo informa sugli altri servizi esistenti sul territorio; - accompagna l’utente straniero presso altri servizi del territorio; - si occupa della traduzione di documenti e materiali informativi; - collabora alla redazione di materiale informativo, curandone gli aspetti di specificità culturale delle etnie minoritarie; - effettua un’attività di interpretariato culturale (fornisce consulenza sui presupposti culturali e gli stereotipi delle due culture); - chiarisce all’utente straniero i ruoli e le competenze relativamente al personale operante nella struttura/servizio; - dà suggerimenti al servizio per la programmazione delle proprie attività in base alle specifiche esigenze dell’utenza straniera.

· A chi è diretto?

Il mediatore interculturale opera in diversi ambiti di intervento: - socio sanitario (ufficio stranieri delle ASL, reparti ospedalieri, pronto soccorso, consultori, uffici territoriali della ASL, servizi sociali, comunità presenti sul territorio); - servizi di cittadinanza (uffici comunali quali uffici anagrafe, sindacati, questure etc.); - scolastico educativo (istituzioni scolastiche e formative di ogni ordine e grado, Università, centri socio-educativi per minori, comunità per minori); - giudiziario civile e penale (tribunali, istituti di pena); - servizi per l’impiego – formazione e lavoro (enti di formazione professionale, centri per l’impiego, job center). Il mediatore interculturale svolge attività di front-office in modo strutturato e continuativo in servizi erogati principalmente a cittadini immigrati da organizzazioni del terzo settore o da enti pubblici ovvero in modo occasionale e su richieste di intervento specifico, in convenzione con enti del privato sociale, negli ambiti specifici di intervento.

· Requisiti

- Età minima 18 anni; - Diploma di scuola superiore o livello culturale equivalente; - Buona conoscenza di una lingua a scelta: inglese, francese, spagnolo, altra lingua di un Paese extracomunitario; - Buona conoscenza della lingua italiana (per chi non abbia tale conoscenza, è possibile accedere al Corso dopo un percorso di apprendimento della lingua italiana) Per i cittadini stranieri: - possesso del permesso di soggiorno o carta di soggiorno e residenza in Abruzzo.

· Titolo

- Il corso di qualifica per Mediatore Interculturale è inserito nel catalogo dei corsi riconosciuti dalla Regione Abruzzo con Determinazione dirigenziale n. DL25/250 del 27/10/2010 – codice corso CR 546.03; - Al termine del percorso formativo e successivamente al superamento dell'esame finale verrà rilasciato l'attestato di qualifica di Mediatore Interculturale (D.G.R. n. 353 del 13.07.2009) valido a tutti gli effetti e in tutti i paesi dell’Unione Europea a norma della Legge 845/1978 e della L.R. n. 111/1995; -La qualifica di Mediatore Interculturale è riconosciuta dal Ministero del Lavoro con il codice 344300 (Professioni intermedie nei servizi sociali).

· In cosa si differenzia questo corso dagli altri?

Siamo onlus e garantiamo il massimo della qualità della docenza ad un costo inferiore di mercato. Siamo leader nella formazione in campo sociale.

· Quali saranno i passi successivi alla richiesta di informazioni?

Sarai ricontattato a breve, sia telefonicamente che via mail, dal nostro Centro per fornirti tutte le informazioni necessarie ai fini dell'iscrizione.

Opinioni

Non ci sono ancora opinioni su questo corso

Cosa impari in questo corso?

Mediazione linguistica
Mediatore culturale
Mediatore interculturale

Professori

Andrea Bollini
Andrea Bollini
Direttore Centro Studi Sociali

Ha svolto e svolge attività di consulenza in materia di politiche sociali per conto di enti pubblici e privati. Ha coordinato oltre 30 progetti europei e nazionali nel campo sociale, sanitario, educativo, scolastico. E' stato Presidente del CISMAI ed è attualmente consigliere nazionale. Ha curato progetti ricerca in collaborazione con l'Università Bocconi di Milano e con l'Università di Teramo, la Regione Abruzzo, Save the Children Italia, il Centro nazionale di documentazione sull'Infanzia e l'Adolescenza di Firenze.

Domenico Rastelli
Domenico Rastelli
Esperto Web marketing

Da sempre appassionato di Tecnologia, Marketing, e New Media. Laureato in Scienze della Comunicazione con una tesi in Web Marketing. Lavoro da oltre 15 anni con varie società che operano nel web, inizialmente come sviluppatore e grafico, e successivamente come esperto e consulente di Web Marketing. Dopo aver lavorato per varie società del settore digital, torno in Abruzzo per creare una mia società, e assieme ad altri 2 soci fondo la Geminit (Web Agency specializzata nel web marketing) e Cityrumors.it (uno dei quotidiani online più letti in Abruzzo).

Grazia De Luca
Grazia De Luca
Psicologa e psicoterapeuta sistemico relazionale e familiare

Psicologa e psicoterapeuta sistemico relazionale e familiare, specializzanda in mediazione sistemica. Da anni collaboro con enti pubblici per il servizio di counseling scolastico, progetti di prevenzione alla dispersione scolastica ed al child abuse, unitamente ad interventi di sostegno alla genitorialità. Da cinque anni sono specialista presso lo studio medici di base di Pineto e CTP. Unitamente all'attività Clinica da diversi anni sono docente-formatore per diversi enti della provincia di Teramo e Pescara.

Remo Coccia
Remo Coccia
Pedagogista-UNIPED

Laureato in Scienze dell’Educazione (Università di Bologna). Formazione p.l.: “Progettazione sociale per infanzia/adolescenza” (Prov.Teramo); “Mediatore Familiare” (UniTe); “Tecnico ABA” (scuolaba-farfallablu); “Interventi Psicoeducativi e Clinici in Persone con Autismo”(C.S. Erickson); In formazione come “Analista del Comportamento” c/o F.I.T. (USA). Esperienza professionale: Educatore Professionale in interventi L.285/97; Progettazione Socio-Educativa (rif. L.286/98; LR 95/95); Coordinamento di servizi ADM e ASD; Progettazione Sociale e Pedagogica.

Programma

Struttura del Corso

Il programma formativo è strutturato nelle seguenti aree disciplinari: Area tecnico – professionale; Area istituzionale e legislativa; Area linguistica; Area socio – psico – pedagogica; Area socio-sanitaria; Area statistica e informatica. Si prevede lo svolgimento di uno stage della durata complessiva di 180 ore da svolgersi in un’unica struttura convenzionata con il soggetto promotore.

Durata

450 ore (270 ore aula + 180 ore stage)


Confronta questo corso con altri simili
Leggi tutto