Corso di Recitazione - Secondo Anno

Teatri Possibili Scenaperta Legnano

920 
IVA inc.
Confronta questo corso con altri simili
Leggi tutto

Informazione importanti

  • Corso
  • Legnano
  • 100 ore di lezione
Descrizione

Obiettivo del corso: Il secondo anno è volto all'approfondimento del personaggio teatrale in ogni suo aspetto.
Rivolto a: Il secondo anno è aperto a tutti coloro che hanno già frequentato il primo anno presso la scuola Teatri Possibili, o a chi proviene da una formazione diversa previo colloquio con l’insegnante.

Informazione importanti

Requisiti: aver frequentato il primo anno di recitazione Teatri Possibili. Se proveniente da altre scuole ammissione previo colloquio con la direzione

Sedi

Dove e quando

Inizio Luogo
Consultare
Legnano
via Galvani 49, 20025, Milano, Italia
Visualizza mappa

Programma

Il corso verterà principalmente sullo studio e la creazione di un personaggio: gli allievi si avvicineranno alla costruzione del proprio ruolo attraverso esercizi propedeutici che stimoleranno la creatività e l’originalità con un approccio che non parta solo dal testo scritto, ma che sia facilitato mediante gli stimoli della musica, della pittura e di altre forme artistiche.
Gran parte del lavoro di avvicinamento al personaggio consisterà in improvvisazioni sia singole che in relazione con i compagni.

A Legnano

Durante i primi mesi verrà insegnato agli allievi un tipo di riscaldamento che prelude allo stare in scena, comprendente esercizi di concentrazione, azione e reazione in modo da favorire, grazie all’intervento dell’intero gruppo classe, la dimostrazione individuale.

Programma:

1)approfondire e affinare le tecniche teatrali apprese durante il primo anno:ascolto di sé e dell’altro, empatia nel gruppo, consapevolezza di sé nello spazio teatrale, ricerca del personaggio partendo dal proprio vissuto.

2) Analisi del testo. Studio del personaggio riferito al testo teatrale.

3)L’attore come “canale” per far vivere il personaggio.

Training dell’attore.
Corporeo con esercizi presi (e adattati) dalla “bioenergetica”.
Vocale (metodo funzionale della voce, che parte dal “sentire” un’ emozione ed esprimerla, laddove la tecnica è subordinata all’essere).
Sensoriale (con e senza musica).
Improvvisazioni.(L’importanza del “vuoto” nel processo creativo.)

Creazione di scene tratte da improvvisazioni, in cui l’allievo viene stimolato nella ripetizione di un “evento creativo” e nel formalizzarlo in una vera e propria scena.
Lavoro sul testo teatrale, lettura e analisi del testo.
Studio del personaggio relativo al testo preso in esame, attraverso improvvisazioni collettive e individuali, dove si useranno oggetti e materiale in genere che favoriscono l’attore nella ricerca del personaggio.
Il pensiero del personaggio.

Ulteriori informazioni

Alunni per classe: 15

Confronta questo corso con altri simili
Leggi tutto