Corso di regia cinematografica livello base

TEATRO IN TESTA
A Roma

240 
Vuoi parlare del corso con un consulente?

Informazione importanti

  • Corso
  • Livello base
  • Roma
  • Durata:
    4 Mesi
Descrizione


Rivolto a: tutti coloro che, pur non avendo esperienze significative nell'ambito della regia, siano desiderosi di imparare a leggere un film, per capire come realizzare propri lavori o semplicemente per la voglia di avere una maggiore comprensione del linguaggio cinematografico.

Informazione importanti
Sedi

Dove e quando

Inizio Luogo
Consultare
Roma
Via di Porta Labicana 27, Roma, Italia
Visualizza mappa

Opinioni

Non ci sono ancora opinioni su questo corso

Programma

CORSO DI REGIA CINEMATOGRAFIA IN 16 LEZIONI


PROPOSITI
Potrei annoiarvi molte righe decantando obiettivi e propositi di questo progetto.
Sarebbe però un noioso copia ed incolla di tutti quei dozzinali trafiletti che è buon uso abbinare alla presentazione di un corso.
L'unica cosa sulla quale mi sento di rassicurarvi è che al termine di queste settimane i partecipanti padroneggieranno l'insolita arte dell'analisi.
Intendo la capacità di vivisezionare le scene di un film, capire il perchè di un'inquadratura, di una scelta nel montaggio, di un tipo di illuminazione.
Questa capacità critica permetterà loro anzitutto di imparare dalla visione, per portare poi nei propri lavori ciò che si è acquisito.
A take scopo, le lezioni non saranno una spocchiosa enumerazione di regole, ma piuttosto ogni concetto teorico sarà immediatamente rafforzato da proiezioni cinematografiche ed interventi di professionisti.

DURATA E COSTI
Il corso si terrà una volta a settimana (il VENERDI') dalle 19 alle 21.
Sarà interrotto in occasione delle feste natalizie
Il costo mensile è di 80,00 euro
Si rilascia attestato, previa superamente di un breve test finale

PROGRAMMA
1. Breve introduzione al cinema.
Definizione degli strumenti di base.
Il linguaggio cinematografico
2. Il principio del triangolo
La conversazione
3. Casi particolari: la lettera, il bacio e l’amore, lo specchio, il sogno.
4. I movimenti della macchina da presa.
La panoramica
5. Il carrello, il dolly e la gru
6. Lo zoom, la camera a mano, la steadycam.
Il piano sequenza
7. La scrittura: nozioni di sceneggiatura, il processo, l’adattamento
8. La scrittura: forma, stile e punto di vista.
Analisi di alcune sceneggiature
9. Il piano di lavorazione e lo storyboard
10.Gli attori: Interpretare la sceneggiatura.
Simulazione di casting (incontro con alcuni attori, tra cui Carlo Delle Piane)
11.Gli attori: dirigere gli attori, le prove ed il set.
12.La fotografia (incontro con un direttore della fotografia)
13.La scenografia, trucco e costumi (incontro con alcuni esperti del settore)
14.Il montaggio (incontro con un montatore)
15.Il digitale nella regia
16.Il cortometraggio. Visione dei lavori più premiati degli ultimi anni (incontro con i
registi)

test finale per il rilascio dell'attestato

DOCENTE:

Francesco Felli nasce a Roma il 22 maggio del 1980. Per molti anni si occupa di scrittura e pittura. E' anche compositore di colonne sonore per i documentari dell'Icram (Nel 2009 viene premiato al 5th Eastern Mediterranean International Underwater Photograpy & Film Festival). Nel 2004 scopre, quasi per caso, il cinema, che definisce essere un "fantastico palcoscenico dove far esibire tutte le arti che, fino ad allora, aveva amato nella loro singolarità". Così realizza "Delitto o giustizia". Poi nel 2007 è la volta di "Teatro Principe" con cui ottiene vari successi (tra tutti il Premio Fontanella per mano di Mario Monicelli). Nel 2008 scrive e dirige "Ogni giorno", cortometraggio sulla tematica dell'alzheimer, coprodotto da Sky e Nuvola film, che vede come attori protagonisti Carlo Delle Piane e Stefania Sandrelli. Il film è un grande successo, tanto che, in un solo anno, ottiene circa trenta riconoscimenti. Nello stesso anno realizza anche "Fuori gioco", con Anna Longhi e Nela Lucic.
Un anno dopo, in occasione del terremoto in Abruzzo, si reca sul posto per girare un piccolo documentario assieme ad Alessia Di Pasquale, intitolato "Via Crucis".
Qualche mese dopo scrive e dirige "circus", lavoro sui fenomeni da baraccone del circo anni '40, finanziato con la coproduzione popolare di quote da 5 euro, raccolte attraverso "facebook".
Sempre nel 2009 realizza anche il suo primo spot per il Centro Pitigliani.
Insegnante di regia presso numerose scuole e teatri, sta ora preparando il suo debutto cinematografico Nel 2009 è stato in concorso al David di Donatello (con Ogni giorno e Fuori Gioco) ed ai Nastri d'argento (con Ogni giorno)