Corso ECM: IL TUTOR CLINICO NEL CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA

DEA Formazione e Servizi
A Castel Gandolfo

350 
IVA inc.
Preferisci chiamare subito il centro?

Informazione importanti

  • Corso intensivo
  • Livello avanzato
  • Castel gandolfo
  • 24 ore di lezione
  • Durata:
    3 Giorni
  • Quando:
    Da definire
Descrizione

La proposta di formare personale infermieristico al ruolo di tutor clinico, nasce da una lunga osservazione rispetto allo svolgimento del tirocinio degli studenti infermieri e dalla difficoltà che questi trovano nell’adattarsi a vari metodi di lavoro e nell’apprendere da questi. La difformità dei comportamenti degli operatori nel setting clinico, genera alla fine di tutto un gap teoria pratica sul quale si parla e si scrive, ma su cui si fa poco; l’apprendimento attraverso il tirocinio, rimane il punto cardine della professione infermieristica, perché in tale ambito di esperienza lo studente può realmente sperimentare la sintesi tra conoscenze teoriche (SAPERE), competenze operative (SAPER FARE), e comportamenti professionali (SAPER ESSERE), e in quanto tale, questo momento di apprendimento va preservato.
Creare una tutorship, laddove l’infermiere è formatore per eccellenza, ci potrebbe aiutare a porre lo studente con i propri bisogni formativi, al centro dell’attenzione, stimolando la sua partecipazione all’apprendimento e a sviluppare il suo pensiero critico, oltre a rappresentare uno stimolo e una risorsa per tutto il team assistenziale.

Informazione importanti
Sedi

Dove e quando

Inizio Luogo
Da definire
Castel Gandolfo
Via Santo Spirito 47, 00040, Roma, Italia
Visualizza mappa

Domande più frequenti

· Quali sono gli obiettivi del corso?

L’obiettivo generale è di “formare” i tutor clinici, formatori in grado di gestire l’attività di tirocinio dello studente, fungere da “continuum” universitario e in grado di far raggiungere agli studenti gli obiettivi previsti dal corso di laurea nel modo più conforme possibile alla teoria, garantire ad ogni studente una formazione personalizzata che consenta l’espressione di tutte le sue potenzialità, sia sul piano umano che su quello professionale. Il tutor è un importante fattore di mediazione tra l’esperienza culturale e quella reale e la dimensione relazionale del tutorato, grazie alle sue caratteristiche di ascolto e di reciproca apertura, diviene una comunicazione empatica, un’esperienza di grande valore umano e un’occasione di apprendimento metacognitivo. ARGOMENTI DI CARATTERE GENERALE: INFORMATICA E LINGUA INGLESE SCIENTIFICA DI LIVELLO AVANZATO. NORMATIVA IN MATERIA SANITARIA : I PRINCIPI ETICI E CIVILI DEL SSN (17) Acquisizioni di sistema

· A chi è diretto?

Infermieri tutor clinici e coordinatori

Opinioni

Non ci sono ancora opinioni su questo corso

Cosa impari in questo corso?

Tutoraggio clinico
Infermieristica
Regolamento universitario
Affiancamento neo assunti

Professori

Donatella Biasciucci
Donatella Biasciucci
Infermiera con laurea magistrale

Programma

  • Conoscere la legislazione vigente in materia di formazione universitaria della professione infermieristica; l’ordine degli studi del corso di Laurea in infermieristica, il regolamento didattico, gli organi del corso di laurea, i tutor didattici, comprendere il rapporto tra teoria e propedeuticità del tirocinio.
  • Comprendere l’importanza del ruolo di tutor clinico nella formazione, e anche il saper gestire la didattica e l’assistenza clinica contemporaneamente.
  • Applicare le conoscenze acquisite per favorire l’apprendimento dello studente infermiere: esplicitare allo studente il proprio ragionamento (descrivere quello che fa, mentre lo fa, spiegando perché lo fa).
  • Analizzare le attività svolte dallo studente, distinguerne le abilità teorico/pratiche, individuare errori, imprecisioni e/o incongruenze rispetto l’esecuzione di tecniche, riportando il tutto su un’apposita griglia di valutazione.
  • Sintetizzare le attività svolte e ricavare un quadro delle competenze raggiunte.
  • Valutare la prestazione dello studente su apposita scheda, criticare laddove lo studente non abbia raggiunto l’obiettivo e, eventualmente progettare un nuovo modello di affiancamento.
Autovalutare le performance da lui svolte rispetto al mandato affidato

Confronta questo corso con altri simili
Leggi tutto