Corso Educatori Cinofili

ASD Manu Dog Camp
A Roma

2.000 
Chiedi informazioni a un consulente Emagister

Informazioni importanti

Tipologia Corso
Livello Livello avanzato
Luogo Roma
Ore di lezione 240h
Durata 30 Giorni
  • Corso
  • Livello avanzato
  • Roma
  • 240h
  • Durata:
    30 Giorni
Descrizione

IL CORSO SODDISFA I SEGUENTI REQUISITI:
Riconosciuto dalla A.S.C. Cinofilia (Attività Sportive Confederata)
Abilità all’esame A.P.N.E.C.
Abilità all’esame Dog-Trainer-Professionals CERTIFICAZIONE EUROPEA AI SENSI DEL CWA 16979:2016:

Durata: 240 ora suddivise in 140 ore di teoria e 100 di pratica. Incluso nel corso un tirocinio gratuito presso il centro cinofilo A.S.D. Manu Dog Camp

Sedi

Dove e quando

Inizio Luogo
Consultare
Roma
via del padiglione 56, 00132, Roma, Italia
Visualizza mappa
Inizio Consultare
Luogo
Roma
via del padiglione 56, 00132, Roma, Italia
Visualizza mappa

Domande più frequenti

· Quali sono gli obiettivi del corso?

Formare educatori cinofili

Cosa impari in questo corso?

Educatore cinofilo
Addestramento cani
Addestratore di cani
Animali domestici
Sport cinofili
Cani da soccorso
APNEC
Riconoscimento europeo
Dog-Trainer-Professional
Dog sitter
Educazione

Professori

Silvia Mirabelli
Silvia Mirabelli
Responsabile del Corso

Programma

Programma:

Cinologia:
a) dal lupo al cane: l’evoluzione, la storia della domesticazione, l’ontogenesi, la filogenesi del cane;
b) la struttura, l’organizzazione e il comportamento sociale del lupo e del cane;
c) le razze, le caratteristiche comportamentali, le doti naturali del cane;
d) il “cinogramma”, il linguaggio e la comunicazione intra-specifica del cane;
e) analisi e soddisfacimento del ruolo e dei bisogni del cane.

Linguaggio e comunicazione:
a) comunicazione intra-specifica, comunicazione inter-specifica;
b) segnali calmanti e di pacificazione;
c) prossemica.

Psicologia canina”- modello comportamentista – behaviourista”:
a) storia dell’evoluzione della psicologia canina;
b) modelli di apprendimento secondo l’approccio comportamentista “behaviourista” condizionamento classico e operante;
c) assuefazione, sensibilizzazione, desensibilizzazione sistematica, contro-condizionamento;
d) teoria dei rinforzi-punizioni, controllo degli stimoli, motivazione, arousal (eccitazione);
e) flooding (immersione) – shaping (modellamento) – chaining (concatenamento).

Psicologia canina “modello cognitivo” – Le scienze cognitive:
a) la mente del cane e l’apprendimento;
b) modelli di apprendimento secondo l’approccio cognitivo;
c) potenziamento cognitivo.

Fondamenti di educazione del cane:
a) la storia del metodo addestrativo/educativo e l’evoluzione della figura del professionista cinofilo, tecniche a confronto;
b) gli strumenti, la cassetta degli attrezzi, le tecniche performative ed urbane per corsi di educazione in campo (collettivi e individuali) ed a domicilio;
c) la conduzione performativa;
d) i comandi di controllo performativi e la loro strutturazione “no limits”;
e) la gestione urbana, in casa e nei trasporti;
f) la gestione del cane libero: il richiamo performativo e di controllo, il seguimi;
g) il cucciolo: dalla scelta al corretto sviluppo psicofisico;
h) la motivazione, l’aspettativa ed i rinforzi;
i) pianificazione di una consulenza educativa: dalla telefonata al programma educativo;
j) le aree educative di pertinenza dell’educatore cinofilo e dello specialista nella rieducazione comportamentale;
k) cenni di rieducazione e medicina comportamentale.

La relazione “cinoantropologica” o uomo – cane:
a) le attività costruttive per una corretta relazione;
b) l’interazione e l’approccio.

La professione e l’utenza:
a) la relazione tra il professionista ed il proprietario/cliente;

- La comunicazione è una questione di stili: conoscere meglio il proprio per saper leggere quello degli altri
– La comunicazione è anche una questione di abito mentale: come i giudizi, i saperi e le intenzioni orientano il nostro stile
– Abbiamo detto tutto… e l’ascolto? Tecniche di Ascolto Attivo
– L’assertività come strategia comunicativa che ci libera dalle incomprensioni e dalle ansie
– Gestire il confronto senza andare in conflitto è possibile!
– Le frasi e le parole killer.. ovvero il “Non vorrei essere prolisso… ma…”
– ed ora che le so tutte.. come diffondo i miei saperi? Strategie di personal branding per cinofili. Fuori e dentro i social (Comunicazione efficace a distanza)

b) la legislazione cinofila;
c) discipline cinofile e le razze canine;
d) la collaborazione con le altre figure professionali coinvolte;
e) le strutture cinofile (allevamenti, pensioni, rifugi, canili sanitari…).

Veterinaria:
a) il medico veterinario e il rapporto con l’educatore cinofilo;
b) cenni sugli apparati del cane (app. sensoriale e tegumentario, app. gastroenterico, app. cardio circolatorio, app. respiratorio, app. nervoso, app. locomotore, app. genitale e urinario, app. ormonale);
c) cenni sulle più comuni parassitosi del cucciolo, protocolli vaccinali;
d) elementi di neurofisiologia con particolare riferimento allo stress del cane;
e) nozioni di primo soccorso, comprese tecniche di rianimazione pratiche con l’ausilio di “casper dog first aid”;
f) elementi di nutrizione;
g) cenni sulle più comuni patologie ereditarie in riferimento alle razze canine.
h) Profilassi e prevenzione di gestione di un centro cinofilo

CAPACITA’:
a) osservare ed interpretare il comportamento del cane;
b) educare, istruire e addestrare il cane;
c) utilizzare correttamente strumenti, tecniche di educazione performative ed anche riferite alla gestione del cane urbano;
d) comunicare ed interagire con il cane;
e) autovalutare il proprio operato e l’eventuale raggiungimento dell’obiettivo dichiarato;
f) valutare attitudini, vocazioni, abilità, disposizioni emozionali e stato di benessere del cane;
g) analizzare il contesto nel quale il cane è immerso e servirsi dello stesso;
h) comunicare ed interagire con il proprietario e trasmettere efficacemente conoscenze ed abilità di interazione uomocane;
i) cercare e saper attuare diverse strategie d’intervento;
j) prevedere ogni possibile esito/problema derivante dal proprio intervento e saperlo gestire correttamente i rapporti interpersonali e professionali;
k) stabilire processi e procedure eticamente e deontologicamente corrette nella gestione del proprio lavoro

Calendario Corso 2017-2018:

  • 28-29 Ottobre 2017
  • 11-12; 25-26 Novembre 2017
  • 16-17 Dicembre 2017
  • 13-14; 27-28 Gennaio
  • 10-11 Febbraio
  • 03-04; 10-11; 24-25 Marzo
  • 07-08; 21-22 Aprile
  • 05-06; 19-20 Maggio
  • 02-03 Giugno


Docenti:

Silvia Mirabelli

  • Avena Francesca
  • Michela Fiorese
  • Carla Zanetti
  • Chiara Paolacci
  • Patrizia Douglas Scotti
  • Riccardo Pizzicannella

Luogo del corso: Roma, Via del padiglione , 56 , Presso A.S.D. Manu Dog Camp.

Orario Lezioni: Il corso si svolgere di sabato e domenica nei seguenti orari 09,00-13,00 14,00-18,00


Gli utenti che erano interessati a questo corso si sono informati anche su...
Leggi tutto