Esercizi di Bioenergetica con Condivisione

L.E.D. Laboratorio di Educazione al Dialogo
A Trento

135 
+IVA
Vuoi parlare del corso con un consulente?

Informazione importanti

  • Corso
  • Trento
  • 12 ore di lezione
Descrizione


Rivolto a: Possono partecipare tutti coloro che non avendo gravi patologie psicofisiche, desiderano approfondire il rapporto con il proprio corpo ed aumentare il senso di vitalità.

Informazione importanti
Sedi

Dove e quando

Inizio Luogo
Consultare
Trento
via delle Laste, 22, 38121, Trento, Italia
Visualizza mappa

Programma

Prossimo ciclo di incontri previsto ad autunno 2012a Villa S. Ignazio, Trento

Il conduttore del corso è disponibile per un eventuale colloquio individuale preliminare al corso.

La Classe di esercizi bioenergetici prevede un’attività fisica di prevenzione, svolta in un piccolo gruppo che mira a favorire un contatto più profondo con il proprio corpo.

All’interno del percorso verranno proposti alcuni momenti di condivisione dei vissuti.


SCOPO
Scopo degli esercizi è aiutare la persona ad accrescere le proprie sensazioni fisiche, diventare consapevole delle proprie tensioni muscolari e, attraverso i movimenti proposti, iniziare a rilasciarle.
Sbloccando l'energia intrappolata nel corpo e lasciandola fluire liberamente, si acquisisce un maggior senso di vitalità, una maggior capacità di sentire benessere sia a livello muscolare che emozionale. Si instaura gradualmente un processo che porta ad un approfondimento della respirazione e verso un maggior senso di radicamento.

LA TECNICA PSICOCORPOREA MIRA A
- agevolare ed approfondire la respirazione
- aumentare la propria percezione corporea
- allentare e sciogliere le tensioni muscolari
- favorire il contatto con le proprie emozioni
- imparare a scaricare lo stress psicofisico
- aumentare il benessere e la vitalità
- incrementare il radicamento nella realtà

IL CONDUTTORE
Paolo Daini - psigologo, psicoterapeuta e Trainer di Classi di Esercizi di Bioenergetica
Il conduttore della Classe sostiene le persone a focalizzarsi sul proprio “sentire”: ne consegue una sorta di apprendimento sulla propria realtà interna e di riconoscimento del proprio ritmo. Pertanto gli esercizi non sono mai proposti come un' attività meccanica mirata ad una performance ma come una possibilità di incontrare, riconoscere e valorizzare le variazioni individuali.

E' consigliato un abbigliamento comodo e ai piedi calze di lana.