Fisioterapia (Abilitante alla Professione Sanitaria di Fisioterapista)

Università degli Studi di Firenze
A Firenze

Chiedi il prezzo
Vuoi parlare del corso con un consulente?
Gli utenti che erano interessati a questo corso si sono informati anche su...
Leggi tutto

Informazione importanti

  • Laurea
  • Firenze
Descrizione

Obiettivo del corso: Il laureato in Fisioterapia è un operatore delle professioni sanitarie dell'area della riabilitazione che svolge con titolarità ed autonomia professionale, nei confronti dei singoli individui e della collettività, attività dirette alla prevenzione, alla cura, alla riabilitazione ed a procedure di valutazione funzionale, al fine di espletare le competenze proprie previste dal profilo professionale.
Rivolto a: Coloro che desiderano lavorare nel settore sanitario.

Informazione importanti
Sedi

Dove e quando

Inizio Luogo
Consultare
Firenze
P.zza San Marco, 4, 50121, Firenze, Italia
Visualizza mappa

Domande più frequenti

· Requisiti

Diploma di Scuola media superiore o di titolo di studio equipollente

Opinioni

Non ci sono ancora opinioni su questo corso

Programma

CORSO DI LAUREA FISIOTERAPIA

AMBITO DI APPLICAZIONE

Il Corso di Laurea è attivato nella Facoltà di Medicina e Chirurgia. Il Corso di Laurea in Fisioterapia può attivare sedi decentrate presso Aziende Sanitarie accreditate, secondo i criteri previsti dalla normativa vigente. Il Corso di Laurea ha durata di tre anni, per complessivi 180 Crediti Formativi Universitari (CFU).

NORME DI AMMISSIONE

Possono essere ammessi al Corso di Laurea candidati in possesso di Diploma di Scuola media superiore o di titolo di studio equipollente, ai sensi dell'art. 6 del D.M. 3.11.99 n. 509 (Regolamento recante norme concernenti l'autonomia didattica degli Atenei).

OBIETTIVI FORMATIVI SPECIFICI

Il Fisioterapista è un laureato dellA classe delle professioni sanitarie della riabilitazione nei termini previsti dal Decreto del Ministero dell'Università e della Ricerca Scientifica e Tecnologica emanato il 02.04.2001, relativo alla "Determinazione delle classi di laurea universitarie delle professioni sanitarie".

Il Fisioterapista è un operatore sanitario cui competono le attribuzioni culturali e professionali previste D.L. 14 settembre 1994, n. 741 pubblicato su G.U. n.6 del 9.1.1995 concernente il "Profilo professionale del Fisioterapista".

Il laureato in Fisioterapia è un operatore delle professioni sanitarie dell'area della riabilitazione che svolge con titolarità ed autonomia professionale, nei confronti dei singoli individui e della collettività, attività dirette alla prevenzione, alla cura, alla riabilitazione ed a procedure di valutazione funzionale, al fine di espletare le competenze proprie previste dal profilo professionale. Il laureato in Fisioterapia è dotato di un'adeguata preparazione nelle discipline di base, tale da consentirgli sia la migliore comprensione dei più rilevanti elementi che sono alla base dei processi patologici sui quali si focalizza l'intervento riabilitativo e/o terapeutico in età evolutiva, adulta e geriatrica, sia la massima collaborazione con il medico e con gli altri laureati della classe o di altre classi dell'area tecnico-sanitaria.

Deve inoltre saper utilizzare almeno una lingua dell'Unione Europea, oltre l'italiano, nell'ambito specifico di competenza e per lo scambio di informazioni generali.

In particolare, il laureato in Fisioterapia deve raggiungere le competenze professionali di seguito indicate. Il raggiungimento delle competenze professionali si attua attraverso una formazione teorica e pratica che include anche l'acquisizione di competenze comportamentali, conseguita anche nel contesto lavorativo specifico del proprio profilo, così da garantire, al termine del percorso formativo, la piena padronanza di tutte le necessarie competenze e la loro immediata spendibilità nell'ambiente di lavoro.

Particolare rilievo, come parte integrante e qualificante della formazione professionale, riveste l'attività formativa pratica e di tirocinio clinico, coordinata da un docente appartenente al più elevato livello formativo previsto per ciascun profilo professionale e corrispondente alle norme definite a livello europeo, ove esistenti

I laureati in Fisioterapia, ai sensi del D.M. del Ministero della Sanità 14 settembre 1994, n. 741, devono raggiungere le seguenti competenze professionali:

  • svolgere, in via autonoma o in collaborazione con altre figure sanitarie, interventi di prevenzione, cura e riabilitazione di limitazioni conseguenti a eventi patologici di varia eziologia - congenita od acquisita -, nelle aree della motricità, delle funzioni corticali superiori, e di quelle viscerali;
  • elaborare, in riferimento alla diagnosi ed alle prescrizioni del medico, nell'ambito delle loro competenze, anche in équipe multidisciplinare, la definizione del programma di riabilitazione, volto all'individuazione ed al superamento del bisogno di salute del disabile;
  • praticare autonomamente attività terapeutica per la rieducazione funzionale delle disabilità motorie, psicomotorie e cognitive, utilizzando terapie fisiche, manuali, massoterapiche ed occupazionali;
  • proporre l'adozione di protesi ed ausili, addestrare il paziente all'uso e verificarne l'efficacia;
  • verificare le rispondenze della metodologia riabilitativa attuata agli obiettivi di recupero funzionale;
  • svolgere attività di studio, didattica e consulenza professionale, nei servizi sanitari ed in quelli dove si richiedono le loro competenze professionali;
  • svolgere la loro attività professionale in strutture sanitarie, pubbliche o private, in regime di dipendenza o libero-professionale
  • conoscere le principali normative in materia di radioprotezione, secondo i contenuti dell'allegato IV del DL 25 Maggio 2000, n.° 187

    A conclusione del Corso, il laureato in Fisioterapia sarà in grado, nell'ambito delle funzioni sopra elencate, di:


  • identificare i bisogni fisici, psicologici e sociali suscettibili di recupero funzionale delle persone di diverse età, cultura e stato di salute nei vari ambiti sociali, integrando le conoscenze teoriche con quelle pratiche;
  • identificare i bisogni riabilitativi e fisioterapici della persona e della collettività e formulare i relativi obiettivi terapeutici;
  • individuare i bisogni preventivi della disabilità tenendo conto delle modificazioni motorie, psicomotorie, cognitive e funzionali, della coerenza, entità e significatività dei sintomi;
  • collaborare alla progettazione dell'intervento riabilitativo attraverso specifiche procedure di valutazione funzionale, individuandone le modalità terapeutiche più consone, utilizzando, in relazione alla diagnosi, alle indicazioni ed alle prescrizioni del medico, terapie fisiche, terapie manuali, psicomotorie e occupazionali, proponendo l'eventuale uso di ortesi, protesi ed ausili;
  • pianificare ed eseguire l'intervento riabilitativo secondo il progetto, individuandone le modalità, i tempi di applicazione delle differenti tecniche riabilitative, in considerazione delle relative indicazioni e controindicazioni, nell'ottica di un approccio globale e/o analitico comunque funzionale alla soluzione del problema;
  • verificare le risposte dell'intervento riabilitativo, registrandone le modificazioni durante ed alla fine del medesimo;
  • agire in modo coerente con i principi etici, deontologici e disciplinari della professione di Fisioterapista nelle situazioni assistenziali previste dal progetto formativo, ed in relazione alle responsabilità richieste dal livello formativo; - dimostrare capacità di stabilire e mantenere relazioni di aiuto con la persona, con la sua famiglia ed il contesto sociale, applicando i fondamenti delle dinamiche relazionali;
  • identificare, in collaborazione con l'équipe medica, i bisogni di riabilitazione che richiedono competenze preventive e riabilitative nei singoli settori specialistici (neurologia; ortopedia e traumatologia; cardiologia; area critica; oncologia; pneumologia; area materno-infantile; geriatria; etc.);
  • riconoscere le principali reazioni della persona alla malattia, alla disabilità ed all'ospedalizzazione, rispettando le differenze comportamentali legate alla matrice culturale individuale
  • promuovere le azioni necessarie al superamento della disabilità, anche attraverso la promozione della mobilità e l'abbattimento delle barriere architettoniche, in relazione allo stato di salute del singolo ed alla normativa vigente di settore;
  • contribuire ad organizzare le attività di riabilitazione attraverso la definizione di priorità, l'utilizzo appropriato delle risorse a disposizione, anche delegando a collaboratori le attività di competenza, assicurando continuità e qualità assistenziale;
  • collaborare ad attività di ricerca e di valutazione e revisione della qualità degli interventi riabilitativi, applicandone i risultati al fine di migliorare la qualità del trattamento;
  • utilizzare capacità didattiche per contribuire alle attività di aggiornamento professionale ed al tutorato;
  • riconoscere e rispettare il ruolo e le competenze proprie e degli altri operatori dell'équipe assistenziale, stabilendo relazioni collaborative;
  • interagire e collaborare attivamente con équipe interprofessionali al fine di programmare e gestire interventi riabilitativi multidisciplinari.

  • Gli utenti che erano interessati a questo corso si sono informati anche su...
    Leggi tutto