Formazione formatori

Olympos Group Srl
A Albino

1.050 
+IVA
Vuoi parlare del corso con un consulente?
Confronta questo corso con altri simili
Leggi tutto

Informazione importanti

  • Seminario intensivo
  • Livello avanzato
  • Albino
  • 24 ore di lezione
  • Durata:
    3 Giorni
Descrizione

Obiettivi del corso Formazione formatori:

Progettare interventi formativi innovativi e coinvolgenti;
Migliorare la capacità di condurre sessioni formative di successo (gradimento ed efficacia);
Comprendere e gestire i meccanismi alla base dell'efficacia di un corso di formazione.

Informazione importanti
Sedi

Dove e quando

Inizio Luogo
Consultare
Albino
Via Madonna della Neve, 2/1, 24021, Bergamo, Italia
Visualizza mappa

Cosa impari in questo corso?

Formazione formatori
Formazione efficace
Formazione online

Professori

Gianluca Gambirasio
Gianluca Gambirasio
Dott.

Sono nato nel 1972, coniugato e con 3 figli. Mi piace presentarmi come "di professione scialpinista e per hobby consulente e formatore aziendale". Laureato a 22 anni con 110 e lode in Economica e Commercio. Amministratore unico di Olympos (www.olympos.it). Specializzato nella formazione del personale a contatto con il Cliente e nel team building ho sviluppato diverse metodologie innovative di formazione. Autore dei libri: Il venditore etico, Più risultati in meno tempo, La montagna: una scuola di management, 1000 aforismi e citazioni ad uso aziendale e non solo e Formazione formatori.

Programma

  • La "giungla" della formazione aziendale;
  • Il ruolo del formatore aziendale: sapere (conoscenze), saper fare (competenze), saper far fare e saper essere (atteggiamenti);
  • Autoanalisi dei propri punti di forza e aree di miglioramento come formatore aziendale;
  • Gli attori principali del processo di formazione: il Committente, i Partecipanti ed il Formatore;
  • Gli stili dei formatori: i formatori lucidatori rispetto ai formatori animatori;
  • I "5 segreti" di un formatore di successo;
  • Come riuscire a coinvolgere attivamente i partecipanti ad un corso di formazione;
  • L’analisi dei bisogni formativi e i principali strumenti per svolgerlo: briefing, affiancamenti, interviste, focus group, questionari, test, ecc.;
  • Il processo di apprendimento negli adulti;
  • I 4 stadi dell'apprendimento: inconsciamente incompetente, consciamente incompetente, consciamente competente e inconsciamente competente;
  • La progettazione dell’intervento formativo: la macro e la micro progettazione;
  • La scaletta del corso di formazione: una guida che va elasticamente rispettata;
  • Obiettivi, metodi e strumenti pedagogici;
  • La definizione degli obiettivi specifici del corso di formazione: "Cosa i partecipanti dovranno sapere, fare e/o pensare al termine del corso di formazione?"
  • La predisposizione del materiale didattico e degli strumenti didattici di supporto;
  • La gestione del rapporto con i partecipanti;
  • Paure, stress e ansia di un formatore;
  • La preparazione dell'aula;
  • Le componenti della comunicazione interpersonale: non si può non comunicare, tutto comunica, ciò che abbiamo detto è ciò che l'altro ha capito, la mappa non è il territorio;
  • Le tecniche di presentazione in pubblico: come esporre i contenuti del corso;
  • Verificare il feedback dei partecipanti: di ascolto, di comprensione e di accettazione;
  • Come ricevere contributi dai partecipanti al corso: ascoltare, ascoltare, ascoltare;
  • L’apertura del corso di formazione: cosa fare e cosa non fare;
  • Utilizzo delle diverse tecniche e degli strumenti didattici di supporto;
  • Le metodologie di formazione centrate sull'azione rispetto alle metodologie di formazione centrate sulla parola;
  • La "percentuale possesso palla" e la "lotta all'utilizzo dei lucidi";
  • La scatola degli attrezzi del formatore di successo: esercitazioni, giochi, casi, role play, lavori in sottogruppo, video,…: quando utilizzarli e come;
  • La formazione esperienziale;
  • Le 4 fasi del modello di apprendimento esperienziale: lancio, svolgimento, analisi (debriefing) e punti di apprendimento;
  • Come mantenere sempre alto il livello di attenzione e di interesse;
  • Cogliere i segnali "deboli" dell’aula;
  • La gestione delle diverse tipologie di partecipanti: il polemico, il killer occulto, l'assente, il logorroico, l'indisciplinato, l'arrivato e il partecipante ideale;
  • Gestire al meglio le situazioni critiche: il calo di attenzione, il muro del pianto e le obiezioni;
  • Il riepilogo periodico dei contenuti del corso di formazione;
  • La chiusura del corso di formazione;
  • Come dar seguito a quanto appreso durante il corso di formazione;
  • Il follow up;
  • La valutazione dell’efficacia della sessione formativa: come valutare il gradimento?
  • Le caratteristiche di un questionario di valutazione del corso;
  • Come valutare il ROI (= ritorno sull'investimento in formazione);
  • Il Piano Personale di Miglioramento: costruire un piano d’azione concreto per lavorare sulle proprie aree di miglioramento individuate durante il corso di formazione: cosa voglio continuare a fare? Cosa voglio evitare? Cosa voglio iniziare a fare?

Ulteriori informazioni

metodologia d'aula attiva e coinvolgente

Confronta questo corso con altri simili
Leggi tutto