Formazione a Tempo Pieno in Osteopatia

Istituto Europeo per la Medicina Osteopatica
A Torino

7.800 
IVA Esente
Vuoi parlare del corso con un consulente?
Confronta questo corso con altri simili
Leggi tutto

Informazione importanti

  • Corso
  • Torino
  • 3400 ore di lezione
Descrizione

Obiettivo del corso: professione di Osteopata D.O. in base ai criteri stabiliti dal Registro degli Osteopati d'Italia in riferimento alle prassi formative e professionali internazionalmente accreditate.
Rivolto a: Diplomati quinquennali di Scuola media superiore o possessori di titolo estero equipollente, interessati alle discipline scientifiche nel settore della cura alla persona, della prevenzione e della salute in generale.

Informazione importanti
Sedi

Dove e quando

Inizio Luogo
Consultare
Torino
C.so Vittorio Emanuele II, 180, 10138, Torino, Italia
Visualizza mappa

Domande più frequenti

· Requisiti

Diploma di Scuola superiore. Superamento colloquio di ammissione.

Programma

Cinque anni di corso. Autorizzazione all'Insegnamento del Ministero dell'Istruzione ( M.I.U.R.)

Materie di frequenza frontale ed esame:

1° anno:

Fisica medica, Chimica e propedeutica biochimica, Biologia generale e cellulare, Istologia ed embriologia, Biochimica, Anatomia umana, Fisiologia umana, Fisiologia articolare, psicologia, Anatomia palpatoria, Tecniche osteopatiche, Metodologia osteopatica.

2°anno:

Fisiologia umana, Fisiologia articolare, anatomia umana, psicologia, Patologia generale ed immunologia, Semeiotica medica, Radiologia, Anatomia palpatoria, Osteopatia strutturale, Osteopatia craniale Metodologia diagnostica osteopatica, Inglese scientifico.

3°anno:

Neurofisiologia e patologia del dolore, Microbiologia ed Igiene, Fisiologia articolare, Anatomia umana, Psicologia, Patologia medica, Diagnosi per immagini, Fisiopatologia ortopedica e reumatologica, Esami biologici, Osteopatia strutturale e miofasciale, Osteopatia craniale, Anatomia palpatoria, Tirocinio clinico. Inglese scientifico.

4° anno:

Psicologia, Fisiopatologia gastroenterica, Fisiopatologia respiratoria, Fisiopatologia ortopedica e reumatologica, Diagnosi per immagini, Fisiopatologia ostetrica e ginecologica, Fisiopatologia pediatrica, Fisiopatologia neurologica, Osteopatia craniale, Osteopatia viscerale, Osteopatia strutturale e miofasciale, Semeiotica osteopatica, Tirocinio clinico.

5° anno:

Psicologia clinica, Fisiopatologia apparato urinario, Fisiopatologia otorinolaringoiatricfa, Diagnosi per immagini, Farmacologia, Fisiopatologia endocrino-metabolica, Fisiopatologia cardiovascolare, Osteopatia viscerale, Osteopatia craniale, Osteopatia in pediatria, Osteopatia in odontostomatologia, Osteopatia in Ginecologia, Osteopatia in endocrinologia, Osteopatia miofasciale, Tirocinio clinico, Preparazione tesi.

Il programma descritto prevede la possibilità di frequenza delle lezione in Istituti europei partner in periodi di studi organizzati all'estero.

FORMAZIONE IN OSTEOPATIA : FINALITA’
Obiettivo principale dell’Istituto è promuovere la formazione di professionisti osteopati secondo i migliori criteri qualitativi e quantitativi. Tale finalità in costante evoluzione viene perseguita attraverso la massima qualificazione dell’insegnamento, la formazione continua dei docenti, la promozione della ricerca in osteopatia, la gestione delle risorse umane e ambientali, la progettazione e l’erogazione dei servizi, unitamente all’analisi e al monitoraggio dei processi finalizzati al miglioramento costante.
In particolare, il progetto accademico e formativo si fonda su due finalità essenziali:

• Proporre l’insegnamento più idoneo per la migliore formazione scientifico-professionale;
• Verificare attentamente la formazione teorico-pratica individuale per preparare professionisti responsabili e idonei ad operare nel contesto sociale.
A tal riferimento i Processi primari dell’Istituto sono rappresentati dai processi relativi allo studente, dalla progettazione, dall’approvvigionamento, dalla pianificazione del prodotto e dalla produzione/erogazione dei servizi.

FORMAZIONE IN OSTEOPATIA: METODI DI INSEGNAMENTO

• Insegnamento teorico frontale: lezioni “ex cathedra” affidate a docenti dell’Università di Medicina, a medici specialisti che operano in strutture ospedaliere di eccellenza, a osteopati qualificati alla docenza in base a criteri definiti;
• Pratica clinica: attività finalizzata al perfezionamento della pratica manuale e della metodologia diagnostica e terapeutica. Effettuato sotto la guida di tutori docenti e non docenti (cfr. art.11 del Regolamento didattico), tale modalità è parte integrante dell’insegnamento fin dal primo anno di corso. Negli ultimi tre anni di corso si effettua un tirocinio obbligatorio con pazienti esterni, sempre guidati, con lo scopo di allenare lo studente all’autonomia professionale e all’applicazione di un metodo rigoroso nel riconoscere l’indicazione osteopatica e nella pianificazione terapeutica;
Dipartimento di ricerca: con la guida di docenti tutori e con la finalità di obiettivare nel modo più scientifico possibile le conoscenze empiriche osteopatiche,ogni studente è chiamato ad elaborare un progetto di ricerca a partire dal quarto anno di frequenza. Tale progetto,scelto autonomamente, viene validato dal Comitato per la didattica dell’Istituto e dal Comitato scientifico composto da docenti universitari e personalità qualificate in ambito clinico. Una pubblicazione riporterà i dati più rilevanti della ricerca svolta, configurandosi nella più parte dei casi come l’elaborato della Tesi di fine corso.

FORMAZIONE IN OSTEOPATIA: OBIETTIVI ACCADEMICI E PROFESSIONALI
(estratto dall’art.5 del Regolamento didattico)
Il corso di formazione in osteopatia fornisce le basi scientifiche e la preparazione teorico-pratica proprie della medicina osteopatica, necessarie all’esercizio della professione; esso fornisce inoltre le basi culturali per la formazione permanente e i fondamenti metodologici della ricerca scientifica. Lo studente nel complessivo corso degli studi acquisirà un livello di autonomia professionale, decisionale ed operativa volta ad incidere proficuamente nel contesto sociale, economico e culturale. A tal riferimento, lo studente maturerà specifiche capacità comunicative, umane e deontologiche per relazionarsi con i pazienti e collaborare con le figure professionali sanitarie.
In particolare, la formazione sarà caratterizzata da:

• L’apprendimento dei metodi di identificazione dell’indicazione patologica osteopatica e delle contro-indicazioni al medesimo trattamento (diagnosi differenziale);
• La consuetudine diagnostico-terapeutica esclusivamente osteopatica attraverso manovre semeiologiche e tecniche manuali peculiari e non invasive, senza alcun utilizzo di farmaci o strumenti chirurgici;
• La pratica della disciplina osteopatica integrata al trattamento globale del paziente in piena sicurezza e senza produrre rischi per lo stesso, perseguendo l’obiettivo del miglior risultato col minor coinvolgimento terapeutico, in virtù di acquisite consapevolezze etiche;
• La conoscenza puntuale della fisiopatologia e della metodologia clinica al fine di indirizzare il paziente ad altre figure sanitarie più pertinenti con cui instaurare eventuali rapporti interdisciplinari;
• La conoscenza dei principi e dell’interpretazione della diagnostica per immagini;
• La conoscenza degli aspetti demografici, dell’incidenza e della prevenzione delle patologie ad indicazione osteopatica;
• L’interpretazione corretta della legislazione concernente l’esercizio dell’osteopatia e delle responsabilità medico-legali nel Paese dell’Unione Europea in cui si opera;
• La valorizzazione dei valori umanistici e degli aspetti filosofici e culturali come fonte di arricchimento della vita studentesca e professionale.



ORGANIZZAZIONE DEGLI STUDI
Gli studi universitari europei sono organizzati in tre cicli:

• Un primo ciclo di tre anni ( 180 crediti ) per il conseguimento del grado accademico della Licenza ( LA ), propedeutico al secondo ciclo;
• Un secondo ciclo per il conseguimento del grado accademico di Master ( MA ). Nel caso dell’osteopatia questo secondo ciclo ha durata di due anni ( 120 crediti ) con finalità specialistica ( acquisizione di ulteriori specifiche competenze professionali ). Al termine di questo secondo ciclo, il completamento della formazione iniziale avviene mediante l’accesso a ulteriori studi di specializzazione nello stesso ambito per il conseguimento di un Master complementare ( MC ).

L’accesso al secondo ciclo di studi è consentito incondizionatamente a coloro che abbiano portato a termine il primo ciclo nello stesso ambito accademico ( da LA in osteopatia a MA in osteopatia ), ma anche a coloro che, avendo completato un primo ciclo di studi in altro ambito, desiderino indirizzare la propria formazione verso l’osteopatia (es.: da LA in medicina a MA in osteopatia ). Quest’ultima possibilità può realizzarsi mediante l’approvazione di un programma di studi supplementare, propedeutico al grado accademico di Master (MA) e organizzato in funzione dei crediti ECTS da integrare.
Agli studi del Master complementare (MC) è possibile accedere solo dopo MA nello stesso ambito.

INFORMAZIONI SUI CORSI DI STUDIO

• L’Anno Accademico europeo per gli studi a tempo pieno prevede un carico di lavoro complessivo distribuito in circa 39 settimane per un totale di circa 1400 / 1800 ore all’anno.
Per carico di lavoro complessivo si intendono le ore di formazione suddivise in Lavoro accademico pianificato ( CM – LD – LP ), Approfondimenti personali, Tirocini, Esami, Apprendimento individuale in varie forme.

• Il carico di lavoro globale ( LGS ) presso l’Istituto corrisponde a circa 1600 ore annue, di cui il “carico di lavoro accademico” vero e proprio consiste in 750 / 1000 ore. Le ore restanti sono dedicate al Tirocinio clinico individuale (T) e ai lavori personali (Prs) corrispondenti ad approfondimenti, seminari, ricerche, progetti, letture, sviluppo di dissertazioni e tesi oltre allo studio individuale indipendente mediante preparazione degli esami, svolgimento degli esami, lettura di testi, dispense, appunti.
Il carico di lavoro accademico è costituito a sua volta da Corsi magistrali (CM), Lavori diretti (LD), Lavori pratici (LP).

• Il carico di lavoro complessivo corrisponde ai 60 crediti ECTS previsti per un anno accademico, di cui ogni singolo credito ECTS equivale a circa 25 ore di lavoro globale dello studente, composto da CM + LD + LP +T + Prs . Ovvero, il carico di lavoro globale dello studente e la sua conseguente quantificazione in crediti ECTS corrisponde a cinque differenti modalità di insegnamento e apprendimento. I crediti vengono attribuiti allo studente previa valutazione del rendimento.


RIEPILOGO E DEFINIZIONE DELLE 5 ATTIVITA’ DIDATTICO-FORMATIVE
1) Corso Magistrale (CM): insegnamento “ex cathedra” proposto frontalmente da un solo docente in termini teorici e/o interattivi in merito ad argomenti scientifici o casi di interesse clinico;
2) Lavori diretti (LD): insegnamento teorico-pratico che coniuga le premesse teoriche alle applicazioni in chiave esplicativa e dimostrativa;
3) Lavori pratici (LP): insegnamento della pratica clinica ed esercitazioni collegate;
4) Tirocinio (T): pratica clinica individuale;
5) Lavori personali (Prs): carico di lavoro indipendente collegato a vario titolo al lavoro accademico.
Lavoro accademico pianificato = CM + LD + LP.
Carico di lavoro globale = CM + LD + LP + T + Prs.

Ulteriori informazioni

Stage: Frequenza continuativa da ottobre a giugno
Alunni per classe: 15

Confronta questo corso con altri simili
Leggi tutto