Geografia

Università Telematica Guglielmo Marconi
Online

Chiedi il prezzo
Vuoi parlare del corso con un consulente?
Confronta questo corso con altri simili
Leggi tutto

Informazione importanti

  • Corso
  • Online
  • Quando:
    Flessible
Descrizione

L’Università degli Studi Guglielmo Marconi, è la prima Università “aperta” (Open University), riconosciuta dal MIUR con D.M. 1 marzo 2004, che unisce metodologie di formazione “a distanza” (materiale a stampa, dispense, Cd Rom, piattaforma e-learning) con le attività di formazione frontale (lezioni, seminari, laboratori, sessioni di ripasso e approfondimento) al fine di raggiungere i migliori risultati di apprendimento per lo studente.

Informazione importanti
Sedi

Dove e quando

Inizio Luogo
Flessible
Online

Opinioni

Non ci sono ancora opinioni su questo corso

Cosa impari in questo corso?

Cartografia
Strutture
Lettura
Delineazione
Organizzazione

Programma

Programma del Corso

DISCIPLINA

Geografia

DOCENTE

Stefania Montebelli

CODICE DISCIPLINA: GGR01001

SSD: M-GGR/01

CREDITI: 12

OBIETTIVI E FINALITÀ DELL’INSEGNAMENTO

Il Corso si propone di presentare le principali tematiche sulle quali la disciplina geografica basa la sua riflessione e la sua prassi. In particolar modo si insisterà sui diversi indirizzi metodologici e sulle pratiche attraverso le quali l’osservazione geografica ha prodotto nel tempo un’analisi specifica, su scala locale e globale, dei fenomeni terrestri di natura ambientale e degli effetti territoriali generati dal comportamento antropico a livello ecologico e spaziale.

Pertanto, dall’analisi della struttura ambientale, dei suoi elementi e fenomeni fisici caratterizzanti, si passerà ad analizzare le modalità e le ragioni attraverso le quali la Geografia umana ha indagato il rapporto uomo-ambiente per mezzo dei diversi postulati scientifici che, susseguendosi nella storia del pensiero geografico, hanno permesso di scandagliare la natura dei suoi principali oggetti di studio - il territorio, il paesaggio, la regione - unitamente alla visualizzazione-interpretazione degli spazi e dei rapporti fra le componenti fisiche e antropiche del territorio sistematizzata nella rappresentazione cartografica con particolare riferimento alla Geografia fisica e Geopolitica dell’Europa e dell’Italia.

PROGRAMMA DEL CORSO

Il corso si struttura in tre moduli e una parte monografica.
Il primo modulo di Geografia fisica, inerente alla costituzione fisica dell’ambiente e ai fenomeni naturali dei quali le esigenze di antropizzazione territoriale hanno da sempre dovuto tener conto, prenderà in considerazione:

  1. le caratteristiche generali della Terra (forma/dimensione/struttura, la composizione della Geosfera);
  2. la delineazione dei tratti della superficie terrestre e della struttura della crosta terrestre, il clima e la tipologia delle fasce climatiche, la rotazione della Terra e le conseguenze del moto di rivoluzione, il bilancio termico dell’atmosfera e i singoli fenomeni meteorologici;
  3. elementi, fattori e fenomeni fisici (il mare, le acque continentali, le forme del rilievo, il modellamento eolico, fluviale e glaciale, le forme carsiche, vulcaniche e costiere, l’orogenesi, la vegetazione).

Il secondo modulo, intitolato alla Geografia umana, si incentrerà sulle modalità d’analisi dell’impatto territoriale dell’azione antropica sull’ambiente secondo le seguenti tematiche:

  1. presentazione delle varie tappe epistemologiche che dal XIX secolo hanno segnato il cammino disciplinare e conoscitivo della Geografia umana (fase pre-scentifica, Determinismo ambientale, Possibilismo vidaliano, Funzionalismo e modelizzazione dello spazio, Geografia sistemica, Geografia umanistica);
  2. l’evoluzione dei concetti portanti della storia del pensiero geografico (regione naturale, regione e paesaggio antropizzato, spazio polarizzato e rete urbana, sistema territoriale e sistema territoriale complesso);
  3. contenuti specifici attraverso i quali decodificare l’insieme di trasformazioni territoriali connesse ai processi d’urbanizzazione industriale e post-industriale: le strutture insediative e lo sviluppo urbano (nascita, crescita e trasformazione urbana, localizzazione delle funzioni, servizi e gerarchie urbane - teoria di Christaller, la polarizzazione terziaria e la polarizzazione industriale, localizzazione e poli di sviluppo industriale - teorie di Weber, Lösch e Perroux, esplosione e rete urbana tra complementarietà/ distanza/accessibilità - diagramma delle onde di diffusione di Hägestrand, fenomeno urbano e crescita economica, analisi e modelli della struttura urbana - modello di Burgess, crisi della città e ciclo di vita della città); territori non urbanizzati (valutazione dell’importanza del settore agricolo, dai paesaggi agrari tradizionale all’organizzazione spaziale dell’agricoltura per il mercato – il modello di von Thünen, la geografia agraria, agricola e rurale, il quadro ambientale umano tra organizzazione e tecniche colturali, interazioni generate dall’allevamento, organizzazione sociale e paesaggio rurale, i rischi climatici e la politica d’intervento in agricoltura, produttività agricola e sicurezza alimentare ); dinamica e strutture demografiche (movimento naturale, movimenti migratori, strutture per età e per sesso, strutture professionali e sociali, lingua, razza, sindrome del collasso e equazione esponenziale malthusiana, risorse e riserve, fonti di energia e minerali, la transizione demografica, le migrazioni e la dinamica del mercato di lavoro).

Il terzo modulo è dedicato alla Cartografia quale tecnica di rappresentazione spaziale e strumento cognitivo con cui l’uomo, in quanto entità sociale, ha storicamente localizzato la sua posizione fisica, ma anche culturale, rispetto all’intorno ambientale. Gli argomenti trattati saranno:

  1. la storia della Cartografica (i primordi e la cartografia greca, la cartografia romana ed ellenistica, la cartografia medievale, le grandi scoperte geografiche e la cartografia del Cinquecento, i secoli XVII e XVIII e la nascita della cartografia moderna, la cartografia del XIX secolo, cartografia contemporanea);
  2. le componenti che sono alla base della sua tecnica di rappresentazione: il reticolato geografico, le coordinate geografiche, la determinazione della latitudine e della longitudine, l’altitudine e la rappresentazione del rilievo, le proiezioni cartografiche, tipologia cartografica e scala, simbologia e toponomastica, l’orientamento e la lettura delle carte topografiche.

La parte monografica sarà dedicata alla Geografia dell’Europa con particolare riferimento all’Italia e prevederà la delineazione dei caratteri fisici e morfologici caratterizzanti il continente europeo e il territorio italiano, i processi demografici che interessano e hanno interessato storicamente quest’ampia area geografica, lo sviluppo urbano dai primi insediamenti alle moderne metropoli, le diversità linguistiche e religiose, il quadro economico attraverso la delineazione della situazione dei vari settori dell’economia il tutto sorretto dall’ausilio della visualizzazione e della lettura cartografica. Pertanto, le tematiche trattate saranno:

  • le caratteristiche geomorfologiche dell’Europa (mari, oceani attorno all’Europa, il rilievo-montagne a sud, pianure a nord/est, le acque continentali- i fiumi e i ghiacciai) e dell’Italia (le Alpi, gli Appennini, i vulcani, il dissesto idrologico, la Pianura padana, le coste;
  • le regioni climatiche europee e italiane (ambienti e paesaggi);
  • la popolazione e le migrazioni in Europa e in Italia (densità della popolazione, concetto di razza e di Stato, le capitali, le politiche europee sulle migrazioni e gli accordi di Schengen);
  • le città in Europa (i villaggi e le città antiche, le città medievali e rinascimentali, città mercantili e industriali, il centro e le attività terziarie, Randstand Holland, la Ruhr, città multietniche) e le città in Italia (il valore della storia, la situazione attuale delle città italiane, concetto di regione, Venezia, Roma, Napoli);
  • l’economia europea e italiana (settore primario: le aree agricole europee, la rivoluzione agricola, le innovazioni del XXI secolo, la pesca; settore secondario: nascita e sviluppo dell’industria moderna, il panorama attuale dell’industria europea, i distretti produttivi in Italia; settore terziario: i trasporti, la comunicazione e l’informazione, il settore finanziario e il commercio in Italia e in Europa).

LIBRI DI TESTO

Oltre alle lezioni realizzate dal Docente ed ai materiali didattici pubblicati in piattaforma, è obbligatorio lo studio dei seguenti testi:

  • A. Vallega, Geografia umana. Teoria e prassi, Firenze, Le Monnier, 2008
  • E. Lavagna, G. Lucarno, Geocartografia. Guida alla lettura delle carte geotopografiche, Bologna, Zanichelli, 2007

Strumenti di consultazione:

  • Calendario Atlante De Agostini 2010, Istituto Geografico De Agostini, Novara, 2009
  • Ulteriori materiali di approfondimento disponibili su piattaforma

Testo di approfondimento:

  • A. Sestini, Introduzione allo studio dell’ambiente, Franco Angeli, 1994

MODALITÀ DELL’ESAME FINALE

Prova scritta e/o orale

RICEVIMENTO STUDENTI

Previo appuntamento (s.montebelli)


Successi del Centro


Confronta questo corso con altri simili
Leggi tutto