Giurisprudenza

Università degli Studi di Cassino
A Cassino

Chiedi il prezzo
Vuoi parlare del corso con un consulente?
Confronta questo corso con altri simili
Leggi tutto

Informazione importanti

  • Laurea a ciclo unico
  • Cassino
Descrizione

Obiettivo del corso: Il Corso di laurea in Giurisprudenza, articolato negli indirizzi Comunitario, Forense e Giuridico d’impresa, fornisce adeguate conoscenze di metodo e di contenuti culturali, scientifici e professionali per la formazione del giurista.
Rivolto a: Diplomati provenienti dagli istituti di istruzione secondaria con corsi di durata complessiva di 8 anni dopo l’istruzione primaria (scuola elementare), o di durata complessiva di 5 anni dopo la scuola media inferiore.

Informazione importanti
Sedi

Dove e quando

Inizio Luogo
Consultare
Cassino
Via Sant'Angelo, 03043, Frosinone, Italia
Visualizza mappa

Domande più frequenti

· Requisiti

Diploma di scuola secondaria

Programma

CORSO DI LAUREA IN GIURISPRUDENZA

PERCORSI DIDATTICI: QUADRO GENERALE

Il Corso di Laurea in Giurisprudenza si articola in tre indirizzi, della durata di 4 anni.

INDIRIZZI

  • Comunitario
  • Forense
  • Giuridico d'impresa

    REQUISITI PER L’ACCESSO AL CORSO

    Possono iscriversi al Corso di laurea in Giurisprudenza tutti i diplomati provenienti dagli istituti di istruzione secondaria con corsi di durata complessiva di 8 anni dopo l’istruzione primaria (scuola elementare), o di durata complessiva di 5 anni dopo la scuola media inferiore. Il numero degli iscritti può essere stabilito annualmente dal Senato accademico, sentito il Consiglio di Facoltà, tenuto conto delle risorse disponibili e delle esigenze del mercato del lavoro, nel rispetto dell’art. 9, comma 4, della legge n. 341/90.

    TITOLO DI STUDIO CONFERITO

    La Facoltà conferisce la laurea in Giurisprudenza. Al compimento degli studi si consegue il titolo di Dottore in Giurisprudenza. Dell’indirizzo seguito è fatta menzione nel certificato di laurea. Indipendentemente dall’indirizzo, la laurea in Giurisprudenza consente la partecipazione ai concorsi che enti pubblici e privati bandiscono e l’iscrizione alla pratica forense.

    ARTICOLAZIONE GENERALE DELL’ATTIVITÀ DIDATTICA

    Il Corso di laurea in Giurisprudenza ha durata quadriennale. Ciascun anno di corso è articolato in due periodi di esclusiva attività didattica (semestri). Al termine di ogni semestre e prima dell’inizio del primo semestre dell’anno accademico successivo è prevista una sessione di esami della durata di almeno 4 settimane. Il Corso di laurea comprende 21 insegnamenti (23 annualità) tra fondamentali e caratterizzanti e 3 insegnamenti complementari; si conclude con un esame di laurea. In osservanza del decreto ministeriale dell’11 febbraio 1994, è approvata la tabella del Corso di laurea, successivamente illustrata, suddivisa per insegnamenti obbligatori, caratterizzanti e facoltativi.

    FINALITÀ E SBOCCHI PROFESSIONALI

    Il Corso di laurea in Giurisprudenza, articolato negli indirizzi Comunitario, Forense e Giuridico d’impresa, fornisce adeguate conoscenze di metodo e di contenuti culturali, scientifici e professionali per la formazione del giurista.

    L’indirizzo Comunitario approfondisce i percorsi di internazionalizzazione nell’ambito della profonda evoluzione dello scenario economico europeo e mondiale. In particolare, vuole fornire un quadro dei modelli di sviluppo internazionale, dei problemi legati alla progressiva internazionalizzazione, degli strumenti di analisi particolarmente idonei alla lettura delle opportunità dei mercati esteri. L’insieme degli insegnamenti suggeriti comprende, oltre ai corsi di preparazione giuridica, anche l’approfondimento delle materie giuridiche comunitarie.

    L’indirizzo Forense si propone di preparare all’attività professionale con un profilo che supera i limiti tradizionali della professione. Tiene, infatti, conto delle molteplicità di funzioni che dovranno svolgere gli avvocati, i notai e i magistrati.

    L’indirizzo Giuridico d’impresa mira alla specializzazione nel campo delle imprese, uno tra i più rilevanti sbocchi del laureato in discipline giuridiche. Il percorso didattico comprende alcuni fondamentali insegnamenti di interesse giuridico, aziendalistico ed economico più direttamente orientati allo studio del settore delle imprese. Alla finalità pratica di alta specializzazione si accompagna una costante cura per l’acquisizione di principi metodologici e di carattere generale, indispensabili presidi perché il giurista d’impresa acquisisca la capacità di orientarsi anche di fronte a casi nuovi e al rapido mutare della legislazione speciale.

    ORGANIZZAZIONE DEL CORSO DI LAUREA

    Insegnamenti propedeutici

    Per propedeuticità si intende l’obbligo di superare l’esame relativo ad uno o più insegnamenti prima di essere ammessi a sostenere determinati altri esami. Il superamento deve risultare dall’avvenuta trascrizione dell’esame propedeutico nel curriculum dello studente.

    L’esame superato nel mancato rispetto della propedeuticità viene annullato.

    Hanno carattere propedeutico i seguenti insegnamenti:

    Diritto amministrativo rispetto a:

  • Diritto dell’ambiente
  • Diritto finanziario
  • Diritto processuale amministrativo
  • Diritto urbanistico

    Diritto commerciale rispetto a:

  • Diritto bancario
  • Diritto commerciale comunitario
  • Diritto della borsa e dei cambi
  • Diritto fallimentare
  • Diritto penale commerciale

    Diritto costituzionale rispetto a:

  • Diritto amministrativo
  • Diritto costituzionale comparato
  • Diritto degli enti locali
  • Diritto ecclesiastico
  • Diritto finanziario
  • Diritto internazionale
  • Diritto penale
  • Diritto processuale civile
  • Diritto tributario
  • Istituzioni di diritto e procedura penale

    Diritto del lavoro rispetto a:

  • Diritto comparato del lavoro
  • Diritto della sicurezza sociale
  • Diritto sindacale

    Diritto delle Comunità europee rispetto a:

  • Diritto commerciale comunitario
  • Diritto processuale comunitario

    Diritto internazionale rispetto a:

  • Diritto dell’arbitrato interno e internazionale
  • Diritto delle comunità europee

    Diritto tributario rispetto a:

  • Sistemi fiscali comparati

    Diritto penale rispetto a:

  • Criminologia
  • Diritto penale commerciale
  • Diritto penale dell’economia
  • Procedura penale

    Diritto processuale generale rispetto a:

  • Diritto dell’arbitrato interno e internazionale
  • Diritto processuale amministrativo
  • Diritto processuale comunitario
  • Procedura penale

    Economia politica rispetto a:

  • Diritto finanziario
  • Diritto internazionale dell’economia

    Filosofia del diritto rispetto a:

  • Informatica giuridica
  • Sociologia del diritto
  • Teoria generale del diritto

    Istituzioni di diritto privato rispetto a:

  • Diritto canonico
  • Diritto civile
  • Diritto commerciale
  • Diritto d’autore
  • Diritto del lavoro
  • Diritto della navigazione
  • Diritto di famiglia
  • Diritto ecclesiastico
  • Diritto industriale
  • Diritto privato comparato
  • Diritto processuale civile
  • Diritto processuale generale
  • Diritto tributario
  • Diritto dei trasporti
  • Diritto tributario

    Istituzioni di diritto romano rispetto a:

  • Diritto romano

    Procedura penale rispetto a:

  • Diritto dell’esecuzione penale

    Storia del diritto italiano rispetto a:

  • Diritto comune
  • Storia dell’amministrazione dello Stato italiano

    Le propedeuticità indicate sono valide per gli iscritti dall’anno accademico 2001/2002. Restano valide le propedeuticità stabilite con delibera n. 5 del 9 aprile 1999 del Comitato tecnico ordinatore per gli iscritti fino all’anno accademico 2000/2001.

    Insegnamenti comuni

    Gli indirizzi predisposti, in ossequio all’art. 8, comma 5 del decreto ministeriale dell’11 febbraio 1994, prevedono un primo biennio comune ed un secondo biennio caratterizzante di modo che lo studente possa scegliere non al momento dell’iscrizione ma con successiva più matura consapevolezza. Al momento dell’iscrizione al III anno, lo studente dovrà optare per uno degli indirizzi statutari e sostenere gli esami complementari attivati, a seconda dell’indirizzo prescelto.

    Per conseguire la laurea in Giurisprudenza, lo studente deve necessariamente sostenere i seguenti esami:

  • Diritto amministrativo
  • Diritto civile
  • Diritto commerciale
  • Diritto costituzionale
  • Diritto del lavoro
  • Diritto internazionale
  • Diritto penale
  • Diritto processuale civile
  • Diritto processuale generale
  • Diritto tributario
  • Economia politica
  • Filosofia del diritto
  • Istituzioni di diritto privato
  • Istituzioni di diritto romano
  • Procedura penale
  • Storia del diritto italiano

    Insegnamenti dell’indirizzo Comunitario

    I anno

  • Diritto costituzionale
  • Economia politica
  • Filosofia del diritto
  • Istituzioni di diritto privato
  • Istituzioni di diritto romano
  • Storia del diritto italiano

    II anno

  • Diritto amministrativo (I annualità)
  • Diritto commerciale
  • Diritto del lavoro
  • Diritto internazionale
  • Diritto processuale generale
  • Diritto tributario

    III anno

  • Diritto amministrativo (II annualità)
  • Diritto civile
  • Diritto delle Comunità europee
  • Diritto penale (I annualità)
  • Lingua inglese

    IV anno

  • Diritto commerciale comunitario
  • Diritto penale (II annualità)
  • Diritto processuale civile
  • Diritto processuale comunitario
  • Lingua francese
  • Procedura penale
  • Tre insegnamenti complementari a scelta

    Per l’indirizzo Comunitario sono impartiti i corsi semestrali di Lingua inglese e Lingua francese. L’esame della prima lingua dovrà essere sostenuto al III anno, quello della seconda lingua al IV anno. L’accertamento delle conoscenze linguistiche si svolge con le modalità seguenti: prova scritta e successivamente colloquio orale; l’esame di profitto è con voto unico espresso in trentesimi.

    Insegnamenti dell’indirizzo Forense

    I anno

  • Diritto costituzionale
  • Economia politica
  • Filosofia del diritto
  • Istituzioni di diritto privato
  • Istituzioni di diritto romano
  • Storia del diritto italiano

    II anno

  • Diritto amministrativo (I annualità)
  • Diritto commerciale
  • Diritto del lavoro
  • Diritto internazionale
  • Diritto processuale generale
  • Diritto tributario

    III anno

  • Diritto amministrativo (II annualità)
  • Diritto civile
  • Diritto delle Comunità europee
  • Diritto finanziario
  • Diritto penale (I annualità)

    IV anno

  • Diritto ecclesiastico
  • Diritto penale (II annualità)
  • Diritto processuale amministrativo
  • Diritto processuale civile
  • Diritto processuale comunitario
  • Procedura penale
  • Tre insegnamenti complementari a scelta

    Insegnamenti dell’indirizzo Giuridico d’impresa

    I anno

  • Diritto costituzionale
  • Economia politica
  • Filosofia del diritto
  • Istituzioni di diritto privato
  • Istituzioni di diritto romano
  • Storia del diritto italiano

    II anno

  • Diritto amministrativo (I annualità)
  • Diritto commerciale
  • Diritto del lavoro
  • Diritto internazionale
  • Diritto processuale generale
  • Diritto tributario

    III anno

  • Diritto amministrativo (II annualità)
  • Diritto civile
  • Diritto delle Comunità europee
  • Diritto fallimentare
  • Diritto penale (I annualità)

    IV anno

  • Diritto bancario
  • Diritto penale (II annualità)
  • Diritto penale dell’economia
  • Diritto processuale civile
  • Diritto processuale comunitario
  • Procedura penale
  • Tre insegnamenti complementari a scelta

  • Confronta questo corso con altri simili
    Leggi tutto