La Grande Scuola Pianistica Napoletana

Napolicollege Performing Arts
A Napoli

Chiedi il prezzo
Vuoi parlare del corso con un consulente?
Confronta questo corso con altri simili
Leggi tutto

Informazione importanti

  • Corso
  • Napoli
Descrizione

Obiettivo del corso: A. Il Pianoforte solista b. Il Pianoforte nella musica da camera c. Il Pianoforte nella musica vocale e strumentale.
Rivolto a: tutti.

Informazione importanti
Sedi

Dove e quando

Inizio Luogo
Consultare
Napoli
Discesa Coroglio, 9, 80125, Napoli, Italia
Visualizza mappa

Domande più frequenti

· Requisiti

nessuno.

Programma

LA GRANDE SCUOLA PIANISTICA NAPOLETANA:

I fondamenti stilistici della Scuola Pianistica Napoletana li troviamo nei brevi precetti che Thalberg premise a "L'arte del canto applicata al pianoforte". Thalberg aveva scoperto per primo il modo di unire insieme il canto espressivo e la figurazione ornamentale virtuosistica e brillante, rendendoli nettamente diversificati e inconfondibili. La continuità della Scuola Pianistica Napoletana consiste nella conservazione di una concezione della sonorità attraverso un adattamento della tecnica alle mutate caratteristiche dello strumento, una tecnica che rende possibile la sopravvivenza sul pianoforte moderno di una concezione del suono nata sul pianoforte romantico.

Gli alunni di Thalberg a Napoli furono C. Palumbo, A. Rendano e Beniamino Cesi considerato l'unico vero suo discepolo e iniziatore della cosiddetta Scuola Pianistica Napoletana. Gli allievi di Beniamino Cesi furono G. Martucci, A. Longo, F. Rossomandi, F. Cilea ma fu Vincenzo Vitale, allievo di Sigismondo Cesi, figlio di Beniamino, a rivoluzionare la Scuola Pianistica Napoletana, mettendo in discussione i principi tecnici su cui erano fondati i suoi criteri didattici.

Vincenzo Vitale riuscì in maniera geniale ad estrarre e ad elaborare quei principi tecnici importantissimi contenuti nel trattato del 1926 di Attilio Brugnoli "La Dinamica Pianistica" evidenziandone gli aspetti scientifici relativi all'anatomia dei movimento del braccio, dell'avanbraccio, della mano fino alle dita. In proposito Vitale scriveva: "...eseguire un passaggio melodico ben legato, cantato, con bel suono è anche un fatto tecnico; di una tecnica di acquisizione difficile, ma che i giovani pianisti, oggi, chiedono di imparare, convinti della sua indispensabilità e della necessità di teorizzarne i principi fondamentali."

Alla Scuola di Vincenzo Vitale si sono diplomati grandi nomi come: Riccardo Muti, uno dei più grandi direttori d'orchestra del mondo; Michele Campanella e Laura De Fusco due tra i più noti concertisti dello scenario mondiale; Carlo Bruno, pianista del famoso Quartetto Beethoven; Renato di Benedetto, noto musicologo e Massimo Bertucci, didatta di fama internazionale e naturale erede della Scuola di Vincenzo Vitale

Corsi e Master hanno forma intensiva e residenziale.

Le modalità didattiche previste sono:

CORSO DI ALTA SPECIALIZZAZIONE (12 mesi)

MASTER DI PERFEZIONAMENTO (3 mesi)


I programmi
a. Il Pianoforte solista
b. Il Pianoforte nella musica da camera
c. Il Pianoforte nella musica vocale e strumentale

Confronta questo corso con altri simili
Leggi tutto