Il Conferimento di Incarichi a Professionisti Esterni e la Politica Dei Tagli le Più Recenti Novità in Materia di Attribuzioni di Incarichi Occasionali e Co.co.co.

Centro Studi Enti Locali
A Milano, Firenze e Roma

180 
+IVA
Chiedi informazioni a un consulente Emagister
Chiedi informazioni a un consulente Emagister

Informazioni importanti

Tipologia Corso
Inizio In 3 sedi
Durata 1 Giorno
Descrizione


Rivolto a: Revisori degli Enti Locali.

Informazioni importanti
Sedi

Dove e quando

Inizio Luogo
Consultare
Firenze
Firenze, Italia
Visualizza mappa
Consultare
Milano
Milano, Italia
Visualizza mappa
Consultare
Roma
Roma, Italia
Visualizza mappa
Inizio Consultare
Luogo
Firenze
Firenze, Italia
Visualizza mappa
Inizio Consultare
Luogo
Milano
Milano, Italia
Visualizza mappa
Inizio Consultare
Luogo
Roma
Roma, Italia
Visualizza mappa

Programma

Obblighi di Legge - Adempimenti Amministrativi - Profili di Responsabilita’

Programma del Corso
I presupposti di conferimento e gli adempimenti amministrativi
- Gli incarichi a professionisti esterni: tipologie identificative, inquadramento giuridico ed interventi
esplicativi della Corte dei Conti
- I necessari presupposti di conferimento previsti dalla Riforma Brunetta: corrispondenza tra l’oggetto
dell’incarico e le competenze dell’Ente conferente; obiettivi e progetti specifici e determinati;
l’impossibilità oggettiva di utilizzare le risorse umane disponibili al suo interno; temporaneità ed alta
qualificazione della prestazione; preventiva determinazione durata, luogo, oggetto e compenso della
collaborazione.
- La programmazione degli incarichi e la consigliabile redazione del Regolamento in merito a modalità,
criteri e limiti di spesa in materia e l’obbligo di trasmissione alla Sezione Regionale di Controllo della
Corte dei Conti
- Obbligo di adeguata pubblicità e trasparenza e obblighi di trasmissione alla Corte dei Conti: le linee di
indirizzo del Dipartimento Funzione Pubblica
- Analisi delle pronunce delle varie Sezioni Regionali di Controllo della Corte dei Conti in ordine a criteri
e modalità di comparazione, obblighi di pubblicità e principali incarichi esclusi da tali prescrizioni.
Le possibili criticità applicative e i profili di responsabilità in materia
- L’attribuzione di incarichi a dipendenti pubblici: obbligo di richiesta di autorizzazione, modalità di
conferimento ed eccezioni
- Le sanzioni previste per l’inosservanza della procedura autorizzatoria nei confronti dei propri
dipendenti
- L’anagrafe delle prestazioni e le principali scadenze da rispettare ai fini della trasmissione dei dati:
tempistica di riferimento
- Gli incarichi “intuitu personae” di natura fiduciaria: limiti di attribuzione e giurisprudenza in materia
- La differenza tra affidamento di incarichi di studio-ricerca-consulenza (ex novellato D.Lgs 165/01) e
appalti di servizi di cui agli All.II A e II B del Codice dei Contratti: la sentenza del Consiglio di Stato
n.263/08 e i successivi orientamenti dottrinali in materia
- La corretta disciplina relativa agli incarichi di ingegneria, architettura, urbanistica, progettazione,
collaudo e l’attribuzione di incarichi a Professionisti Legali alla luce dei recenti sviluppi
giurisprudenziali
- La controversa disciplina del rinnovo e della proroga degli incarichi: distinzione e limiti di attribuzione
secondo i più recenti orientamenti.
- Individuazione dei profili di responsabilità in materia di conferimento incarichi e ripartizione della
stessa tra i singoli soggetti coinvolti nel conferimento: analisi dei più recenti interventi della Corte dei
Conti sia sotto forma di sentenza di condanna, sia di mero “controllo collaborativo”
Gli ultimi sviluppi della disciplina
- Il ricorso a professionisti esterni dal Testo Unico del Pubblico Impiego alle Misure urgenti in materia
di stabilizzazione finanziaria (L.n.122/30.07.2010): l’evoluzione della materia e il disorientamento
delle pubbliche amministrazioni.
- I tagli previsti a decorrere dall’anno 2011 e il relativo ambito di applicazione:
1. Ambito soggettivo: le amministrazioni direttamente interessate dalle limitazioni, le
amministrazioni escluse, e quelle per le quali i limiti costituiscono “disposizioni di principio ai
fini del coordinamento della finanza pubblica”
2. Ambito oggettivo ricompreso nella generica dizione “studi ed incarichi di consulenza”; ipotesi
di esclusione ed orientamenti in materia
3. Profili di responsabilità in caso di mancato rispetto della nuova disciplina
- Le collaborazioni coordinate e continuative ed il contenimento di spesa di cui all’art.9 D.L.n.78/2010:
requisiti di conferimento, limiti di ricorso e responsabilità amministrativa in caso di mancanza dei
presupposti di attribuzione alla luce del contenimento di spesa
- Circolari interpretative e giurisprudenza 2011: identificazione del concetto di spesa sostenuta quale
parametro cui gli enti locali devono attenersi per rispettare il limite delle spese connesse per studi e
consulenze.
In considerazione del taglio pratico delle argomentazioni trattate, nel corso del seminario saranno illustrati e
messi a disposizioni diversi modelli di riferimento utili alla corretta predisposizione degli adempimenti
amministrativi richiesti dalla normativa

Successi del Centro


Gli utenti che erano interessati a questo corso si sono informati anche su...
Leggi tutto