Il Gotico e le sue fortune

UNIVERSITÀ DELLA SVIZZERA ITALIANA
A Mendrisio (Svizzera)

Chiedi il prezzo

Informazione importanti

  • Corso
  • Mendrisio (Svizzera)
Descrizione

Descrizione L’antica accezione spregiativa di “gotico” quale arte “barbara” o “dei Goti” per un’architettura che si allontanava dai modelli classici, ha percorso, dal Cinquecento a oggi, un iter di alterne vicende di rifiuto e rivalutazione secondo differenti chiavi interpretative. Partendo da un’introduzione alla produzione architettonica e scultoria del sec. XII in Francia, il corso prende in esame le nuove tecniche costruttive, il rapporto tra vetrata e scultura, le pratiche di cantiere, la relazione con l’antico e i “mezzi” di espansione che porteranno il cosiddetto opus francigenum, in poco più di un secolo, a diffondersi in tutta Europa. Particolare attenzione sarà data alle declinazioni regionali del Gotico in Italia e alla fortuna dell’arte e dell’architettura gotica in quanto oggetto di restauri e riferimento formale per architetti del XIX e XX secolo (Viollet-le-Duc, Beltrami, Perret, Gropius, Taut, Saarinen e anche contemporanei).

Informazione importanti
Sedi

Dove e quando

Inizio Luogo
Consultare
Mendrisio
Tessin, Svizzera
Visualizza mappa

Programma

Descrizione

L’antica accezione spregiativa di “gotico” quale arte “barbara” o “dei Goti” per un’architettura che si allontanava dai modelli classici, ha percorso, dal Cinquecento a oggi, un iter di alterne vicende di rifiuto e rivalutazione secondo differenti chiavi interpretative. Partendo da un’introduzione alla produzione architettonica e scultoria del sec. XII in Francia, il corso prende in esame le nuove tecniche costruttive, il rapporto tra vetrata e scultura, le pratiche di cantiere, la relazione con l’antico e i “mezzi” di espansione che porteranno il cosiddetto opus francigenum, in poco più di un secolo, a diffondersi in tutta Europa. Particolare attenzione sarà data alle declinazioni regionali del Gotico in Italia e alla fortuna dell’arte e dell’architettura gotica in quanto oggetto di restauri e riferimento formale per architetti del XIX e XX secolo (Viollet-le-Duc, Beltrami, Perret, Gropius, Taut, Saarinen e anche contemporanei).