Il Mestiere dell'Attore

Accademia Teatro Cinema TV Achille Togliani
A Roma

130 
Vuoi parlare del corso con un consulente?
Confronta questo corso con altri simili
Leggi tutto

Informazione importanti

  • Seminario
  • Roma
  • 64 ore di lezione
  • Durata:
    5 Mesi
Descrizione

Obiettivo del corso: E' utile per imparare a stare su un palcoscenico ma anche a parlare in pubblico.
Rivolto a: Giovani e Adulti dai 20 ai 40 anni di età.

Informazione importanti
Sedi

Dove e quando

Inizio Luogo
Consultare
Roma
Via Nomentana, 1018, 00137, Roma, Italia
Visualizza mappa

Domande più frequenti

· Requisiti

Determinazione e voglia di imparare.

Cosa impari in questo corso?

Recitazione cinematografica
Recitazione teatrale

Professori

Adelmo Togliani
Adelmo Togliani
Insegnante di Recitazione Cinematografica

Adelmo Togliani è un attore, regista e sceneggiatore. Opera in ambito televisivo, cinematografico e a livello sperimentale con produzioni interamente dedicate al web. Come attore ha all’attivo numerose partecipazioni in ruoli di spicco a fiction di successo tra cui Un medico in famiglia, Marcinelle, Il signore della truffa e Un Matrimonio diretta da Pupi Avati, e pellicole per il cinema come Naja, Casanova, Boris. Nel 2014 produce e dirige con Giallo Limone Movie e Accademia Achille Togliani il cortometraggio L'Uomo Volante con Bianca Guaccero presentato alla 72 Mostra del cinema di Venezia.

Fabio Mureddu
Fabio Mureddu
Diplomato presso la Scuola di Teatro La Scaletta

Programma

LEZIONE DIMOSTRATIVA 30 OTTOBRE 2012

Il laboratorio prevede un lavoro sul Mestiere dell'Attore - docente Fabio Mureddu -, ed un lavoro sull'Improvvisazione Cinematografica - docente Adelmo Togliani.

IMPROVVISAZIONE CINEMATOGRAFICA


• Impariamo a conoscerci

• Esercizi sui sintomi

• Le proprietà del linguaggio

• La situazione e L’improvvisazione

• La musica agisce a livello inconscio

• Azione e Reazione

• L’Azione corale e l’ascolto

• Azione e Sotto-Azione (il metodo americano)

• L’improvvisazione 2


• Il casting

1. Perché devo essere duttile?

2. Quali sono le mie certezze, quali le mie insicurezze

3. Cosa si aspettano da me

4. Devo essere pronto a qualunque rimodulazione

5. Recitare è un compromesso?


• Lavoro su scene tratte da film

“Attraverso vari stadi che vanno dalle improvvisazioni su scene di vita quotidiana, alle rappresentazioni di 'sintomi', alla ricerca di un linguaggio interiore fatto di emozioni e non di parole, cerco di insegnare ai miei allievi una modalità per sconfiggere la paura del pubblico e avere sempre più fiducia nelle proprie potenzialità espressive. Tutto questo è possibile grazie alla semplice terapia d'urto che attuo col mio metodo che mette i partecipanti alle mie classi a diretto confronto con le proprie ansie da performance, con la paura di esprimersi e del giudizio altrui, fornendo oltremodo anche gli strumenti per sconfiggerle e così liberarsi espressivamente”.


La parte di corso a cura di Fabio Mureddu si svilupperà proponendo un percorso non professionistico ma teso ad avvicinare gli allievi alle ragioni e alle responsabilità del mestiere.
Si parte da due semplici domande: perché fare teatro? E perché tanto clamore intorno a questo mestiere?
La prima parte del corso sarà dunque dedicata ad esplorare, sia dal punto di vista teorico che pratico, il “racconto”, come esigenza umana e sociale primaria. In questa fase si lavorerà principalmente su testi editi e su forme di recitazione vicine al teatro di narrazione, stimolando in ogni allievo la capacità di “tenere” l’attenzione del pubblico e sollecitando la ricerca di una chiave individuale, di un modo del tutto personale di “stare in scena” e di portare al pubblico il proprio “racconto”.
Già alla fine di questa prima fase è previsto l’allestimento di una performance pubblica davanti agli allievi del corso di formazione dell’Accademia.
Nella seconda fase gli allievi saranno chiamati a generare autonomamente un proprio racconto. Prima lavorando sui propri racconti di vita, successivamente sulle “storie degli altri” e in fine sulle storie inventate. In questa fase ciascun allievo sarà seguito nella scrittura di un proprio brano da proporre in una seconda performance. Chiusa questa fase, dopo qualche esercitazione sulle basi della regia teatrale (gli allievi si scambieranno i brani e si dirigeranno reciprocamente) ci si dedicherà alla preparazione di uno spettacolo da proporre in occasione dei saggi dell’Accademia, che cercherà di sintetizzare tutte le fasi del percorso.



Dettagli e costi:
Dove: Accademia Achille Togliani in Via Nomentana, 1018 Roma
Frequenza: 5 mesi. 2gg a settimana martedì e giovedì, dalle 20.00 alle 22.00
Tassa Iscrizione: 75€ (una tantum)
Costo: 150€ al mese


------------------------A MARZO--------------------------

-----------------COLLOQUI DI AMMISSIONE-------------------


Confronta questo corso con altri simili
Leggi tutto