Italiano per l'Insegnamento a Stranieri

Università per Stranieri di Perugia
A Perugia

Chiedi il prezzo
Vuoi parlare del corso con un consulente?

Informazione importanti

  • Laurea magistrale
  • Perugia
  • Durata:
    2 Anni
Descrizione

Obiettivo del corso: Il corso forma docenti d'italiano lingua non materna, che potranno svolgere la loro attività, sia in Italia sia all'estero, presso istituzioni scolastiche e universitarie pubbliche e private, enti e associazioni che si occupano di formazione, centri che offrono corsi di italiano per immigrati. I laureati potranno, inoltre, accedere alla docenza nella scuola pubblica in ambito umanistico, previo adeguamento alla normativa ministeriale per il conseguimento dell'abilitazione.
Rivolto a: Il corso si rivolge sia a studenti stranieri, interessati a insegnare l'italiano e a promuovere la cultura e la civiltà italiana nel loro paese di origine, sia a studenti italiani che intendono impiegarsi nel settore dell'insegnamento dell'italiano a stranieri, all'estero o in Italia.

Informazione importanti Sedi

Dove e quando

Inizio Luogo
Consultare
Perugia
Via XIV Settembre, Perugia, Italia
Visualizza mappa

Domande più frequenti

· Requisiti

Per l’accesso al corso è richiesto il possesso di una laurea di primo livello, di una laurea a ciclo unico o di una laurea quadriennale conseguita presso Atenei italiani oppure il possesso di un titolo accademico conseguito all’estero ritenuto equipollente almeno ad una laurea di primo livello. Ai fini dell’iscrizione al corso di laurea magistrale in Italiano per l’insegnamento a stranieri, lo studente dovrà possedere preliminari conoscenze curriculari per un tot. di 39 CFU in specifici SSD.

Programma

ITALIANO PER L’INSEGNAMENTO A STRANIERI -ItaS

LAUREA: 2 ANNI – 120 CFU

Classe di appartenenza: LM-14 Filologia moderna

Il corso di laurea magistrale in Italiano per l’insegnamento a stranieri forma docenti di italiano LS/L2 (italiano come lingua straniera/lingua seconda) preparati a svolgere la loro attività in scuole pubbliche e private, ma anche in enti locali e organismi che operano per l’inserimento e l’integrazione degli immigrati.

Il corso si rivolge sia a studenti stranieri, interessati a insegnare l’italiano e a promuovere la cultura e la civiltà italiana nel loro paese di origine, sia a studenti italiani che intendono impiegarsi nel settore dell’insegnamento dell’italiano a stranieri, all’estero o in Italia.

Il corso di studio si articola in due curricula:

Linguistico - ItaS-L

Culturale-identitario - ItaS-C

OBIETTIVI FORMATIVI

sviluppare una padronanza specialistica del sistema linguistico italiano in relazione agli aspetti fono-morfologici, sintattici, testuali e lessicali nonché ai rapporti tra lingua e contesto (situazionale, sociale e culturale);

acquisire elevate competenze nei campi della linguistica applicata e del language testing;

sviluppare capacità di selezione e utilizzo di testi e materiali didattici;

conoscere le metodologie critico-interpretative dei testi della tradizione letteraria italiana;

comprendere il ruolo storico della lingua italiana come fondamento dell’identità nazionale e la sua proiezione all’estero sia come lingua di cultura sia come lingua veicolare;

conoscere gli strumenti e le metodologie dell’insegnamento a distanza, dell’informatica umanistica e dei sussidi elettronici per la conservazione, il trattamento e la diffusione del patrimonio linguistico-testuale;

acquisire una competenza avanzata di una lingua dell’Unione Europea (inglese o spagnolo).

Nel primo curriculum lo studente acquisirà, inoltre, la conoscenza di una lingua e civiltà distanti, a un livello basilare-avanzato (a scelta tra arabo, cinese o giapponese) e incentrerà la sua preparazione e lo sviluppo di abilità operative in settori e indirizzi specifici della ricerca e dell’educazione linguistica.

Nel secondo curriculum lo studente approfondirà la sua preparazione teorica, incrementando le abilità operative e di ricerca, nei settori più significativi della nostra tradizione culturale, in relazione ai fattori storici coesivi dell’identità nazionale e della sua proiezione all’estero. Tra i due indirizzi sono possibili incroci reciproci grazie agli esami a scelta.

SBOCCHI PROFESSIONALI

Il corso forma docenti d’italiano lingua non materna, che potranno svolgere la loro attività, sia in Italia sia all’estero, presso istituzioni scolastiche e universitarie pubbliche e private, enti e associazioni che si occupano di formazione, centri che offrono corsi di italiano per immigrati. I laureati potranno, inoltre, accedere alla docenza nella scuola pubblica in ambito umanistico, previo adeguamento alla normativa ministeriale per il conseguimento dell’abilitazione. La conoscenza approfondita della civiltà italiana rende il laureato collocabile anche presso enti e organismi che si occupano della diffusione della lingua e della cultura italiana all’estero e della promozione del patrimonio culturale italiano.

Il laureato potrà rivestire i ruoli di:

docente d’italiano a stranieri in Italia e all’estero;

ricercatore, consulente, collaboratore in progetti di ricerca nell’ambito della linguistica e dell’italianistica;

collaboratore esperto linguistico nei corsi di lingua e cultura italiana, nei centri linguistici d’ateneo e nei centri per la verifica e la valutazione delle competenze linguistiche;

funzionario culturale presso sedi di rappresentanza italiana all’estero, istituti italiani

di cultura, enti e fondazioni per la diffusione della lingua e cultura italiana all’estero;

redattore esperto di glottodidattica e cultura italiana nel settore dell’editoria, tradizionale o multimediale;

mediatore e facilitatore linguistico-culturale.

Ulteriori informazioni

Informazioni sul prezzo :

Il pagamento va effettuato in tre rate. La prima di Euro 461,72 (comprensiva tassa regionale per il diritto allo studio universitario e di indennità di spese) è uguale per tutti gli studenti immatricolati ed iscritti ad anni successivi al primo indipendentemente dalla fascia di appartenenza. Gli importi della seconda e terza rata dipendono dalla fascia di appartenenza stabilita in base all’indicatore ISEEU relativo alla condizione economica familiare. Il mancato rispetto delle rate comporta, per ciascuna data di scadenza, il pagamento di un’indennità di mora di euro 80,00.