L’arte Dell’ Autobiografia: la Scrittura Come Conoscenza di Sé

L.E.D. Laboratorio di Educazione al Dialogo
A Trento

140 
+IVA
Vuoi parlare del corso con un consulente?
Confronta questo corso con altri simili
Leggi tutto

Informazione importanti

  • Laboratorio intensivo
  • Livello base
  • Trento
  • 16 ore di lezione
  • Durata:
    2 Giorni
Descrizione


Rivolto a: tutti coloro che sono interessati ad approfondire la propria conoscenza attraverso il metodo della scrittura autobiografica.

Informazione importanti
Sedi

Dove e quando

Inizio Luogo
Consultare
Trento
via delle Laste, 22, 38121, Trento, Italia
Visualizza mappa

Cosa impari in questo corso?

Autobiografia
Autocomprensione
Conoscenza di sè
Scrittura
Crescita personale
Consapevolezza

Professori

ANTONIO ZULATO
ANTONIO ZULATO
laureato in filosofia ed Esperto in Metodologie Autobiografiche

Programma

L’ARTE DELL’ AUTOBIOGRAFIA: LA SCRITTURA COME CONOSCENZA DI SÉ

con
Antonio Zulato

sabato e domenica 20-21 febbraio 2016
dalle 9.00 alle 13.00
dalle 14.30 alle 18.30
a Villa S.Ignazio, via delle Laste 22, Trento


“Scrivere l’autobiografia significa fare dono alla propria vita
di una dimora dove sia degno ciò che accade…”
Antonio Zulato

Perché la scrittura autobiografica?
La scrittura possiede un grande potere di conoscenza e cura di sé riconosciuto dalle scienze umane e dalla psicologia clinica. Il valore terapeutico o bonificante della scrittura dà voce alla memoria che ridice ciò che è rimasto nella mente e nel cuore aprendo uno spazio capace di fornire senso e ricerca al “qui ed ora”. Raccogliere, ordinare, trasfigurare poeticamente o simbolicamente la memoria, in un getto d’inchiostro incontrollabile ed inesauribile, è vivere l’esperienza della propria ricchezza e diversità interiore.


Presentazione laboratorio

Il laboratorio di “scrittura autobiografica” è un luogo e un tempo in cui si elaborano le strategie per recuperare i ricordi significativi della propria vita.


Perché ripensare (e scrivere) la propria storia?
- Per acquisire una maggiore consapevolezza di sé, delle proprie potenzialità, dei propri desideri profondi, quelli che ci collocano nell’ordine della trascendenza.
- Per prendere coscienza dei nostri limiti, dei nostri errori, e iniziare un percorso di riconciliazione con essi, compito indispensabile per affrontare o confermare i progetti futuri con maggior chiarezza (o senza i condizionamenti che il nostro passato talvolta ci impone).
- Per individuare i nostri simboli forti attorno ai quali ritrovare le radici del nostro essere.
- Per trovare il filo conduttore che lega fatti, momenti e scelte della nostra vita e recuperarne il senso unitario.
- Per prenderci cura di noi stessi e ritrovare la nostra individualità sacra e intoccabile.


Il laboratorio vuole rappresentare, oltre che un momento di riflessione sulle teorie e le pratiche della scrittura di sé, l’esperienza concreta delle tecniche narrative e della loro capacità di far emergere l’invisibile che è in noi.


Si tratta innanzitutto di un’esperienza autoformativa che ci offre l’opportunità di conoscere maggiormente noi stessi e gli altri attraverso l’affinamento delle capacità di osservazione.


Programma
 Autopresentazione: motivazioni e “attese”
 Prime scritture laboratoriali
 Introduzione teorica al pensiero autobiografico
 Sperimentazione del valore formativo della scrittura come strumento di consapevolezza e di autoanalisi
 La scrittura spontanea
 Haiku: straordinaria metafora dell’autobiografia; nozioni teoriche e pratiche di scrittura
 Esercitazioni di scrittura: le emozioni dei ricordi, il piacere del racconto, la cura di sé attraverso la ricomposizione di trame, di personaggi e la ricerca del senso nel corso della propria vita; individuazione dei propri “simboli” forti
 Momenti di condivisione (libera) per riflettere sulle potenzialità del confronto di esperienze e di storie.

ANTONIO ZULATO, laurea in filosofia. Nel settembre 2005 ha conseguito l’attestato di formazione come “Esperto in Metodologie Autobiografiche” presso la “Libera Università dell’Autobiografia” di Anghiari (AR), titolo che comporta la possibilità di istituire e condurre “Laboratori di scrittura autobiografica” le cui finalità sono quelle di approfondire la conoscenza di sé e di migliorare la comunicazione e le relazioni con gli altri.


Il senso della scrittura in alcuni frammenti autobiografici inediti.

“Credo che questo processo continuamente rinnovabile, che la scrittura mi ha offerto, sia segnato dalla insaziabile ricerca di senso – del mio senso – che ogni volta permette di scoprire realtà più ricche e complesse, verità più profonde, intuizioni che rinviano al silenzio e alla sosta".
"Le parole comparse sul foglio bianco hanno ri-cercato, ri-trovato, ri-cucito, ri-creato".
"La scrittura spontanea è “trasformazione”, intesa come il dispiegarsi di ciò che esiste già, come lo sbocciare, che non implica nessuna aggiunta, ma semplicemente uno sviluppo di ciò che già c’è".
"È un portare a galla, un lasciar affiorare, quasi senza punteggiatura, tutto quello che le forme interiori – vuote o piene – esprimono, e sentirne talvolta la loro armonizzazione…senza con-fusione".
"La scrittura è bellezza per il suo potere rivelatore. La bellezza vela e rivela la realtà nascosta… vede oltre le apparenze. Con una modalità semplice che oltrepassa l’intelligenza e la razionalità mostra l’essenza delle cose. La bellezza nello scrivere è nutrimento vitale, è evocativa, “raffina” le emozioni.”

Che cos’è la Libera Università dell’autobiografia di Anghiari (AR).

“La Libera Università dell’Autobiografia (L.U.A. o, semplicemente “Libera”) è uno spazio di ricerca e di autoanalisi – in parte condivisa tra i narratori e mai imposta – di quel che accade durante il monitoraggio delle scritture guidate da una teoria, da un metodo giustificato in ogni suo passaggio, al fine di poter autoosservarsi all’opera…in un reciproco confronto che, però, privilegia sempre l’incentivazione di procedimenti affidati ai singoli. Sulla base di un progetto scientifico, culturale e metodologico dichiarato, volto a porre i partecipanti nella condizione di interrogarsi, più che sugli esiti narrativi, su come li hanno realizzati, sulle emozioni provate, sulle ricadute, gli echi, le risonanze nella propria vita di un’esperienza assolutamente individuale.”

Duccio Demetrio, docente di “Filosofia dell’educazione” e di “Teorie e pratiche autobiografiche” all’Università degli studi di Milano-Bicocca, è cofondatore e presidente della “Libera Università dell’Autobiografia” di Anghiari.


Confronta questo corso con altri simili
Leggi tutto