L’ingegneria Naturalistica per la Difesa Delle Coste

Dario Flaccovio Editore
A Venezia

340 
+IVA
Vuoi parlare del corso con un consulente?

Informazione importanti

  • Seminario
  • Venezia
  • 8 ore di lezione
Descrizione

Obiettivo del corso: Il corso si colloca come un percorso guidato, dall'analisi geomorfologica ed ecologica delle coste e dei fondali marini antistanti, alla progettazione esecutiva di interventi di recupero, ripristino e miglioramento ambientale dei litorali con tecniche prevalentemente di ingegneria naturalistica.
Rivolto a: Il corso, di carattere interdisciplinare, si rivolge a geologi, ingegneri, agronomi, forestali, naturalisti e architetti che operano nel settore ambientale.

Informazione importanti
Sedi

Dove e quando

Inizio Luogo
Consultare
Venezia
Venezia, Italia
Visualizza mappa

Programma

TEMATICHE GENERALI

IDRODINAMISMO MARINO E GEOMORFOLOGIA

LA DIFESA COSTIERA APPLICATA ALLE SPIAGGE E ALLE DUNE

INGEGNERIA NATURALISTICA: PRINCIPI E APPLICAZIONI

ECOSISTEMI COSTIERI

L’INGEGNERIA NATURALISTICA PER IL RIPASCIMENTO DEI LITORALI E LA RICOSTRUZIONE DELLE DUNE COSTIERE

ECOSISTEMI MARINI

RIVEGETAZIONE DEI FONDALI MARINI: PRINCIPI E APPLICAZIONI


Contenuti del modulo sulla Geomorfologia costiera
Erosione costiera - Fasi successive di abrasione della costa - Stadio iniziale dell’evoluzione di una regione litorale - Stadio avanzato dell’evoluzione di una regione litorale - Fasi dell’evoluzione morfologica di una parete litoranea - Evoluzione planimetrica di una costa con strati rocciosi - Le correnti marine e i moti di deriva dei mari italiani - Settore di traversia composto - Il fenomeno di rifrazione dell’onda - Il fenomeno di riflessione dell’onda - Il fenomeno dei frangenti - Trasporti in senso trasversale al litorale - Trasporti in senso longitudinale al litorale - Profilo estivo e profilo invernale di una spiaggia - Erosione dei litorali italiani - Erosione dei litorali sardi

Contenuti del modulo sulla Difesa costiera
Introduzione alle opere di difesa - Quadro schematico per la scelta delle opere di difesa - Evoluzione del litorale per effetto dei pennelli - Frangiflutti foranei - Frangiflutti foranei sommersi - Opere di difesa del litorale di Ostia - Ripascimenti e spiagge artificiali - Ripascimenti del litorale Emiliano-Romagnolo - Ripascimenti del litorale “Maronti” a S.Angelo nell’Isola d’Ischia - Ripascimenti e ricostruzione dune in laguna di Venezia - Ripascimenti del litorale “Poetto” a Cagliari - Ripascimenti del litorale di Cavo nell’Isola d’Elba - Formazione e sviluppo di complessi dunosi - Formazione e sviluppo di complessi dunosi a S. Rossore - Formazione e sviluppo di complessi dunosi in Adriatico - Costruzione di dune armate alla foce del Po - Difesa dei litorali con rulli di geotessile e materassi in rete metallica - Sistemi di difesa di emergenza - Rivegetazione dei fondali - Normativa italiana ed europea - Gestione Integrata della Zona Costiera
Progetto Beachmed

Contenuti del modulo sull’Ingegneria naturalistica
Progettazione di interventi geotecnici - Progettazione di opere geotecniche di rivestimento - Progettazione di opere geotecniche stabilizzanti - Progettazione di opere geotecniche combinate - Progettazione di interventi idraulici - Realizzazione di interventi geotecnici di rivestimento (semina a spaglio; idrosemina; idrosemina a spessore; trapianto dal selvatico di zolle erbose; stesura di terreno vegetale normale; rivestimento vegetativo sintetico con stuoie, griglie, celle; rivestimento vegetativo naturale con stuoie, feltri, reti; rete metallica con geostuoie o biostuoie/biofeltri) - Realizzazione di interventi geotecnici stabilizzanti (messa a dimora di talee; piantagione di alberi e arbusti; cordonata viva; steccato vivo; gradonata viva; fascinata viva su pendio; viminata viva seminterrata) - Realizzazione di interventi idraulici stabilizzanti (copertura vegetale diffusa; fascinata spondale viva; graticciata di ramaglia a strati; palizzata viva; ribalta viva; rullo spondale con zolle di canne) - Realizzazione di interventi geotecnici di sostegno (palificata viva a parete doppia; grata viva; terra verde rinforzata; gabbionate rinverdite; muri cellulari rinverditi; muratura in pietrame a secco rinverdita; chiodatura nel terreno) - Realizzazione di interventi idraulici di sostegno (materassi rivestiti e rinverditi; briglia viva in legname e pietrame; pennelli e repellenti vivi; scogliera rinverdita; palificata spondale; rivestimento in pietrame con impianto di talee) - Realizzazione di interventi drenanti (fascinata viva drenante su pendio; canalette superficiali inerbite; cuneo filtrante) - Realizzazione di interventi ambientali in Ferrovia


CONTENUTI E FINALITÀ
Il corso si colloca come un percorso guidato, dall’analisi geomorfologica ed ecologica delle coste e dei fondali marini antistanti, alla progettazione esecutiva di interventi di recupero, ripristino e miglioramento ambientale dei litorali con tecniche prevalentemente di ingegneria naturalistica. In particolare si vuole offrire una guida alla progettazione ed esecuzione per il recupero di dune, litorali sabbiosi e fondali marini soggetti ad erosione e depauperamento floristico e faunistico, fornendo numerosi esempi nazionali e internazionali di corretti interventi di riqualificazione ambientale.


A CHI È RIVOLTO
Il corso, di carattere interdisciplinare, si rivolge a geologi, ingegneri, agronomi, forestali, naturalisti e architetti che operano nel settore ambientale.


IL RELATORE
FEDERICO BOCCALARO è socio esperto AIPIN (Associazione italiana per l'ingegneria naturalistica) e SIGEA (Società italiana di geologia ambientale). si è specializzato in difesa del suolo, sistemazioni idrauliche e ingegneria naturalistica. Lavora dal 1987 nel gruppo delle Ferrovie dello Stato dove ha svolto attività di direzione lavori di manutenzione alla sede ferroviaria, progettazione esecutiva, collaudo delle opere civili. Attualmente è impegnato nella supervisione della costruzione (in particolare opere di difesa, barriere antirumore e sistemazioni ambientali) e del monitoraggio ambientale della tratta AV Roma-Napoli. Ha pubblicato diversi articoli sul dissesto idrogeologico e svolge attività didattica presso convegni e corsi sulla salvaguardia del territorio. Promuove la rivegetazione delle coste e dei fondali marini.