Laboratorio di Danza e Tecnica del movimento teatrale (Teatro Danza)

Accademia Progetto Uomo
A Roma

Chiedi il prezzo
Vuoi parlare del corso con un consulente?

Informazione importanti

  • Laboratorio
  • Roma
  • Durata:
    8 Mesi
Descrizione

Obiettivo del corso: La lezione di Danza e Tecnica del movimento teatrale ha l'obiettivo di creare una fusione assolutamente unica tra movimento, gesto e parola. Lo scopo finale è conferire agli allievi un indirizzo ulteriormente teatrale. Con questo tipo di lavoro e di studio, l’attore non stagnerà più nella stasi e nella fermezza del corpo sul palco, ma utilizzerà questo splendido strumento per dare una maggiore enfasi ed una più profonda consapevolezza all’espressione dell’anima assieme alla parola.
Rivolto a: Il laboratorio è rivolto a tutti.

Informazione importanti
Sedi

Dove e quando

Inizio Luogo
Consultare
Roma
via Vito Giuseppe Galati, 99, 00155, Roma, Italia
Visualizza mappa

Domande più frequenti

· Requisiti

Non sono richiesti particolari prerequisiti

Programma

Introduzione alla didattica di Daniela Ricci

Questo corso di danza e tecnica del movimento teatrale attinge dal Teatro danza.
Il Teatro danza si afferma come corrente opposta al balletto classico; nasce nella Germania Occidentale negli anni ’70 ed è l’evoluzione, nell’ambito della danza moderna, dell’Espressionismo tedesco degli anni ’30. E’ il recupero di una dimensione primordiale del rapporto tra gesto e azione, tra gesto e parola.
L’esponente più rappresentativa è stata Pina Bauch che diede vita al Tanz Theater. Il corso da me elaborato va oltre la danza come esecuzione e il teatro come parola; non c’è tecnica accademica da rispettare (come nel classico) se non gli spazi e i tempi che spesso non sono dettati dalla musica ma ad esempio dai rumori che ci circondano. Non ci sono dialoghi o battute da ricordare, ma il più delle volte frasi, urla, respiri.

La lezione
La lezione avrà una durata di un’ora ed inizierà con un riscaldamento fisico nel quale gli esercizi saranno basati sul rilassamento, sulla morbidezza e sul respiro. Le classiche posizioni accademiche saranno solo sfiorate.
Gli allievi non dovranno concentrarsi troppo sulla tecnica o sull’esecuzione dei movimenti, quanto sul sentire e sentirsi. Il lavoro sarà incentrato più che sulla muscolatura del corpo, sul suo scheletro, su ogni articolazione, su ogni giuntura, sul peso di ogni osso che lo compone. Il pavimento sul quale lavoreremo sarà importante per ottenere un maggiore contatto con la realtà, per poi poter volare con le emozioni e la fantasia nell’improvvisazione.
La musica avrà un ruolo particolare: non sarà usata solo per battere il tempo ma scatenerà negli allievi reazioni emotive che spazieranno dalla felicità alla rabbia, dalla paura alla sicurezza, dalla malinconia alla serenità, etc.
Fondamentale il ruolo ricoperto dal contatto fisico tra allievo e allievo; nella vita quotidiana il contatto fisico tra persone è raro o comunque ben codificato. Nella lezione laboratoriale invece sarà strumento di ricerca di emozioni e sensazioni da portare poi in scena.

Progetto finale
Il laboratorio si conlcuderà con una performance corale.

Ulteriori informazioni

Osservazioni: Lezioni bisettimanali di 60 minuti
Alunni per classe: 15