Laboratorio Stanislavskij - Strasberg

International Acting School
A Roma

Chiedi il prezzo
Vuoi parlare del corso con un consulente?
Confronta questo corso con altri simili
Leggi tutto

Informazione importanti

  • Corso
  • Roma
Descrizione

Informazione importanti
Sedi

Dove e quando

Inizio Luogo
Consultare
Roma
VIA PORTUENSE 102, Roma, Italia
Visualizza mappa

Programma

training sistematico

per attori professionisti e allievi attori

egisti e pedagoghi

a cura di Giorgina Cantalini

una volta a settimana

una lezione fiume di sei ore

il lunedì pomeriggio

dalle 15 alle 21 circa


Prendendo spunto dalle metodologie e dalle domande base dei due maestri (come si crea la vita in scena? come si costruisce un personaggio e attraverso quali fasi lo si realizza? che cosa determina la grande recitazione?) e ispirato al lavoro di Susan Batson, il corso non parte dalla fine (la parola, l’esecuzione), ma dall’inizio "io, l’attore, sono qui e il personaggio è lì" e si propone fondamentalmente i seguenti compiti:

1) di individuare e praticare gli elementi fondanti il lavoro e la formazione di un attore.

2) di creare un percorso individuale e specifico per ognuno che metta insieme "la vita organica" dell’attore con la vita della parte attraverso, per dirla alla Stanislavskij, una "linea ininterrotta" di azioni ed emozioni.

3) di dirigere tutto il lavoro dell’attore a far succedere invece che a far vedere, mostrandone i vantaggi e le possibili implicazioni professionali.

4) di trovare soluzioni efficaci a problemi di “blocchi”, tensione, difficoltà di concentrazione e insoddisfazione del risultato.

5) di corrispondere alle richieste registiche ed autoriali, senza mortificare le proprie caratteristiche ed iniziative individuali.

6) di ipotizzare un sistema di prove e studio praticabile da soli tale da non perdere l'efficacia dell'improvvisazione in circostanze date, ma da gestire il lavoro emerso come una partitura musicale sedimentata nel corpo, facilmente ritrovabile.

In conclusione: far emergere il talento e padroneggiare la tecnica.

Comprende: il rilasciamento dell’impulso: esercizi di rilassamento, attenzione/concentrazione, comunicazione; coordinamento dei motori della vita psichica, verbale, fisica: intelletto, volontà, sentimento, e sviluppo della loro funzione reattiva e creativa; esplicitazione di essi attraverso l’impulso espressivo e l’azione; la creazione del comportamento: esercizi sensoriali e di memoria emotiva; lavoro sull’animale (alcuni elementi); la connessione con il personaggio; la logica dell’azione: studio di scene e monologhi; improvvisazioni; logica e immaginazione; costruzione dell’azione drammatica e dell’arco narrativo (con particolare attenzione alle transizioni); analisi attiva del testo e approccio organico alla parola; il climax o turning point: strutturazione del conflitto e accettazione dell’ostacolo; come raggiungere il vertice di un’interpretazione.

E’ previsto l’uso saltuario della telecamera.

Il corso è articolato in 3 bimestri, 8 incontri a bimestre.

Ogni bimestre affronta aspetti diversi del lavoro e diverse drammaturgie, che vengono resi noti di volta in volta.

Primo bimestre: ottobre/novembre

Secondo bimestre: metà gennaio/metà marzo

Terzo bimestre: aprile/maggio


L’impegno di frequenza non è vincolante per tutti e tre i bimestri, ma vi è un filo conduttore del lavoro che permette a chi frequenta regolarmente di cogliere i nessi di questo sistema di lavoro e allenare complessivamente l’intero strumento.

E’ un corso di perfezionamento: non è quindi sostitutivo di un corso base.

Confronta questo corso con altri simili
Leggi tutto