Le Parole del Lavoro (e Non Solo)

Spazi Dell'anima, Scuola Popolare di Filosofia
A Roma

160 
Vuoi parlare del corso con un consulente?
Confronta questo corso con altri simili
Leggi tutto

Informazione importanti

  • Laboratorio
  • Roma
  • Durata:
    8 Mesi
Descrizione


Rivolto a: Imprenditori, professionisti, manager e quadri.

Informazione importanti
Sedi

Dove e quando

Inizio Luogo
Consultare
Roma
via Carlo Denina 72, 00179, Roma, Italia
Visualizza mappa

Professori

Myriam Ines Giangiacomo
Myriam Ines Giangiacomo
Consulente di sviluppo organizzativo, formatrice, coach.

Programma

“Conoscere il significato delle parole che si utilizzano quotidianamente nel mondo del lavoro - ma non solo - vuol dire riappropriarsi del senso più autentico del proprio agire; e vuol dire scoprire che ogni parola non corrisponde a una semplice convenzione codificata ma ha una sua storia, spesso sorprendente" (dalla quarta di copertina di Nuove parole del manager di Francesco Varanini). Ogni cosa può essere detta (e pensata) solo ricorrendo alle parole. Porre attenzione alle parole significa porre attenzione al senso, guardando da vicino, dentro, dietro e intorno alle parole che diciamo, spesso senza più "pensarle" consapevolmente. Esse sono diventate meri luoghi comuni così che molto raramente ci soffermiamo a chiederci cosa vogliono dire davvero quelle parole per noi, quali implicazioni hanno, da dove vengono e cosa evocano. Quanta ambivalenza contengono e quali sono i significati che a quei termini vengono attribuiti dagli altri all'interno del nostro contesto abituale ma anche all'esterno di questo. E' esperienza condivisa di chi opera all'interno delle organizzazioni quella di non trovare più parole per dire cose nuove. Le parole sono tutte logore, tutte così già usate, abusate, forzate, stirate, consumate da non riuscire più ad avere nessun potere evocativo né interrogativo. Non ci sono più domande, dentro le parole. Talvolta viene il sospetto che non ci siano più pensieri tout court. Tutto sommerso e annegato in grande blablabla che non ci dice più nulla né sulle cose, né sul loro senso. "Eppure io credo che si ci fosse un po' più di silenzio, se tutti facessimo un po' di silenzio forse qualcosa potremmo capire" dice Roberto Benigni nel finale del film La voce della luna di Federico Fellini. Questo laboratorio si prefigge proprio questo: "fare un po' di silenzio", darci il tempo della riflessione anche individuale per capire le parole che usiamo, quelle che dicono la nostra vita, per ritrovare significati che conosciamo e scoprirne di nuovi e nell'ambivalenza e nell'ambiguità delle diverse accezioni comuni o individuali restituire alle parole che narrano la nostra esperienza di lavoro (e non solo) il loro potenziale evocativo di pensieri, di emozioni, di senso. Lavorando sull'etimologia, sui significati delle parole, sui concetti ai quali rimandano, sulle esperienze che evocano, sullo spazio di "scarto" che si rivela tra questi e tra gli "scarti" dei luoghi comuni, ri-significare parole e concetti e dare loro nuova ricchezza di senso e potenzialità di lettura per il nostro agire.


Confronta questo corso con altri simili
Leggi tutto