Le vaccinazioni obbligatorie, raccomandate e facoltative

Bresciani Marco "Scienza ed Arte nella Formazione"
A Firenze

80 
+IVA
Vuoi parlare del corso con un consulente?

Informazione importanti

  • Corso
  • Firenze
  • 8 ore di lezione
Descrizione

Obiettivo del corso: La pratica vaccinale rappresenta l’attività medica che ha portato maggiori risultati in termini di sopravvivenza e qualità della vita rispetto a tutte le altre scoperte scientifiche e pratiche mediche della medicina moderna. Jenner, nel 1796, in seguito ad una formidabile intuizione, iniettò al suo figlio il contenuto di una pustola bovina, cioè vaiolo vaccino, con l’intento di evitargli.
Rivolto a: Farmacisti.

Informazione importanti
Sedi

Dove e quando

Inizio Luogo
Consultare
Firenze
via Vincenzo Gioberti 95, 50121, Firenze, Italia
Visualizza mappa

Programma

LE VACCINAZIONI OBBLIGATORIE, RACCOMANDATE E FACOLTATIVE. DALLE BASI TEORICHE ALLA LORO APPLICAZIONE PRATICA.
UN AGGIORNAMENTO PER SAPERSI ORIENTARE IN UNA "COSTELLAZIONE" IN CONTINUO MOVIMENTO.

FINALITÀ DEL CORSO

La pratica vaccinale rappresenta l’attività medica che ha portato maggiori risultati in termini di sopravvivenza e qualità della vita rispetto a tutte le altre scoperte scientifiche e pratiche mediche della medicina moderna. Jenner, nel 1796, in seguito ad una formidabile intuizione, iniettò al suo figlio il contenuto di una pustola bovina, cioè vaiolo vaccino, con l’intento di evitargli la più grave malattia umana. Il termine “vaccino” venne poi esteso a tutti i preparati usati a scopo immunoprofilattico anche se ottenuti con tecniche ben diverse dal primo vaccino di Jenner.

I vaccini sono preparati che possono contenere il corpo dell’agente infettante modificato oppure sue parti che non hanno la capacità di danneggiare l’organismo del soggetto sottoposto a vaccinazione. La pratica e’ sostanzialmente una “educazione” del sistema immunitario a rispondere ad agenti infettanti senza averli affrontati direttamente allo stato selvaggio.
Si tratta di un’esercitazione immunologia che sfrutta la capacità difensiva del sistema immunitario, inducendo una memoria e quindi una resistenza a malattie infettive, senza doverle subire, con i rischi conseguenti.
L’esercitazione delle forze armate ad una simulazione di attacco bellico è una metafora efficace per comprendere quello che avviene durante la vaccinazione. L’esercizio (l’immunizzazione) a rispondere a finti nemici (antigeni dei vaccini) serve per aggiustare il tiro (produzione di anticorpi efficaci) contro il vero nemico (agente causale di malattia). Questa resistenza (immunità) tende a scomparire nel tempo (durata dell’immunità) se non si mettono in atto nuove esercitazioni (dosi di vaccino di richiamo). Durante le esercitazioni possono verificarsi incidenti (effetti collaterali del vaccino) in relazione algrado di simulazione (vaccini vivi e vaccini morti). Sulla base proprio degli eventuali effetti collaterali viene calcolato il rapporto rischio-beneficio della vaccinazione e stabilito se “l’esercitazione “ è da mantenere o modificare (es. vaccino antipolio).
I vaccini si posso dividere in tre gruppi:
- Vaccini obbligatori: ad esempio sono obbligatori per tutti i nuovi nati l’antipolio, l’antitetanica, l’anti epatite B, l’antidifterica, altri sono obbligatori, per gli adulti, solo in particolari categorie a rischio, ad esempio l’antitetanica ed l’antitubercolare.
- Vaccini raccomandati: ad esempio nei bambini l’antipertosse, l’antimorbillosa, l’antiparotite, l’antirosolia, l’anti Haemophilus B. Per gli adulti sono raccomandati ad esempio l’anti epatite B per gli operatori sanitari,l’antinfluenzale sopra i 65 anni, l’antirabbica per i veterinari, ed altri ancora.
- Terzo gruppo sono i vaccini facoltativi quali l’antimeningococcico, l’antivaricella e l’antipneumococcico, per i quali non esiste un esteso programma di vaccinazione.

Il fatto che una vaccinazione sia definita obbligatoria, raccomandata o facoltativa non indica per
il singolo individuo un diverso rischio di malattia e neppure una malattia più o meno grave, sono solo definizioni da circolari ministeriali con significato di tipo legale ed organizzativo.

Per chiarire meglio il concetto si può portare ad esempio la vaccinazione anti meningite che è facoltativa. La malattia è molto più grave del morbillo o dell’epatite, ma è comunque inclusa nella vaccinazioni facoltative perché il vantaggio è elevato per il singolo ma scarso per la comunità.

In età pediatrica si concentra una tale quantità di vaccini che ha reso necessaria la formulazione di prodotti combinati ossia associati in modo tale sia possibile ridurre il numero delle iniezioni, secondo queste formulazioni è possibile somministrare fino a sette antigeni con una sola “puntura”.
I vaccini obbligatori e raccomandati sono somministrati gratuitamente dal SSN, per gli altri ci sono grandi differenze da regione a regione.
La gratuità del vaccino sottolinea l’interesse per la salute pubblica, la nostra, dei nostri figli e delle generazioni future. Per questo deve essere considerato di grande valore morale il sottoporsi a queste vaccinazioni.
Poiché gli agenti infettanti in questione hanno, solitamente, come ospite solo l’uomo, se la popolazione resistente (vaccinata) supera il 95%, il virus scompare dall’ecosistema, si parla allora di eradicazione della malattia, come è avvenuto per il vaiolo.
I vaccini sono continuamente aggiornati per l’evolversi delle conoscenze scientifiche e per il modificarsi dell’incidenza delle malattie infettive in relazione proprio all’effetto delle vaccinazioni
sull’ecosistema.
La ricerca nel campo delle vaccinazioni ha prodotto risultati straordinari, ma molto resta da fare ancora: l’HIV, la malaria, la TB, l’epatite C, sono ancora flagelli dell’umanità in attesa di una soluzione definitiva.

PROGRAMMA DEL CORSO

Le vaccinazioni obbligatorie, raccomandate e facoltative.
Dalle basi teoriche alla loro applicazione pratica.
Le basi anatomiche del sistema immunitario,
La risposta immunitaria. le cellule, le immunoglobuline,
I meccanismi dell’azione patogena degli agenti infettivi ed i meccanismi di difesa specifici.
Le vaccinazioni obbligatorie
Le vaccinazioni raccomandate
Le vaccinazioni facoltative
Conservazione e modalità di somministrazione dei vaccini
Aspetti medico legali
Confronto e approfondimento, analisi di casi particolari e delle domande più frequenti poste al farmacista