Lectura Dantis IV

UNIVERSITÀ DELLA SVIZZERA ITALIANA
A Mendrisio (Svizzera)

Chiedi il prezzo

Informazione importanti

  • Corso
  • Mendrisio (Svizzera)
Descrizione

Descrizione La Commedia, è commedia: è il poema più dialogico di tutta la nostra letteratura: sfilano comparse, protagonisti, papi e liutai, parlano dal basso, rasoterra, infitti in ghiaccio e pece, oppure a petto “dritto” d’orgoglio («“Vedi là Farinata che s’è dritto: / da la cintola in su tutto ’l vedrai”. / I’ avea già il mio viso nel suo fitto; / ed el s’ergea col petto e con la fronte / com’avesse l’inferno in gran dispitto»; Inf., X, 31-36); o dall’alto, «regalmente ne l’atto ancor proterva»: tale Beatrice al suo apparire (Purg., XXX, 70). Come a teatro, ci sono dialoghi e monologhi, duetti serrati, ma anche straordinari “a parte”: così Beatrice stessa che, discosta, inscena sorridendo un colpo di tosse per metter fine al troppo caldo autoelogio di Dante e Cacciaguida, e della lor famiglia: «onde Beatrice, ch’era un poco scevra, / ridendo parve quella che tossio / al primo fallo scritto di Ginevra» (Par., XVI, 13-15). Riprende dunque la Lectura Dantis quale rassegna del brulicante mondo di personaggi che animano la Commedia: nel 2015 saranno evocate alcune figure esemplari dell’Inferno e del Purgatorio, nel 2016 i beati del Paradiso.

Informazione importanti
Sedi

Dove e quando

Inizio Luogo
Consultare
Mendrisio
Tessin, Svizzera
Visualizza mappa

Programma

Descrizione

La Commedia, è commedia: è il poema più dialogico di tutta la nostra letteratura: sfilano comparse, protagonisti, papi e liutai, parlano dal basso, rasoterra, infitti in ghiaccio e pece, oppure a petto “dritto” d’orgoglio («“Vedi là Farinata che s’è dritto: / da la cintola in su tutto ’l vedrai”. / I’ avea già il mio viso nel suo fitto; / ed el s’ergea col petto e con la fronte / com’avesse l’inferno in gran dispitto»; Inf., X, 31-36); o dall’alto, «regalmente ne l’atto ancor proterva»: tale Beatrice al suo apparire (Purg., XXX, 70). Come a teatro, ci sono dialoghi e monologhi, duetti serrati, ma anche straordinari “a parte”: così Beatrice stessa che, discosta, inscena sorridendo un colpo di tosse per metter fine al troppo caldo autoelogio di Dante e Cacciaguida, e della lor famiglia: «onde Beatrice, ch’era un poco scevra, / ridendo parve quella che tossio / al primo fallo scritto di Ginevra» (Par., XVI, 13-15). Riprende dunque la Lectura Dantis quale rassegna del brulicante mondo di personaggi che animano la Commedia: nel 2015 saranno evocate alcune figure esemplari dell’Inferno e del Purgatorio, nel 2016 i beati del Paradiso.

Modalità d'esame
orale in sessione

Bibliografia
- Bernard Delmay, I personaggi della Divina Commedia: classificazione e regesto, Firenze, Olschki, 1986.

- Robert Hollander, Il Virgilio dantesco: tragedia nella Commedia, Firenze, Olschki, 1983.
- Charles S. Singleton, Viaggio a Beatrice, Bologna, Il Mulino,1968.