Legislazione Dei Beni Culturali e Valutazione del Rischio Archeologico

Università degli Studi di Siena
A San Giovanni Valdarno

350 
+IVA
Vuoi parlare del corso con un consulente?
Confronta questo corso con altri simili
Leggi tutto

Informazione importanti

  • Corso post laurea
  • San giovanni valdarno
  • 24 ore di lezione
Descrizione


Rivolto a: Il corso si rivolge ai Laureati in discipline archeologiche ed ai professionisti (architetti, ingegneri, archeologi ed addetti del settore dei Beni Culturali) che vogliano approfondire il tema dell'archeologia preventiva, sia dal punto di vista legislativo che operativo.

Informazione importanti
Sedi

Dove e quando

Inizio Luogo
Consultare
San Giovanni Valdarno
Via Vetri Vecchi, 34 , 52027, Arezzo, Italia
Visualizza mappa

Domande più frequenti

· Requisiti

Nessuno

Opinioni

Non ci sono ancora opinioni su questo corso

Professori

Daniela Locatelli
Daniela Locatelli
Dr.ssa

da aprile 2003 - Soprintendenza per i Beni Archeologici dell’Emilia Romagna, con incarichi di tutela riguardanti Piacenza città e provincia, oltre che tutta l’Emilia occidentale (provincie di Parma, Reggio Emilia e Modena) per l’Età del Ferro. E’ inoltre responsabile di scavi di ricerca a Marzabotto, S. Ilario d’Enza (RE) e Monte Castagneto (RE). da maggio 2010 – direttore dell’area archeologica e dell’Antiquarium di Veleia romana.

Programma

La legge sull’Archeologia Preventiva (D.Lgs. 163/2006) prevede una procedura di valutazione dell’impatto di opere pubbliche sul patrimonio archeologico in sede di progetto preliminare. Le indagini archeologiche preliminari sono pertanto uno strumento indispensabile per salvaguardare il patrimonio archeologico italiano. Inoltre, attraverso lo studio preliminare, è possibile evitare ritardi nella realizzazione di opere ed infrastrutture, dovuti alla casuale scoperta di evidenze archeologiche di interesse, nonché ottimizzare le risorse per mettere a punto opportune strategie di intervento compatibili con i beni archeologici e ambientali. Il corso tratterà l’evoluzione delle normative sulla cosidetta Archeologia Preventiva a partire dalla situazione prima del 1980 (la legge 1089 del 1939 e la gestione del patrimonio archeologico), passando per lo sviluppo delle carte archeologiche e dell’archeologia urbana (1980-2000), fino alla legge del 2005, il suo recepimento nella normativa per i lavori pubblici e le prospettive attuali. Le indagini archeologiche preliminari rappresentano uno strumento indispensabile per salvaguardare il nostro patrimonio archeologico e per questo costituiscono un settore professionale in rapido sviluppo, nel quale è indispensabile padroneggiare correttamente tutti gli aspetti normativi, sia quelli relativi alle indagini archeologiche, sia quelli relativi alla progettazione delle infrastrutture. Il corso di Legislazione dei Beni Culturali e Valutazione del Rischio Archeologico nasce proprio con l'obiettivo di aggiornare i professionisti del settore sugli sviluppi di questo ambito professionale in continua e rapida evoluzione. Il corso è rivolto non solo ad archeologi e ad operatori dei beni culturali, ma anche a tutte quelle figure professionali che sono coinvolte nell'ambito delle valutazioni preventive di rischio archeologico quali geologi, architetti, ingegneri e avvocati. Inoltre, il corso è rivolto sia a neolaureati, che acquisiranno competenze specifiche nel settore che offre le maggiori opportunità lavorative nel mondo dell'archeologia, sia a professionisti, dirigenti e quadri della Pubblica Amministrazione che avranno l'occasione di aggiornare le proprie competenze e confrontarsi con specialisti del settore.


Confronta questo corso con altri simili
Leggi tutto