Letteratura Italiana medievale

UNIVERSITÀ DELLA SVIZZERA ITALIANA
A Mendrisio (Svizzera)

Chiedi il prezzo
Confronta questo corso con altri simili
Leggi tutto

Informazione importanti

  • Corso
  • Mendrisio (Svizzera)
Descrizione

Descrizione Obiettivi e contenuti:
Il corso presenterà, sulla base della lettura e dell’analisi di alcuni testi fondativi, l’evoluzione della letteratura del Due- e Trecento, a partire dalla prima grande espressione religiosa e poetica del volgare italiano, il Cantico di Frate Sole di San Francesco, attraverso la Scuola siciliana e lo Stil novo, per giungere alle opere di Dante, Petrarca e Boccaccio, quali sintesi altissime di una lunga maturazione della cultura romanza. In questo contesto sarà messa in evidenza la linea di continuità con la tradizione religiosa mediolatina da una parte, con la letteratura cortese e cavalleresca dall’altra, ma anche la profonda innovazione introdotta dalle figure più rappresentative della civiltà comunale italiana.

Informazione importanti
Sedi

Dove e quando

Inizio Luogo
Consultare
Mendrisio
Tessin, Svizzera
Visualizza mappa

Programma

Descrizione

Obiettivi e contenuti:
Il corso presenterà, sulla base della lettura e dell’analisi di alcuni testi fondativi, l’evoluzione della letteratura del Due- e Trecento, a partire dalla prima grande espressione religiosa e poetica del volgare italiano, il Cantico di Frate Sole di San Francesco, attraverso la Scuola siciliana e lo Stil novo, per giungere alle opere di Dante, Petrarca e Boccaccio, quali sintesi altissime di una lunga maturazione della cultura romanza. In questo contesto sarà messa in evidenza la linea di continuità con la tradizione religiosa mediolatina da una parte, con la letteratura cortese e cavalleresca dall’altra, ma anche la profonda innovazione introdotta dalle figure più rappresentative della civiltà comunale italiana.

Modalità d’esame
Esame orale

Bibliografia
Testi:
- V. Branca, Il cantico di Frate Sole. Studio delle fonti e testo critico, a cura di V. Branca, Firenze, Olschki, 1950 (ristampa 1994);
- Guido Cavalcanti, Rime. Con le Rime di Iacopo Cavalcanti, a cura di D. De Robertis, con una postfazione di G. Marrani e N. Tonelli, ristampa a cura di P. Borsa, Milano, Ledizioni, 2012 (oppure Guido Cavalcanti, Rime, a cura di G. Inglese e R. Rea, Roma, Carocci, 2011);
- Dante Alighieri, Vita nova, introduzione, revisione del testo e commento di S. Carrai, Milano, BUR, 2009.

Manuali e studi:
- F. Brugnolo, La Scuola poetica siciliana, in Storia della Letteratura italiana, I: Dalle Origini a Dante, Roma, Salerno Editrice, 1995, pp. 265-337;
- G. Contini, Poeti del Duecento, vol. II: Dolce stil novo, Milano-Napoli, Ricciardi, 1960 (oppure ristampa: Milano, Mondadori, 1995);
- N. Pasero, Laudes Creaturarum. Il cantico di Francesco d'Assisi, Parma, Pratiche Editrice, 1992.

Ulteriori riferimenti bibliografici:
- C. Bologna, Tradizione e fortuna dei classici italiani, Torino, Einaudi, 1986, vol. I, cap. I;
- C. Bologna, Fisiologia del Disamore, in «Critica del testo», IV/1 (2001): Alle origini dell’Io lirico. Cavalcanti o dell’interiorità, pp. 59-87;
- F. Bruni, L’italiano letterario nella storia, Bologna, il Mulino, 2002, capitoli 1-3;
- G. Pozzi, Il “Cantico di Frate Sole” di san Francesco, in Letteratura italiana. Le opere, diretta da A. Asor Rosa, Torino, Einaudi, 4 voll., vol. 1° (Dalle origini al Cinquecento), 1992, pp. 3-26;
- C. Frugoni, Vita di un uomo: Francesco d’Assisi, Einaudi, Torino 1995;
- Ch. Singleton, Viaggio a Beatrice, Bologna, il Mulino, 1968.


Confronta questo corso con altri simili
Leggi tutto