Management per le Organizzazioni Complesse A.A. 2007/2008

Servizio Igiene Pubblica - Dipartimento Prevenzione Asl Vt
Semipreseziale a Viterbo

2.000 
+IVA
Vuoi parlare del corso con un consulente?
Confronta questo corso con altri simili
Leggi tutto

Informazione importanti

  • Master
  • Blended
  • Viterbo
  • 1500 ore di lezione
Descrizione

Obiettivo del corso: Formazione alle funzioni del coordinamento nell’ambito del management, attraverso un percorso didattico teorico-pratico orientato all’acquisizione di una nuova cultura metodologica ed organizzativa e allo sviluppo di nuove capacità strategiche, relazionali e tecnico-operative, onde affrontare problemi e situazioni complesse mantenendo l'attenzione alla centralità della persona.
Rivolto a: Laureati ed equipollenti nelle discipline sanitarie, scientifiche, umanistiche che intendono divenire nell’esercizio della professione maggiormente consapevoli delle questioni bioetiche ad essa connesse (operatori sanitari, ricercatori, divulgatori, educatori, docenti scientifici sanitari, culturali, ambientali). Il particolare, il Master interessa il profilo delle professioni sanitarie ivi comprese quelle di cui all’art. 1 della Legge 01.02.2006 n° 43.

Informazione importanti
Sedi

Dove e quando

Inizio Luogo
Consultare
Viterbo
Larg dell'Università - Loc. Riello, 01100, Viterbo, Italia

Domande più frequenti

· Requisiti

Laurea Scientifica, Umanistica, Sanitaria o equipollenza professionale nelle discipline sanitarie: Infermier, Ostetrica, Tec.Prevenz., Audiom, Terapia

Programma

I contributi del Master sono suddivisi in tre ambiti, che corrispondono a tre diversi Moduli:

1. il primo Modulo, Comunicazione ed Educazione, analizza gli aspetti teorici, le difficoltà sociali, culturali e istituzionali che sottendono il processo di benessere e cura, con particolare attenzione allo scarto tra le strutture di prevenzione, cliniche e terapeutiche e le richieste della popolazione, quando queste siano presenti.

2. L’enfasi sulla centralità dell’utente nel processo di creazione del benessere, di cui sono parte integrante in campo sanitario e con pari dignità la prevenzione, la diagnosi e la cura, solleva difficoltà in ambito organizzativo, deontologico e sociale. Le stesse che vengono affrontate nel secondo Modulo, relativo all'Etica ed alla Bioetica. 3. il terzo Modulo, Organizzazione e Management, intende affrontare le tematiche relative ai contributi scientifici specifici sottesi e quindi Scienza dell’Organizzazione, Psicologia e Sociologia del lavoro, Programmazione ed Organizzazione Aziendale

Modulo 1: Comunicazione ed Educazione

La comunicazione è un processo fondamentale, alla base delle relazioni umane, e riveste un ruolo sempre più centrale per il personale che lavora nelle organizzazioni complesse, sia nel rapporto operatore-utente che operatore-operatore.

Migliorare queste competenze è, dunque, obiettivo primario di un'organizzazione che voglia crescere in efficacia ed efficienza operativa.

Il Modulo si configura come percorso formativo teso a rinforzare le conoscenze e le competenze su aree tematiche particolarmente rilevanti per il buon funzionamento dell'organizzazione e la qualità dei processi di lavoro e dei servizi.

In particolare, sia nei contenuti che negli strumenti operativi (esercitazioni, test, questionari, e così via) proposti alla fine di ogni insegnamento, intende fornire efficaci strumenti di analisi e comprensione dei processi comunicativi e sviluppare e migliorare le proprie abilità di gestione delle relazioni per agire con maggiore incisività nei comportamenti quotidiani lavorativi sia con gli utenti che con i membri dell'équipe in cui si opera.

In campo sanitario, ad esempio, si è spostata l’attenzione dalla relazione con la persona malata a quella con la malattia: questa prerogativa degli ambiti sociologici in generale e - nello specifico - della medicina occidentale, ha stravolto il ruolo tradizionale del terapeuta, sostituendolo con quello del tecnico e dello specialista. Ciò ha mutato la componente relazionale della medicina, imprescindibile in ogni attività che preveda l’interazione tra individui, e ha costretto a riflettere sulla necessità di sviluppare nuovi modelli di intervento che promuovano la sua umanizzazione. Il discorso è ampliabile ad ogni altro campo.

Aree didattiche:

Scienze Umanistiche, Scienze Naturali

· Psicologia e Sociologia delle organizzazioni
· Etica della comunicazione e della educazione
· Comunicazione ed educazione per le scienze
· Educazione alla salute e all’ambiente
· Antropologia culturale
· Etologia umana
· Gli aspetti dell’informazione scientifica e sanitaria

Modulo 2: Bioetica

I crescenti successi sia nella ricerca di base che in quella applicata alla pratica clinica hanno provocato e continuano a provocare una profonda trasformazione nell'immagine della medicina, oltre che non poche ripercussioni problematiche a livello etico-normativo. Insieme, il decentramento amministrativo e il processo di trasformazione dello stato sociale hanno prodotto nel settore della sanità ed in ogni altro ambito sociale forti tensioni.

Pur riconoscendo il notevole sforzo innovativo svolto da tanti pionieri per adeguare la formazione sanitaria alle sfide proposte da questi processi, resta da verificare quale ne sia stato l'impatto sulla qualità dell'insegnamento come sulla qualità dell'apprendimento e, più in generale, sulla formazione sanitaria.

Aree didattiche

Scienze Biologiche, Naturali, Mediche
· Ricerca biomedica, clinica, sperimentazione umana ed animale
· Metodologie biologiche emergenti (OGM, cellule staminali, ingegneria genetica, anticorpi monoclonali )
· Il concetto di sostenibilità nella bioetica
· Origini, istituzioni e Comitati di etica e bioetica
· Storia ed epistemologia della medicina ed etica biomedica
· Il profilo giurisprudenziale della Bioetica

MODULO 3: ORGANIZZAZIONE

Nell’ambito dello sviluppo organizzativo, il sistema organizzativo, ad iniziare da quello concernente la salute si propone oggi di declinare in un pensiero progettuale unico, che ha nell’orientamento all’utente la sua guida fondamentale, le scelte, le azioni, gli obiettivi utili a mantenere adeguata l’organizzazione alle linee guida di sviluppo.

Realizzare risultati di eccellenza per la soddisfazione dei cittadini/utenti con il minimo uso di risorse in un sistema di compatibilità e di massime sinergie possibili e con la tensione verso il miglioramento continuo.

Una visione unitaria e sistemica dell’organizzazione, l’attenzione ai segnali di cambiamento come espressione della centralità del cittadino e del contesto sociale di riferimento, la definizione di obiettivi e strategie unificanti, sono i capisaldi di una progettazione dello sviluppo organizzativo che si propone non solo la definizione di regole, ma anche un’attenzione necessaria per un reale cambiamento, alla cultura, all’etica, ad un nuovo sistema di valori.

Aree didattiche:

Scienze giuridiche
· Legislazione ed organizzazione professionale
· Profili del diritto del Lavoro ed Amministrativo
· Diritto della comunicazione e dell'informazione per la salute
· Diritto nazionale ed internazionale delle politiche sociali e sanitarie.

Scienze economiche,
· Politiche di programmazione, organizzazione e management.
· Economia e marketing sanitario (programmazione, valutazione e qualità dei servizi socio-sanitari)
· Sistemi di valutazione della qualità ed appropriatezza delle prestazioni
· Risk Management

Scienze statistiche e informatiche
· Pianificazione, programmazione e gestione delle risorse umane
· Analisi dei processi, programmazione strategica, controllo di gestione, sistemi informativi.
· Basi di informatica, statistica ed metodologia epidemiologica

Ulteriori informazioni

Stage: in sede
Alunni per classe: 55

Confronta questo corso con altri simili
Leggi tutto