Mani che Ascoltano - il Sistema Craniosacrale

Associazione Culturale Sorgente di Luce
A Sossano

Chiedi il prezzo
Vuoi parlare del corso con un consulente?

Informazione importanti

  • Evento
  • Sossano
  • 1 ora di lezione
Descrizione


Rivolto a: tutti.

Informazione importanti
Sedi

Dove e quando

Inizio Luogo
Consultare
Sossano
Via Roma n 112 cap 36040, Vicenza, Italia
Visualizza mappa

Programma

Relatore: paola malaguti


il sistema craniosacrale è un ritmo fisiologico del nostro corpo al pari dei sistemi respiratorio e cardiovascolare. Si estende dalle ossa del cranio fino all’osso sacro ed è formato dalle membrane che avvolgono cervello e midollo spinale e dal liquido cerebrospinale (o liquido cefalorachidiano, o liquor). Il liquor viene prodotto e riassorbito all’interno della scatola cranica e filtrato dal sangue in un ciclo di autoregolazione. Tale processo, simile ad un sistema idraulico, genera pressione all’interno delle membrane; dal variare di tale pressione nasce il ritmo craniosacrale ovvero un movimento leggerissimo che coinvolge tutte le ossa del cranio, della colonna vertebrale e sacrali, propagandosi come un’onda attraverso la fascia connettivale fino alle parti periferiche del corpo con una frequenza variabile fra i sei e i dodici cicli al minuto e percepibile alla palpazione. Il trattamento craniosacrale è stato messo a segno dal dottor w. G. Sutherland negli anni ’30. Sutherland, uno dei padri della medicina osteopatica, indagò sulla funzione delle suture esistenti fra le ossa del cranio e trasse la conclusione che il cranio e l’osso sacro si muovono secondo un ritmo comune che parte dall’interno del cervello. Negli anni ’80 il dottor j. Upledger perfezionò la tecnica osteopatica di craniosacrale basandola sul principio di trattamento dolce e non invasivo atto a stimolare i naturali meccanismi di autoguarigione del corpo umano. Il trattamento craniosacrale è una tecnica olistica che agisce attraverso un lievissimo contatto delle mani, soprattutto su cranio e osso sacro, ma anche sulle fasce connettivali, fino ad interessare tutto il corpo. Si tratta di un “ascolto” per mezzo del quale l’operatore rileva eventuali alterazioni del ritmo craniosacrale che evidenziano disfunzioni, tensioni o contrazioni presenti nel corpo. Una volta riconosciute le zone interessate dal problema viene effettuato un profondo e silenzioso invito al riequilibrio, ottenendo un rilassamento delle contratture, un miglioramento del ritmo craniosacrale e della respirazione polmonare. Si tratta quindi di un momento di rilassamento e abbandono della condizione quotidiana di stress. Il craniosacrale, in quanto metodo olistico (ovvero che considera l’uomo nella sua unione di corpo, mente, emozioni e spirito; dunque un individuo e non solo la somma di parti fisiche o psichiche più o meno malate), può essere di supporto in una vasta gamma di disturbi, poiché aumenta la vitalità e facilita il processo di auto-rigenerazione del corpo. Pertanto questa tecnica è adatta a bambini ed anziani, e anche agli adulti in circostanze acute o delicate e può essere un ottimo strumento di autoconoscenza e ascolto di sé. Il craniosacrale si rivela di grande utilità in tutti i casi di tensione, sia fisica che emotiva.
Per godere del trattamento, ci si stende su un lettino da massaggio, vestiti, e si sperimenta il tocco leggero delle mani dell’operatore (la mano ha lo stesso peso di una foglia che si posa sull’acqua). Il corpo é rilassato, nella condizione più confortevole possibile. Si potrà avvertire un profondo senso di rilassamento così come sentire fenomeni di calore, pulsazione, movimenti all’interno del corpo, o altre sensazioni. Durante il trattamento, per diversi motivi, la persona non sempre avverte sensazioni particolari. I movimenti sono molto piccoli (pochi micron, millesimi di millimetri) e nel caso in cui la mente sia assorta in altri pensieri o addirittura non ci sia l’abitudine a sintonizzarsi all’ascolto del proprio corpo, è possibile non venga avvertito nulla di particolare. Inoltre, se le tensioni sono croniche e di lunga data, può volerci del tempo prima di poter percepire qualcosa. Dunque, ripetendo nel tempo il trattamento si potrà recuperare la propria sensibilità percettiva. Attraverso il trattamento craniosacrale si può raggiungere pian piano la sensazione di calma profonda, tranquillità, si possono lasciar andare i pensieri e le tensioni corporee e ritrovare armonia, vitalità ed energia, bilanciando e riallineando le strutture del corpo.