MASTER BREVE IN DIRITTO FALLIMENTARE E NUOVI STRUMENTI PER LA GESTIONE DELLA CRISI D’IMPRESA

Altalex Formazione
A Bologna e Roma

576 
+IVA
Vuoi parlare del corso con un consulente?

Informazione importanti

  • Master
  • In 2 sedi
  • 25 ore di lezione
  • Durata:
    5 Settimane
Descrizione

Il master è rivolto a quei professionisti intenzionati a maturare una capacità concreta di comprendere i problemi e le criticità delle procedure concorsuali e di individuare le soluzioni operative più idonee per la gestione della crisi d'impresa e la composizione negoziale della stessa con lo scopo di sfruttare al meglio le potenzialità del sistema, attraverso l'analisi anche comparata dei nuovi ruoli del giudice delegato, del curatore, del comitato dei creditori, nonché dei consulenti delle procedure concorsuali.

Informazione importanti
Sedi

Dove e quando

Inizio Luogo
Consultare
Bologna
Via Boldrini, 4, 40128, Bologna, Italia
Visualizza mappa
Consultare
Roma
Via Cavour 50/A, 00187, Roma, Italia
Visualizza mappa

Domande più frequenti

· Quali sono gli obiettivi del corso?

Il master, giunto alla IV edizione, offre una panoramica della procedura fallimentare e degli strumenti di gestione della crisi d'impresa; si focalizza sulle funzioni e sugli adempimenti che il professionista è chiamato a svolgere nelle diverse fase in cui si articolano la procedura fallimentare e gli strumenti negoziali di risoluzione della crisi alla luce delle recenti modifiche normative (non per ultimo il "decreto del fare") e degli orientamenti e chiarimenti della giurisprudenza dal concordato preventivo ai piani attestati di risanamento, dagli accordi di ristrutturazione dei debiti al sovraindebitamento.

· A chi è diretto?

Il master è rivolto a quei professionisti intenzionati a maturare una capacità concreta di comprendere i problemi e le criticità delle procedure concorsuali e di individuare le soluzioni operative più idonee per la gestione della crisi d'impresa e la composizione negoziale della stessa con lo scopo di sfruttare al meglio le potenzialità del sistema, attraverso l'analisi anche comparata dei nuovi ruoli del giudice delegato, del curatore, del comitato dei creditori, nonché dei consulenti delle procedure concorsuali.

· In cosa si differenzia questo corso dagli altri?

Project Work Al termine del ciclo di lezioni è prevista la selezione di un candidato che avrà l'opportunità di pubblicare, sotto il coordinamento della Direzione Scientifica del Master, un proprio lavoro nella collana dedicata Altalex in formato elettronico e/o cartaceo. La selezione sarà effettuata dai docenti del corso tra i discenti che ne faranno richiesta, sulla base del curriculum vitae.

· Quali saranno i passi successivi alla richiesta di informazioni?

Lo staff di Altalex la contatterà telefonicamente quanto prima, qualora non fosse possibile riceverà una mail informativa.

Opinioni

Non ci sono ancora opinioni su questo corso

Cosa impari in questo corso?

Il master
Giunto alla III edizione
Offre una panoramica della procedura fallimentare e degli strumenti di gestione della crisi d’impresa

Professori

Alessandro Farolfi
Alessandro Farolfi
Dott. Mag.

Magistrato, Giudice del Tribunale di Ravenna

Giovanni Fanticini
Giovanni Fanticini
Dott.

Magistrato, è attualmente giudice civile e delle esecuzioni (mobiliari e immobiliari) del tribunale di Reggio Emilia. Ha pubblicato diversi scritti sulle materie di diritto civile e processuale con particolare riguardo all’istituto del trust e alle esecuzioni forzate tra cui: La custodia dell’immobile pignorato; La rivoluzione nelle esecuzioni immobiliari; La fase istruttoria: i limiti della prova testimoniale e l’interrogatorio formale, Indagini e accertamenti della Polizia Tributaria nei procedimenti di separazione e divorzio

Giuseppe Limitone
Giuseppe Limitone
Dott. Mag.

Magistrato, è attualmente giudice delegato, civile (sez. società) e delle esecuzioni immobiliari e del registro delle imprese del tribunale di Vicenza. E’ stato giudice delegato e delle esecuzioni immobiliari a Vercelli e a Padova Docente e relatore a corsi e convegni in materia di diritto civile e processuale con particolare riguardo alla disciplina fallimentare e delle esecuzioni forzate

Nicola Soldati
Nicola Soldati
Prof. Avv.

Avvocato in Modena ,professore aggregato di diritto commerciare e di diritto fallimentare presso l’Alma Mater Studiorum Università di Bologna; ammesso dal 2007 al patrocinio alle Magistrature Superiori. Mediatore civile e commerciale; membro del consiglio di amministrazione della Fondazione Forense Modenese; segretario del comitato scientifico di Isdaci (Istituto Scientifico per l’arbitrato, la mediazione e il diritto commerciale). Formatore accreditato presso il Ministero della Giustizia

Stefano Poli
Stefano Poli
Prof. Avv.

Avvocato in Bologna, Associato di diritto commerciale, Università di Parma. E’ autore di 4 lavori monografici (in tema di collegio sindacale, pegno di azioni, piani di stock option e corporate governance nella società chiuse), coautore di un manuale sul diritto dell’impresa (ove ha curato la parte sulla proprietà intellettuale), oltre che di altri scritti minori. Ha svolto periodi di studio presso l’Università di Heidelberg e lo IALS di Londra.

Programma

Calendario sede di Bologna

I INCONTRO
La procedura fallimentar
e
Bologna 8 maggio 2015 (14.00-19.00) - Prof. Avv. Nicola Soldati

Gli organi della procedura
L’istruttoria prefallimentare
La dichiarazione di fallimento
L’esercizio provvisorio
I rapporti giuridici pendenti
L’accertamento del passivo
Le insinuazioni tempestive e tardive
Le impugnazioni
La liquidazione dell’attivo
La chiusura del fallimento

II INCONTRO
Il concordato preventivo

Bologna 15 maggio 2015 (14.00-19.00) - Prof. Stefano Poli

1) Fonti, finalità e caratteristiche di fondo del nuovo CP
2) I presupposti oggettivi e soggettivi
3) Gli adempimenti societari ed il ruolo degli organi sociali nel CP
4) Il “preconcordato”
- natura, costi ed opportunità
- tecniche di redazione
- effetti
5) Il contenuto e caratteristiche della proposta e del piano
- il trattamento dei creditori chirografari
- i casi di falcidia dei privilegiati
- le prededuzioni
- la suddivisione dei creditori in classi
- il concordato in continuità aziendale
- il “concordato di gruppo”
6) Il ruolo dei professionisti nella procedura
- caratteristiche e responsabilità dell’attestatore
- il ruolo e gli adempimenti del commissario giudiziale
7) Il procedimento
- la domanda e l’ammissione
- la votazione
- il giudizio di omologa
8) L’esecuzione del concordato
9) La risoluzione e l’annullamento del concordato
10) Le novità del "decreto del fare"

III INCONTRO
Il sovraindebitamento

Bologna 22 maggio 2015 (14.00-19.00) - Dott. Giuseppe Limitone

Finalità e natura
Il presupposti soggettivi e oggettivi
Contenuto, oggetto e scopi
La procedura: gli aspetti processuali e sostanziali
Omologazione e esecuzione dell’accordo
L’accordo e le sue vicende: annullamento e risoluzione
Aspetti processuali e questioni controverse
Organismi di composizione della crisi
L’entrata in vigore

IV INCONTRO
Il trust e il fallimento

Bologna 29 maggio 2015 (14.00-19.00)- Dott. Giovanni Fanticini

La Convenzione de L’Aja sui trust
Le principali regole dei trust
La figura del disponente
La figura del trustee
Le figure dei beneficiari
Il guardiano
La giurisprudenza italiana sui trust
Il trust liquidatorio e il contrasto con sopravvenuta insolvenza
Impieghi del trust nelle procedure fallimentari
Impieghi del trust nei concordati preventivi e negli accordi di ristrutturazione
Esempi di atti istitutivi di trust “fallimentari”

V INCONTRO -
Gli accordi di ristrutturazione e i piani di risanamento

Bologna 5 giugno 2015 (14.00-19.00) - Dott. Alessandro Farolfi

Gli accordi di ristrutturazione:
Finalità e natura
Il presupposti soggettivi e oggettivi
Contenuto, oggetto e scopi
La domanda di omologazione
L’effetto protettivo e il divieto di azioni esecutive
Il procedimento di omologazione
L’opposizione dei creditori.
L’omologazione e il reclamo
L’esecuzione degli accordi
La transazione fiscale
I piani attestati di risanamento:
Finalità e natura
Il presupposti soggettivi e oggettivi
Contenuto, oggetto e scopi
Fasi di formazione del piano
Ricerca delle cause della crisi
Interventi propedeutici alla redazione del piano di risanamento
Redazione del piano
Attuazione e verifica dell’esecuzione del piano
La relazione del professionista
Responsabilità del professionista
Requisiti di forma
Approvazione del piano da parte del debitore societario: regole di competenza interna
Obbligo di informazione dei creditori ed eventuale adesione al piano da parte degli stessi
Il regime di protezione: effetti sugli atti, pagamenti e le garanzie concesse sui beni del debitore
Inadempimento e risoluzione del piano

Calendario sede di Roma

I INCONTRO
La procedura fallimentar
e
Roma 22 maggio 2015 (14.00-19.00) - Prof. Avv. Nicola Soldati

Gli organi della procedura
L’istruttoria prefallimentare
La dichiarazione di fallimento
L’esercizio provvisorio
I rapporti giuridici pendenti
L’accertamento del passivo
Le insinuazioni tempestive e tardive
Le impugnazioni
La liquidazione dell’attivo
La chiusura del fallimento

II INCONTRO
Gli accordi di ristrutturazione e i piani di risanamento

Roma 29 maggio 2015 (14.00-19.00) - Dott. Alessandro Farolfi

Gli accordi di ristrutturazione:
Finalità e natura
Il presupposti soggettivi e oggettivi
Contenuto, oggetto e scopi
La domanda di omologazione
L’effetto protettivo e il divieto di azioni esecutive
Il procedimento di omologazione
L’opposizione dei creditori.
L’omologazione e il reclamo
L’esecuzione degli accordi
La transazione fiscale
I piani attestati di risanamento:
Finalità e natura
Il presupposti soggettivi e oggettivi
Contenuto, oggetto e scopi
Fasi di formazione del piano
Ricerca delle cause della crisi
Interventi propedeutici alla redazione del piano di risanamento
Redazione del piano
Attuazione e verifica dell’esecuzione del piano
La relazione del professionista
Responsabilità del professionista
Requisiti di forma
Approvazione del piano da parte del debitore societario: regole di competenza interna
Obbligo di informazione dei creditori ed eventuale adesione al piano da parte degli stessi
Il regime di protezione: effetti sugli atti, pagamenti e le garanzie concesse sui beni del debitore
Inadempimento e risoluzione del piano

III INCONTRO
Il concordato preventivo

Roma 5 giugno 2015 (14.00-19.00) - Prof. Stefano Poli

1) Fonti, finalità e caratteristiche di fondo del nuovo CP
2) I presupposti oggettivi e soggettivi
3) Gli adempimenti societari ed il ruolo degli organi sociali nel CP
4) Il “preconcordato”
- natura, costi ed opportunità
- tecniche di redazione
- effetti
5) Il contenuto e caratteristiche della proposta e del piano
- il trattamento dei creditori chirografari
- i casi di falcidia dei privilegiati
- le prededuzioni
- la suddivisione dei creditori in classi
- il concordato in continuità aziendale
- il “concordato di gruppo”
6) Il ruolo dei professionisti nella procedura
- caratteristiche e responsabilità dell’attestatore
- il ruolo e gli adempimenti del commissario giudiziale
7) Il procedimento
- la domanda e l’ammissione
- la votazione
- il giudizio di omologa
8) L’esecuzione del concordato
9) La risoluzione e l’annullamento del concordato
10) Le novità del "decreto del fare"


IV INCONTRO
Il trust e il fallimento

Roma 12 giugno 2015 (14.00-19.00)- Dott. Giovanni Fanticini

La Convenzione de L’Aja sui trust
Le principali regole dei trust
La figura del disponente
La figura del trustee
Le figure dei beneficiari
Il guardiano
La giurisprudenza italiana sui trust
Il trust liquidatorio e il contrasto con sopravvenuta insolvenza
Impieghi del trust nelle procedure fallimentari
Impieghi del trust nei concordati preventivi e negli accordi di ristrutturazione
Esempi di atti istitutivi di trust “fallimentari”

V INCONTRO
Il sovraindebitamento

Roma 19 giugno 2015 (14.00-19.00) - Dott. Giuseppe Limitone

Finalità e natura
Il presupposti soggettivi e oggettivi
Contenuto, oggetto e scopi
La procedura: gli aspetti processuali e sostanziali
Omologazione e esecuzione dell’accordo
L’accordo e le sue vicende: annullamento e risoluzione
Aspetti processuali e questioni controverse
Organismi di composizione della crisi
L’entrata in vigore