MASTER IN MALTRATTAMENTO E ABUSO SESSUALE SUI MINORI: ASPETTI PSICOLOGICI, CRIMINOLOGICI E GIURIDICI

Euromediterranean Peace And Law Enforcement Academy
Semipreseziale a Roma

350 
IVA Esente
Vuoi parlare del corso con un consulente?

Informazione importanti

  • Corso
  • Blended
  • Roma
  • Durata:
    3 Mesi
Descrizione

Informazione importanti
Sedi

Dove e quando

Inizio Luogo
Consultare
Roma
ROMA, 52100, Roma, Italia
Visualizza mappa

Opinioni

Non ci sono ancora opinioni su questo corso

Programma

MALTRATTAMENTO E ABUSO SESSUALE SUI MINORI: ASPETTI PSICOLOGICI, CRIMINOLOGICI E GIURIDICI

PREMESSA

Nel corso degli anni, lo studio sul maltrattamento e l’abuso sessuale minorile si è sviluppato seguendo diverse fasi teoriche ed interpretative; tuttavia, solo negli anni settanta, la letteratura scientifica americana ed europea ha riconosciuto la problematica nella sua ampiezza e gravità.

La crescente cultura per la tutela dei diritti all’infanzia vede coinvolte diverse figure professionali (educatori, assistenti sociali, psicologi, medici legali e forze dell’ordine) e sottolinea, da una parte, l’esigenza di un approccio multiprospettico alla problematica, dall’altra, l’importanza per gli attori coinvolti nella prevenzione, nell’intervento e nella valutazione del fenomeno, di poter usufruire di un linguaggio comune che consenta, tramite criteri stabiliti, la distinzione tra le diverse forme di abuso.

Accertare l’esistenza di un caso di maltrattamento e abuso sessuale sul minore significa operare un intervento delicato e complesso che presuppone un alto grado di competenza e professionalità in ciascuno degli operatori che, per compiti e modalità differenti, ne prendono parte.

La collaborazione tra le differenti aree di pertinenza presuppone la capacità di operare in un ottica allargata che tenga conto degli aspetti fisici e psicologici, individuali e relazionali e valuti insieme la vittima e la figura abusante (siano esse potenziali o effettive) all’interno dei possibili contesti.

Per quanto detto, è dunque auspicabile munire il singolo professionista che si occupa di un minore abusato delle conoscenze generali del fenomeno e fornire, a seconda del campo in cui esercita la propria professionalità (medica, legale, psicologica e criminalistica), gli strumenti specifici con cui poter intervenire.

MODULI E PRINCIPALI ARGOMENTI TRATTATI

Modulo I – Maltrattamenti e abusi all’infanzia

Definizione di child abuse; Maltrattamento fisico; Maltrattamento psicologico; Le patologie delle cure (incuria, discuria, ipercuria); L’abuso sessuale (l’abuso sessuale intrafamiliare, l’abuso sessuale extrafamiliare, lo sfruttamento sessuale); Epidemiologia del child abuse (studi italiani e internazionali); Fattori di rischio del child abuse (caratteristiche del minore, caratteristiche della famiglia e dei genitori, caratteristiche dell’ambiente sociale e culturale).

Modulo II – L’abuso sessuale infantile: vittime, autori e contesti

Caratteristiche del minore vittima di abuso sessuale; Caratteristiche dell’autore di abuso sessuale infantile; Caratteristiche del contesto e della famiglia abusante; Accenni di intervento psicologico sulle vittime e sugli autori di abuso sessuale.

Modulo III – La pedofilia

Criteri nosografici; I tipi di pedofilo; Aspetti psicologici e criminologici della pedofilia; Pedofilia organizzata; Pedofilia e sette sataniche.

Modulo IV – Indicatori e conseguenze dell’abuso sessuale infantile

I segni fisici, cognitivi, comportamentali ed emotivi dell’abuso sessuale; Effetti psicologici e psicopatologici dell’abuso sessuale sul minore.

Modulo VDiritti dei minori e norme giuridiche in tema di abuso sessuale

Le Convenzioni internazionali ed europee sulla tutela del minore; La legislazione italiana e la tutela penale della sfera sessuale dei minori: i delitti sessuali nel Codice Zanardelli e nel Codice Rocco, la legge 15 Febbraio 1996 n. 66 “delitti contro la persona” (articoli che disciplinano i reati di violenza sessuale, atti sessuali con minorenni, corruzione di minorenne, violenza sessuale di gruppo; tutela della persona offesa), la legge 3 Agosto 1998 n. 269 (articoli che disciplinano i delitti di prostituzione minorile, pornografia minorile, detenzione di materiale pornografico, iniziative turistiche volte allo sfruttamento della prostituzione minorile; tutela della salute della persona offesa); Note sulla legislazione internazionale; Punto di vista giuridico e psicologico a confronto.

Modulo VIDalla Segnalazione all’accertamento: aspetti giuridici, psicologici e criminologici.

Le differenti figure professionali di fronte alla rivelazione dell’abuso sessuale: reazioni e comportamenti; L’obbligo di denuncia; L’intervento dell’autorità giudiziaria e ordinaria; Il ruolo della polizia giudiziaria; Il contesto delle indagini preliminari; L’incidente probatorio; Il dibattimento; La perizia: il CTU e il CTP.; L’ “abuso istituzionale”.

Modulo VII – La testimonianza del minore vittima di abuso sessuale

La “competenza” e la “credibilità” del minore presunta vittima di abuso sessuale; Intervista ed ascolto del minore; Il dialogo con il bambino abusato: emozioni, parole e comportamenti; L’audizione protetta; La perizia psicologica per la valutazione dell’attendibilità della testimonianza nei casi di maltrattamento e abuso sessuale (strumenti e tecniche dell’intervista investigativa).

Modulo VIII – Pedofilia in Rete: aspetti criminalistici

Attività dei pedofili sulla Rete; Internet e pedopornografia; Analisi di alcuni siti a contenuto pedofilo; Investigazioni e ricerca scientifica sulla pedofilia in Internet; I poliziotti specializzati nelle inchieste sulla Rete; I providers e i diritti dei minori; I rischi di molestia e i consigli per una navigazione sicura.

NOTE

Ogni modulo prevede due videolezioni (da 30/45 minuti l’una), integrate da: dispense in formato Word, eventuali Power Point di approfondimento, bibliografia utilizzata e consigliata. Alla fine di ogni lezione si potrebbe proporre un percorso di autoverifica non obbligatorio con domande relative agli argomenti trattati.