Master in Psicologia del Benessere nel Corso di Vita

Centro Formazione Professionale Bari
A Taranto

4.900 
+IVA
Vuoi parlare del corso con un consulente?
Confronta questo corso con altri simili
Leggi tutto

Informazione importanti

  • Corso
  • Taranto
  • 400 ore di lezione
Descrizione

Obiettivo del corso: Preparazione Professionale nell'ambito della Psicologia e della Psichiatria.
Rivolto a: Tutti coloro che desiderano specializzarsi professionalmente nella Psicologia.

Informazione importanti
Sedi

Dove e quando

Inizio Luogo
Consultare
Taranto
Via Prospero Petroni, 74100, Taranto, Italia

Domande più frequenti

· Requisiti

Colloqui pre-selettivi

Programma

Master Professionale in: "Psicologia del Benessere nel Corso di vita" - Bari

Obiettivi formativi:


Il Master Professionale in “Psicologia del benessere nel corso di vita” offre una formazione avanzata nel campo delle scienze psicologiche e fornisce competenze progettuali e operative in campo diagnostico-clinico e preventivo-educativo.

In particolare il Corso Professionale permette di acquisire le seguenti conoscenze e capacità:

-operare in piena autonomia professionale, anche in collaborazione con altri specialisti, per promuovere il benessere psicologico di individui e gruppi nelle varie fasi del corso della vita;

-valutare e valorizzare le risorse dell'individuo e delle sue reti relazionali;

-promuovere azioni volte a valorizzare le risorse dei diversi contesti di vita;

-progettare e realizzare interventi di prevenzione e/o trattamento dei disturbi dello sviluppo, del disagio psico - sociale e delle difficoltà psicologiche correlate ad eventi critici del corso della vita;

-valutare la qualità e l'efficacia dei programmi attuati e dei risultati ottenuti.

-una conoscenza dei quadri evolutivi normali nel corso di vita, delle condizioni ottimali di sviluppo, delle risorse individuali e delle differenze socio-culturali;

-una conoscenza dei principali disturbi cognitivi, linguistici, relazionali e di personalità, e dei relativi strumenti di valutazione;

-una conoscenza dei metodi di valutazione della qualità dei contesti e delle loro risorse;

-una conoscenza delle modalità di intervento preventivo nei contesti istituzionali pertinenti alle varie fasi del corso della vita, con particolare attenzione agli ambiti educativi;

-una conoscenza di base sulle tecniche per il recupero del benessere in presenza di eventi critici;

-una conoscenza di base dei modelli di intervento e di trattamento in presenza di disturbi o difficoltà psicologiche;

-la conoscenza dei principali strumenti informatici e di comunicazione telematica negli ambiti di competenza;

-la piena consapevolezza delle problematiche deontologiche connesse all'esercizio della professione psicologica.

Per quanto riguarda le competenze professionali, i corsisti dovranno essere in grado di:

-impostare e realizzare piani di valutazione individuale, applicando gli strumenti di osservazione e diagnosi più idonei e riconducendo ad un quadro interpretativo coerente le informazioni ricavate da tali strumenti;

-impostare e realizzare piani di valutazione della qualità dei nuclei familiari, dei servizi socio-educativi, delle istituzioni scolastiche, sanitarie, assistenziali;

-progettare, coordinare e realizzare interventi psicologici preventivi e di sostegno rivolti all'individuo e/o ai gruppi entro le istituzioni educative, sanitarie, riabilitative e assistenziali, pubbliche e private.

Caratteristiche della prova finale:


La prova finale consiste nella realizzazione di una ricerca empirica (progettazione, raccolta, elaborazione e discussione dei dati) ovvero in una dissertazione scritta relativa ad un approfondimento storico critico su un tema assegnato.

Ambiti occupazionali previsti per i corsisti:


Gli sbocchi professionali prevedibili per gli studenti del Master Professionale in “Psicologia del benessere nel corso di vita” si riferiscono prevalentemente ai seguenti ambiti:

-consultori materno - infantili, adolescenziali e familiari;-servizi socio-educativi e di psicologia scolastica;-aziende ospedaliere (ad es. reparti pediatrici o traumatologici);

-servizi di salute mentale, con particolare riferimento al recupero e sostegno all'infanzia e all'adolescenza;

-enti locali (ad es. assessorati alla politiche sociali e/o educative);

-organismi del “terzo settore” (quali cooperative e associazioni) che gestiscono servizi residenziali e semiresidenziali, o realizzano progetti di prevenzione e riduzione del disagio nel corso di vita-attività professionale autonoma di valutazione e sostegno a individui, famiglie, ed istituzioni socio-educative, scolastiche ed assistenziali.

Ulteriori informazioni

Alunni per classe: 8

Confronta questo corso con altri simili
Leggi tutto