Master in "Psicologia Giuridica"

S.I.P.E.A
A Roma

1.200 
Vuoi parlare del corso con un consulente?

Informazione importanti

  • Master
  • Roma
  • 120 ore di lezione
  • Durata:
    10 Mesi
Descrizione

Rivolto a psicologi, psicoterapeuti, studenti in psicologia, ma anche ad avvocati e mediatori familiari.
Il Master si propone di formare psicologi specializzati nel settore giuridico fornendo tutte quelle conoscenze teoriche, metodologiche e operative necessarie per rispondere alle molteplici e variegate richieste loro rivolte. Proprio per la specificità del contesto in cui lo psicologo forense è chiamato ad operare la sua formazione deve essere assolutamente omnicomprensiva e qualificata; deve essere un professionista esperto e ben addestrato per operare in ambito forense e deve inoltre possedere le capacità necessarie per dialogare e collaborare con tutte le altre figure che fanno parte del panorama giudiziario.

Informazione importanti Sedi

Dove e quando

Inizio Luogo
Consultare
Roma
Via degli Etruschi, 5/A, 00156, Roma, Italia
Visualizza mappa

Cosa impari in questo corso?

Fondamenti di psicologia
Laurea triennale

Professori

Elisabetta Boschi
Elisabetta Boschi
Psicologa forense e Criminologa

Consulente Tecnico e Perito del Tribunale civile, penale e dei minorenni di Roma; nonché Mediatore familiare nelle liste del Tribunale Ordinario di Tivoli. È iscritta all’Albo degli Psicologi della Regione Lazio e dal 2009 aderisce in qualità di Psicologa clinica al Protocollo d’intesa tra il Consiglio Nazionale degli Psicologi e la Guardia di Finanzia. Attualmente svolge attività privata, presso il proprio studio, con interventi di sostegno psicologico individuale, di coppia e per la famiglia, consulenze psicodiagnostiche su adulti e minori.

Marina D'Angeli
Marina D'Angeli
psicologa-psicoterapeuta, psicodiagnosta, docente master sipea

laureata in Psicologia (indirizzo “Psicologia dello Sviluppo e dell’Educazione”) consegue il diploma di specializzazione presso la II Scuola di Specializzazione in Psicologia Clinica ( direttore Prof. G. C. Zavattini ) con conseguente titolo di Specialista in Psicologia Clinica e Psicoterapia. Docente della Scuola di Specializzazione Quadriennale in Psicoterapia Psicoanalitica I.R.E.P (riconosciuta dal M.I.U.R).

Programma

Descrizione
Master in Psicologia giuridica e Criminologia annuale costituito da 120 ore di formazione, di cui:

  • 80 ore in aula di didattica frontale;
  • 20 ore sezione e-learning a disposizione degli allievi h24 contenente materiali didattici;
  • 20 ore di esercitazioni pratiche svolte nelle sedi istituzionali.

La Psicologia giuridica occupa attualmente nel panorama del sapere psicologico un’area piuttosto ampia che sta progressivamente allargando gli ambiti di studio e di intervento. L'obiettivo del Master e' fornire ai partecipanti il bagaglio di competenze teoriche e pratiche, richiesto ai candidati che desiderano acquisire la qualifica di Consulente Tecnico d'Ufficio, presso i Tribunali e di svolgere attivita' di Consulente Tecnico di Parte, rispettando gli standard formativi previsti dall’Ordine degli Psicologi


La psicologia forense della famiglia, la psicologia applicata al processo e all’esecuzione penale, i minori autori e/o vittime di reato, l’ambito penitenziario e le nuove frontiere della vittimologia e del danno alla persona sono solo alcuni dei settori in cui uno psicologo giuridico può essere chiamato ad apportare il suo contributo di conoscenze e di strumenti. Data la molteplicità e la complessità dei campi di intervento il Master si caratterizzata per l’attenta analisi teorica del sistema giustizia e nel contempo anche per il forte legame con l’attività pratica richiesta allo psicologo nell’espletamento dei suoi incarichi. Il Master è a numero chiuso e il gruppo di allievi è numericamente contenuto; tale scelta nasce dalla consapevolezza che i processi di apprendimento, la possibilità di espressione di ogni partecipante, lo scambio e la relazione formativa con i docentinecessitano di uno spazio contenuto e di un tempo organizzato. Il programma è di tipomodulare, comprende al suo interno momenti di formazione frontale, spazi di interazione in gruppo ed esercitazioni pratiche supervisionate.


Obiettivi
Il Master si propone di formare psicologi specializzati nel settore giuridico fornendo tutte quelle conoscenze teoriche, metodologiche e operative necessarie per rispondere alle molteplici e variegate richieste loro rivolte. Proprio per la specificità del contesto in cui lo psicologo forense è chiamato ad operare la sua formazione deve essere assolutamente omnicomprensiva e qualificata; deve essere un professionista esperto e ben addestrato per operare in ambito forense e deve inoltre possedere le capacità necessarie per dialogare e collaborare con tutte le altre figure che fanno parte del panorama giudiziario. Trattandosi di una disciplina che applica lo studio del comportamento umano al mondo legale e forense è inevitabile che lo specialista si trovi a confrontare sia con le figure tipiche dell’ amministrazione della giustizia quali Giudici, Magistrati e Avvocati sia con colleghi adeguatamente formati, è per questo che il corpo docente del Master è costituito oltre che da psicologi/psicoterapeuti e psicodiagnosti anche da avvocati e magistrati.

Il Master fornisce la cornice formativa necessaria per poter lavorare come:

  • Psicologo forense in ambito di libera professione;
  • Consulente Tecnico di Parte nella giustizia civile e penale;
  • CTU e Perito del Tribunale Civile e Penale;
  • Giudice Onorario del Tribunale di Sorveglianza;
  • Esperto ex art. 80 negli Istituti penitenziari;
  • Esperto e Giudice Onorario presso il Tribunale per i Minorenni;
  • Consulente nei Centri per la giustizia minorile.

Il Master in Psicologia giuridica e Criminologia si propone quindi di fornire agli allievi un’esaustiva competenza teorico-pratica ed etico-professionale al fine di costruire una professionalità funzionale ai diversi contesti di riferimento.

PROGRAMMA DEL MASTER

Il Master è suddiviso in moduli o unità didattiche che fanno riferimento ai principali temi del Diritto e della Psicologia.

  1. MODULO INTRODUTTIVO (I Sabato, 8 ore)

Psicologia e Diritto: l’interazione tra due scienze del comportamento umano.
Il funzionamento e l’organizzazione del Sistema Giustizia.
Fondamenti generali di Psicologia Giuridica e Criminologia.
Ruolo, funzioni e competenze dello psicologo forense.
La normativa e il Codice deontologico dello psicologo forense.

  1. LA PERIZIA PSICOLOGICA (II Sabato, 8 ore)

La Perizia psicologica e i suoi contesti di applicazione.
Peculiarità e differenze tra Consulenza Tecnica di Parte e Consulenza Tecnica d’Ufficio.
L’Albo dei Periti e dei Consulenti Tecnici del Tribunale.
La nomina, il mandato e il quesito peritale. Le operazioni peritali e l’escussione dell’Esperto.
L’ Analisi e lo studio dei fascicoli di causa.
Il rapporto tra il CTU e i Consulenti Tecnici di Parte.
Il CTP e l’elaborato di Parte: esempi di redazione di note critiche al CTU.
Come redigere una relazione peritale al termine della Consulenza espletata: esercitazioni pratiche.

  1. LA PSICODIAGNOSTICA IN AMBITO FORENSE (III Sabato, 8 ore)

Contesti di applicazione e strumenti di intervento.
Il rapporto tra il Perito e l’ ausiliario testista nominato.
Linee Guida per l'utilizzo dei test psicologici in ambito forense.
La metodologia psicodiagnostica: colloquio, somministrazione test, elaborazione di un profilo.
Tecniche e strumenti psicodiagnostici per la Consulenza in ambito civile: la diagnosi di personalità.
Tecniche e strumenti psicodiagnostici per la Consulenza in ambito penale adulti.
L’utilizzo degli strumenti psicodiagnostici sui minori. Tecniche e metodologie applicate.

  1. MODULO CIVILE (IV Sabato, 8 ore)

Lo Psicologo forense in ambito civile: funzioni e competenze proprie.
La Consulenza Tecnica in tema di Affidamento di minori; i vari tipi di affidamento dopo la Legge n. 54 del 2006.
La metodologia psicologica del CTU e del CTP nell’affidamento minorile.
Criteri psicologici e valutazione diagnostica in tema di capacità genitoriale.
La P.A.S. (Sindrome di Alienazione Parentale) e la sua valutazione.
Interdizione, inabilitazione e amministrazione di sostegno: un nuovo orizzonte per lo psicologo giuridico.

  1. MODULO CIVILE (V Sabato, 8 ore)

Il concetto di danno alla persona e la sua valutazione in sede peritale.
La Consulenza Tecnica in tema di danno psichico ed esistenziale.
La Responsabilità civile sul luogo di lavoro: il Mobbing.
Il Disturbo Post Traumatico da Stress e le nuove classificazioni diagnostiche del DSM V.
Presentazione e discussione di casi peritali.

  1. MODULO PENALE (VI Sabato, 8 ore)

La Giustizia penale e lo Psicologo forense: ruoli e competenze.
Perito del Giudice, CT del Magistrato o Esperto nelle indagini difensive.
La Psicologia della responsabilità.
La valutazione della capacità di intendere e volere e l’imputabilità del presunto autore di reato.
La pericolosità sociale: le misure di sicurezza e l’Ospedale Psichiatrico Giudiziale.
La capacità dell’imputato di stare in giudizio.
Fondamenti di Psicopatologia forense: psicopatologie e disturbi di personalità.
Psicologia della Testimonianza: il testimone debole.
Tecniche e strumenti di valutazione dell’attendibilità delle testimonianze.

  1. MODULO PENALE (VII Sabato, 8 ore)

Introduzione sistematica alla Criminologia.
Psicologia della Devianza: principali teorie e modelli di riferimento.
Le Carriere criminali e la criminalità organizzata.
Il gioco d’azzardo e le nuove dipendenze.
L’uso e l’abuso di sostanze stupefacenti: profili giuridici e aspetti psicologici.
La violenza sessuale e il reato di Stalking.
Le indagini e le valutazioni sul comportamento criminale: Protocolli deontologici e Linee Guida.
La Vittimologia e le tecniche di Mediazione penale.

  1. MODULO MINORI (VIII Sabato, 8 ore)

Il ruolo dello Psicologo forense in campo minorile e penitenziario minorile.
I minorenni autori di reato, individuale e/o di gruppo.
La perizia psicologica sul soggetto minorenne.
La psicopatologia nell’età evolutiva e adolescenziale.
L’osservazione e la valutazione del minore deviante.
Capacità di intendere e volere, immaturità psicologica e imputabilità dell’adolescente.
Il processo penale minorile: aspetti legali e psicologici.
Adolescenti e devianza: nuove droghe e comportamenti a rischio.

  1. MODULO MINORI (IX Sabato, 8 ore)

Minori vittime di reato ed unici testimoni.
Il minore come teste: analisi delle competenze nelle diverse fasi evolutive.
L’osservazione, l’ascolto e la valutazione delle affermazioni del minore.
I protocolli di intervista e di audizione protetta: la carta di Noto e la carta di Venezia.
Il maltrattamento in famiglia e le famiglie sintomatologiche.
Definizioni legislative e cliniche del maltrattamento e dell’abuso all’infanzia.
L’osservazione e la valutazione peritale nei casi di presunto abuso sessuale su un minore.
La valutazione dell’abuso sessuale e le false denunce.

  1. MODULO PENITENZIARIA (VII Sabato, 8 ore)

Lo Psicologo in carcere quale Esperto ex art. 80.
La Psicologia Penitenziaria: dal processo alla sentenza.
Il Tribunale di Sorveglianza e il ruolo dello psicologo forense.
Lo Psicologo e il trattamento penitenziario tra pena e rieducazione.
Il Disagio psicologico dei detenuti: autolesionismo, depressione e suicidio.
La compatibilità o l’incompatibilità con il regime carcerario: valutazione dell’esperto.
I Detenuti immigrati: nuove possibilità e nuove necessità di intervento.
Il Servizio Nuovi Giunti e lo Psicologo nell’Equipe di osservazione e trattamento.
Il percorso di reinserimento sociale dei detenuti fine pena.