Mediatore Interculturale

Adsum
A Lecce
  • Adsum

2.000 
IVA Esente

L'intera esperienza ha rappresentato per me un momento di svolta: laureata in Scienze Filosofiche e specializzata in Filosofia Politica e Morale, ho da sempre sognato di svolgere un lavoro socialmente utile in particolare nel settore dell'immigrazione ...

L'OPINIONE DI Luana
Preferisci chiamare subito il centro?
08323... Leggi tutto

Informazione importanti

  • Qualifica professionale
  • Lecce
  • 600 ore di lezione
  • Durata:
    1 Anno
  • Quando:
    Da definire
  • Stage / Tirocinio
Descrizione

Il centro Adsum presenta agli utenti di emagister.it un corso per ottenere la qualifica professionale di Mediatore Culturale, riconosciuto dalla Provincia di Lecce e dalla Regione Puglia. L’obiettivo della formazione è quello di creare esperti sotto vari aspetti legati alla mediazione culturale: linguistico, informativo e relazionale. Un requisito fondametale per l’iscrizione al corso è la conoscenza di almeno una lingua straniera, e della lingua italiana, per gli studenti stranieri.

Il corso si svolgerà con modalità presenziale e avrà la durata di 600 ore complessive. Le lezioni mirano a fornire agli studenti le risorse per poter svolgere la professione nel contesto pugliese, nel tentativo di favorire le relazioni tragli immigrati e la realtà socio-economica della regione. Al termine del corso, gli studenti conseguiranno l’attestato di qualifica professionale in Mediatore Culturale valido a livello europeo previo superamento dell’esame con Commissione nominata dalla Provincia di Lecce.

Il programma didattico mira allo sviluppo delle abilità relazionali degli studenti attraverso l’insegnamento di tecniche di comunicazione efficace nonché di teniche di mediazione e counseling. Sono previste lezioni di glottodidattica per l’insegnamento dell’italiano agli stranieri ed elementi di prima conversazione in lingua extracomunitaria. Verranno approfonditi anche gli aspetti normativi della materia, in particolare la legislazione scolastica e gli elementi di diritto pubblico e del lavoro. Per completare la formazione, verrà analizzata anche la normativa sulla sicurezza del lavoro.

Informazione importanti Sedi

Dove e quando

Inizio Luogo
Da definire
Lecce
Lecce, Italia
Visualizza mappa

Domande più frequenti

· Quali sono gli obiettivi del corso?

Il percorso progettato da ADSUM, ha come obiettivo principale quello di formare un professionista capace di accogliere, orientare e assistere gli immigrati nella loro inclusione, assistendoli nei rapporti con realtà pubbliche, in particolare istituzioni educative, sanitarie, amministrative, aziende e giudiziarie.

· A chi è diretto?

Il corso è rivolto a coloro che vogliano diventare mediatori interculturali grazie all'ottenimento di qualifica professionale in Mediatore Interculturale valido a livello europeo.

· Requisiti

Buona conoscenza di una lingua straniera e di lingua italiana per lo straniero. Selezione tramite colloquio attitudinale e motivazionale.

· Titolo

Profilo in uscita: codice 432 - Tecnico della mediazione interculturale RRFP della Regione Puglia – Denominazione sintetica Mediatore Interculturale. Settori di riferimento servizi socio sanitari - Ambito di attività produzione di beni e servizi.

Opinioni

L

20/07/2016
Il meglio L'intera esperienza ha rappresentato per me un momento di svolta: laureata in Scienze Filosofiche e specializzata in Filosofia Politica e Morale, ho da sempre sognato di svolgere un lavoro socialmente utile in particolare nel settore dell'immigrazione. Man mano che frequentavo le lezioni il mio sogno prendeva forma, definendosi. Alla fine del corso, poi, ho avuto la fortuna di fare il tirocinio presso una struttura per minori stranieri non accompagnati. Ho finito il tirocinio formativo a novembre ed a marzo dell'anno successivo ho cominciato a lavorare come Mediatore Culturale presso un'associazione per la quale lavoro tutt'ora. Il corso non mi ha dato solo nozioni e credibilità professionale, mi ha dato prima di tutto la fiducia e la voglia di tentare una strada che volevo intraprendere da sempre, ma che ero troppo scoraggiata per prendere e in più non sapevo davvero da dove cominciare! Mi ha dimostrato che le scelte più coraggiose e osteggiate, spesso sono le più sagge. Perché non potremmo essere nient'altro, se non quello che sentiamo di essere. Grazie a tutti, Di cuore

Da migliorare Nulla

Consiglieresti questo corso? Sí.
P

20/07/2016
Il meglio E estremamente costruttiva da tanti punti di vista. La pluralità delle materie in programma permettono al partecipante di strutturare competenze facilmente utilizzabili nella futura vita lavorativa. La professionalità dei docenti e l'atmosfera interculturale che si respira durante il corso aggiunge valore ai contenuti delle lezioni e facilita lo scambio di idee e la creazione di reti sociali sul territorio. Sicuramente un corso utile per chi volesse intraprendere la strada della mediazione interculturale.

Da migliorare Nulla

Consiglieresti questo corso? Sí.
G

10/10/2013
Il meglio Esperienza straordinaria! Ho intrapreso questo percorso con l'obiettivo di specializzarmi in un settore che mi desse la possibilità di dare concretezza al mio futuro professionale. Provengo da studi umanistici orientati alla formazione con un occhio di riguardo al sociale, ma non avevo idea di chi fosse nè cosa facesse un mediatore culturale; eppure la mia insaziabile curiosità mi ha condotta sino ad adsum e alla successiva scoperta di un mondo affascinante e stimolante. Sto imparando a "vedere" l'altro, ad abbattere il pregiudizio, a non dare nulla per scontato, a costruire relazioni proficue, a percepire la diversità come una ricchezza, il tutto con l'ausilio di docenti umanamente e professionalmente di altissimo livello. Il mediatore culturale puo' realizzarsi professionalmente in contesti come enti pubblici, ospedali, associazioni, scuole ecc. ma un "bravo" mediatore culturale è colui che ha imparato a conoscere a fondo se stesso e che non pone limiti alla conoscenza dell'atro. È una professione che richiede impegno, tenacia e passione.

Da migliorare nulla

Consiglieresti questo corso? Sí.
D

18/09/2013
Il meglio Il Corso di Mediazione Culturale svolto presso l’ADSUM è stata un esperienza indimenticabile. La professionalità dei docenti, contenuti pratici e un clima di lavoro amichevole sono stati sicuramente punti forti di tutto percorso formativo. È stato anche un modo per stringere nuove amicizie nonché per rafforzare la propria autostima.

Da migliorare mi è sembrato molto esauriente così

Consiglieresti questo corso? Sí.

Cosa impari in questo corso?

Accoglienza del cittadino/utente straniero
Facilitare lo scambio reciproco tra cittadino/utente straniero e territorio di riferimento
Sviluppo di interventi di integrazione sociale

Professori

Docenti Adsum
Docenti Adsum
professionisti

Al fine di garantire una formazione ed un insegnamento armonico, concreto ed efficace, per una formazione d’eccellenza, Adsum si avvale di una equipe di professionisti specializzati, allo scopo di garantire una visione olistica ed una formazione d’insieme, capace di agire su piani paralleli.

Programma

Il corso ha una durata di 600 ore (360 formazione d’aula e 240 ore di stage) è articolato in 3 unità di competenza:

UdC n.1 - Accoglienza del cittadino/utente straniero

Contenuti:

• Comunicazione e Abilità Relazionali;

• Tecniche di Mediazione e Counseling;

• Intercultura;

• Elementi di prima conversazione in lingua Francese e Inglese;

• Tecniche dell’insegnamento della lingua italiana agli stranieri.


UdC n.2 - Facilitare lo scambio reciproco tra cittadino/utente straniero e territorio di riferimento

Contenuti:

• Organizzazione e funzionamento dei servizi di pubblica utilità in Italia: Modelli e strutture;

• La legislazione sull’immigrazione;

• Principi legislativi del diritto internazionale comunitario e nazionale sulla tutela dei diritti umani;

• Elementi della Costituzione italiana;

• Elementi di diritto del lavoro e di sicurezza sociale;

• Legislazione scolastica.

UdC n.3 - Sviluppo di interventi di integrazione sociale

Contenuti:

• Elementi di base di sociologia ed antropologia

culturale;

• Principi fondamentali di pedagogia

interculturale e psicologia dell’immigrazione;

• Elementi di informatica.

Ulteriori informazioni

La Mediazione Interculturale ormai da anni si conferma essere un dispositivo afferente ad una professione articolata, sempre più richiesta e necessaria nei processi di accoglienza e integrazione degli immigrati. Il Mediatore Interculturale non è solo un ponte tra due o più culture, quella dei migranti e quella del Paese ospitante, ma è soprattutto un agente di sviluppo impegnato a spingere in avanti la società odierna attraverso la costruzione di un rapporto di inter-azione tra i diversi attori. E’ un facilitatore sociale con il compito di promuovere attività di integrazione, socializzazione e ri-socializzazione. Conoscere l’altro, la sua realtà storica, culturale e religiosa è sicuramente uno degli aspetti fondamentali per la realizzazione di una convivenza pacifica e per una buona gestione del fenomeno immigrazione. Il Mediatore Interculturale è un professionista della relazione d’aiuto. Il percorso giunto alla VI edizione, vanta oltre 50 convenzioni sia con enti pubblici che privati, quali Prefettura, Asl, Ambiti territoriali, Sindacati, Arci  e Associazioni, questa logica ha permesso di rendere più efficaci ed efficienti le azioni di placement. Il corpo docente altamente qualificato proviene in modo integrato dal mondo accademico e ambiente professionale. La didattica è orientata a sviluppare non solo conoscenze e competenze, ma allo sviluppo integrale della persona attraverso la metodologia KHR. Il costo del corso è di 2.000,00 Euro comprensivo di: corredo didattico, materiale didattico per ogni singolo modulo, assicurazione stage, esame finale, attestato finale e dichiarazione degli apprendimenti. Possibilità di rateizzazione.