Mediazione linguistica, turismo e culture

Università degli Studi di Trento
A Trento

Chiedi il prezzo
Vuoi parlare del corso con un consulente?

Informazione importanti

  • Laurea magistrale
  • Trento
  • Durata:
    2 Anni
Descrizione

Informazione importanti
Sedi

Dove e quando

Inizio Luogo
Consultare
Trento
via Belenzani, 12 I, 38100, Trento, Italia
Visualizza mappa

Programma

Il Corso di Laurea Magistrale in Mediazione linguistica, turismo e culture si propone di formare una figura professionale in ambito turistico capace di gestire i processi di comunicazione e interazione offline e online tra le organizzazioni turistiche e culturali territoriali e il mercato turistico internazionale. Tale figura integra una solida preparazione linguistica e culturale con specifiche conoscenze teoriche e pratiche di natura economica, geografica, sociologica e informatica. La formazione linguistica e culturale consentirà l’interazione della cultura e del linguaggio locale con culture e linguaggi di contesti internazionali diversi. La formazione economica, geografica, sociologica e informatica permetterà un’analisi interdisciplinare dei fenomeni sociali e territoriali relativi al mercato turistico, alla geografia fisica e antropica del contesto locale e dei contesti internazionali e ai processi di sviluppo turistico. Le competenze informatiche consentiranno di gestire efficacemente la comunicazione online mediante l’utilizzo di strumenti diversi.

Particolare rilievo verrà dato al consolidamento delle due lingue oggetto di studio nel percorso triennale, che si perfezioneranno sotto il profilo dell’analisi, delle competenze interculturali e dei processi comunicativi, cui si affiancherà lo studio della lingua e della cultura di una terza area – a scelta tra quella russa e cinese – che consentirà l’apertura verso nuovi flussi turistici dalle precipue caratteristiche in termini di profilo e motivazioni.

Al contempo, grazie all’approfondimento dello studio degli strumenti d’analisi, in termini di economia e marketing, agli studenti saranno offerte le conoscenze necessarie per poter gestire e progettare, anche di concerto con altre figure professionali, interventi e servizi culturali (spettacoli, attività espositive ed editoriali, ecc.) e ambientali che potenzino e qualifichino l’offerta già esistente. Inoltre, proprio la vocazione interculturale del Corso, potrà permettere di supportare il paradigma della sostenibilità turistica, con particolare attenzione all’individuazione, alla valorizzazione e al recupero delle risorse naturalistiche e culturali del territorio.

Sbocchi occupazionali e attività professionali previsti dal Corso di Laurea sono in aziende turistiche del ricettivo alberghiero, dell'incoming, e dell’intermediazione con funzioni di responsabilità nell’ambito della comunicazione; in attività di progettazione e commercializzazione di viaggi e dei prodotti turistici rivolti al mercato internazionale; in imprese cooperative e consortili del turismo nei paesi in via di sviluppo; nell'organizzazione di eventi culturali spettacolari ed espositivi; nella gestione dei servizi di informazione, comunicazione e accoglienza, nei beni culturali ed ambientali; nelle istituzioni governative, centrali e decentrate, nei settori del turismo, della cultura, dei beni culturali e ambientali e dello sviluppo locale. I laureati nei corsi di laurea magistrale della classe potranno inoltre svolgere attività di consulenti per gli enti locali e le nuove imprese dell'industria dell'ospitalità sui temi della comunicazione e della mediazione culturale.

Il Corso altresì si prefigge di preparare a operare nell’ambito di realtà territoriali locali e internazionali per promuovere uno sviluppo turistico sostenibile e integrato anche a livello di cooperazione internazionale.

In particolare, la laurea in “Mediazione linguistica, Turismo e Culture” forma professionisti in grado di ricoprire i seguenti ruoli:

• Manager nei principali settori della filiera turistica (ricettivo, tour-operating, congressuale, fieristico) e manager presso istituzioni pubbliche o private impegnate nella diffusione, nella promozione e nella rivalorizzazione delle risorse culturali, ambientali e storico-museali con ruoli specifici nel campo della comunicazione;

• Manager responsabili della comunicazione e dell’organizzazione di eventi culturali, di iniziative di informazione e promozione del territorio;

• Manager responsabili della produzione dei prodotti editoriali collegati.

Il Corso prepara dunque alle professioni di:

• dirigenti operanti nel settore del turismo e della cultura, anche a livello internazionale con funzioni specifiche nella comunicazione;

• imprenditori e gestori di piccole società di consulenza specializzate in dinamiche interculturali e interlinguistiche;

• esperti di comunicazione turistica e mediazione culturale, nell’analisi dei fattori socio-culturali in vista della definizione e comunicazione di prodotti turistici;

• esperti delle strategie di comunicazione anche in lingue straniere;

• consulenti di comunicazione per enti locali e imprese dell’industria dell’ospitalità e della cultura.

Hanno accesso al Corso di Laurea Magistrale in Mediazione linguistica, turismo e culture coloro che siano in possesso di un titolo idoneo e che abbiano conseguito nel corso dei propri studi 21 CFU + 21 CFU relativi alle due lingue di studio e 9 CFU in materie economiche. Lo studente che non sia in possesso dei requisiti richiesti potrà conseguirli attraverso l’iscrizione ai corsi singoli di livello triennale. Le competenze linguistiche saranno oggetto di specifico accertamento prima dell’inizio di ogni anno accademico attraverso una prova di valutazione in accesso il cui superamento è necessario per procedere all’immatricolazione. Di anno in anno, il Consiglio di area didattica delibererà sulla puntuale procedura da adottare nell’accertamento, assicurandone la trasparenza nei confronti degli studenti, attraverso la pubblicazione di uno specifico bando relativo alla prova di valutazione.

La preiscrizione costituisce domanda di partecipazione alla prova di selezione. Gli studenti devono indicare nella preiscrizione sia le due lingue in cui hanno conseguito i crediti nel triennio - che saranno oggetto di valutazione nella prova di ammissione e che costituiranno le due lingue fondamentali del percorso della Laurea Magistrale L-49 – sia la terza lingua e cultura, opzionale tra quella russa e quella cinese, che intendono studiare. L’ accesso al Corso di laurea magistrale è subordinato al superamento della prova di selezione, anche nel caso in cui lo studente chieda il trasferimento da altro Corso di Laurea Magistrale.