Medicina veterinaria

Università degli Studi di Pisa
A Pisa

Chiedi il prezzo
Vuoi parlare del corso con un consulente?
Confronta questo corso con altri simili
Leggi tutto

Informazione importanti

  • Laurea
  • Pisa
Descrizione

Il Corso di Laurea in Medicina Veterinaria è un Corso di Laurea Magistrale a ciclo unico, a numero programmato, con test di ammissione e con obbligo di frequenza. I posti a disposizione sono 59 (riservati ai cittadini comunitari ed extracomunitari residenti in Italia) + 3 (riservati a cittadini extracomunitari non residenti in Italia) + 2 (riservati a cittadini della repubblica popolare Cinese). L’obiettivo principale del Corso di Laurea è formare professionisti in grado di: - accertare e tutelare lo stato di salute e il benessere degli animali da compagnia e da reddito; - prevenire e curare le malattie infettive e parassitarie degli animali; - ispezionare e controllare la sanità degli animali, vigilare sulla produzione e commercializzazione delle derrate alimentari di origine animale; - gestire gli aspetti di selezione genetica, alimentazione, riproduzione e tecnologia di allevamento; - risolvere evenienze di tipo clinico, di natura medica, chirurgica ed ostetrica negli animali. Per il conseguimento della Laurea Magistrale è indispensabile la conoscenza di una lingua ufficiale dell’Unione Europea (oltre alla lingua italiana) e il possesso di conoscenze informatiche. Le abilità informatiche sono certificate mediante il superamento di uno dei moduli da 3 CFU e di uno dei moduli da 2 CFU nell'ambito del progetto SAI@UNIPI dell'Università di Pisa. Viene riconosciuta in alternativa la certificazione ECDL FULL (5 CFU). Per l'ammissione gli studenti dovranno superare un test concordato a livello nazionale. In base ai risultati ottenuti nella prova verrà definita una graduatoria. Lo studente verrà ritenuto in possesso delle conoscenze iniziali delle materie di base con il superamento del test di ammissione, considerato che il D.M. annuale determina il punteggio minimo per l'ammissione al CdS. Per laurearsi in Medicina Veterinaria lo studente deve acquisire 300...

Informazione importanti
Sedi

Dove e quando

Inizio Luogo
Consultare
Pisa
Lungarno Antonio Pacinotti, 43 , 56122, Pisa, Italia
Visualizza mappa

Opinioni

Non ci sono ancora opinioni su questo corso

Programma

  • Anatomia veterinaria II (8 cfu)

    • L'attività formativa fa parte di un complesso di attività di importanza sostanziale fra le materie di base, appartenenti integralmente al SSD VET/01, che costituiscono per un totale di 20 CFU una delle principali basi propedeutiche agli insegnamenti professionalizzanti, per il medico-veterinario. Affrontano le discipline dell'Istologia, dell'Embriologia, della Morfogenesi ed anomalie di sviluppo, e dell'Anatomia. Gli obiettivi formativi descritti assumono una specifica validità inquadrati nell'ambito integrale del gruppo, e ne descrivono e caratterizzano le attività: organizzazione della cellula e caratteristiche dei tessuti animali con capacità di riconoscimento tramite osservazione al microscopio ottico di una sezione istologica; le fasi ed i processi del normale sviluppo embrionale con differenze di specie; organogenesi dei principali apparati; cause e meccanismi responsabili di malformazioni riscontrabili al momento della nascita; organizzazione e funzione degli apparati degli animali domestici con conoscenza della morfologia, della sede, dei rapporti, dei mezzi di fissità e della vascolarizzazione dei singoli organi ed acquisizione della capacità del loro riconoscimento sia macroscopicamente che dall’osservazione di una sezione istologica; anatomia regionale con nozioni fondamentali delle particolarità anatomiche delle regioni superficiali, degli spazi viscerali della testa e del collo e delle cavità splancniche dei mammiferi domestici.
  • Zootecnia generale, Genetica veterinaria e Miglioramento genetico (6 cfu)

    • Il corso si propone l’obiettivo di fornire allo studente le conoscenze di base della genetica di
      popolazione, di analisi e calcolo delle parentele, di etnologia delle principali razze allevate, dei
      caratteri quantitativi obiettivo del miglioramento genetico, nonché dei principi della selezione
      diretta e indiretta e valutazione genetica dei riproduttori. Lo studente acquisisce inoltre cognizioni
      sull’uso della consanguineità e dell’incrocio nella utilizzazione delle diverse razze e linee, sulla
      misura dell’eterosi e sulle strategie di accoppiamento idonee ad evitare livelli eccessivi di
      consanguineità.
  • Matematica/Fisica applicata ai sistemi biologici (Monomodulare) (6 cfu)

    • L'attività formativa è parte integrante delle discipline di base. Risulta essenziale come attività propedeutica, avviando lo studente all'assimilazione di metodiche matematiche e di concetti della fisica necessari per comprendere ed entrare nei meccanismi di successivi insegnamenti di base e/o caratterizzanti. L'attività formativa viene pertanto considerata corredo propedeutico strettamente necessario allo studente per affrontare le successive attività formative. In relazione alle conoscenze che lo studente deve obbligatoriamente acquisire, gli obiettivi formativi possono essere così definiti:
      Conoscenza delle molecole fisiche di specifico interesse nello studio dei sistemi biologici, degli strumenti per la formulazione di modelli matematici elementari, nonché delle applicazioni del calcolatore per la risoluzione numerica di problemi matematici.
  • Informatica (5 cfu)

    • L’Informatica è configurata in questo ordinamento come attività formativa caratterizzante. Assume la caratteristica sia di supporto per lo svolgimento di attività pratiche nell’ambito delle varie attività formative previste, sia di imprescindibile corredo tecnico del medico veterinario nell’organizzazione di una moderna pratica veterinaria. Gli obblighi formativi inerenti possono essere così descritti:
      lo studente deve acquisire elementi di base di Informatica che gli consentano di affrontare lo studio e le varie attività in una moderna concezione dell’attività medico veterinario. Le acquisizioni saranno volte in maniera specifica al campo medico veterinario, e alle relative possibilità applicative in tale ambito. Lo studente dovrà essere in grado di muoversi autonomamente nelle varie fasi applicative dei singoli programmi informatici.

      Modalità acquisizione CFU- Acquisizione di 3 CFU di abilità informatiche certificate mediante il superamento di uno dei moduli da 3 CFU offerti dall'Università di Pisa nell'ambito del progetto SAI@UNIPI. Viene in alternativa riconosciuta la certificazione ECDL START.
      Acquisizione di 2 CFU di abilità informatiche certificate mediante il superamento di uno dei moduli da 2 CFU offerti dall'Università di Pisa nell'ambito del progetto SAI@UNIPI. Viene in alternativa riconosciuta la certificazione ECDL FULL.
  • Istologia ed Embriologia generale e speciale veterinaria ed Anomalie di sviluppo degli animali domestici (6 cfu)

    • L'attività formativa fa parte di un complesso di attività di importanza sostanziale fra le materie di base, appartenenti integralmente al SSD VET/01, che costituiscono per un totale di 20 CFU una delle principali basi propedeutiche agli insegnamenti professionalizzanti, per il medico-veterinario. Affrontano le discipline dell'Istologia, dell'Emriologia, della Morfogenesi ed anomalie di sviluppo, e dell'Anatomia. Gli obiettivi formativi descritti assumono una specifica validità inquadrati nell'ambito integrale del gruppo, e ne descrivono e caratterizzano le attività.
      Lo studente dovrà apprendere:
      -L'organizzazione della cellula e le caratteristiche dei tessuti animali con capacità di riconoscimento tramite osservazione al microscopio ottico di una sezione istologica;
      -Le fasi ed i processi del normale sviluppo embrionale con differenze di specie;
      -L'organogenesi dei principali apparati;
      -Le cause e meccanismi responsabili di malformazioni riscontrabili al momento della nascita;
      -L'organizzazione e funzione degli apparati degli animali domestici con conoscenza della morfologia, della sede, dei rapporti, dei mezzi di fissità e della vascolarizzazione dei singoli organi ed acquisizione della capacità del loro riconoscimento sia macroscopicamente che dall’osservazione di una sezione istologica;
      -L'anatomia regionale con nozioni fondamentali delle particolarità anatomiche delle regioni superficiali, degli spazi viscerali della testa e del collo e delle cavità splancniche dei mammiferi domestici.
  • Biologia animale e vegetale (6 cfu)

    • L'attività formativa è parte integrante delle discipline di base. Risulta essenziale come attività propedeutica, in primis come approccio allo studio della cellula e degli organismi biologici sia di natura animale che vegetale. Viene pertanto considerata corredo propedeutico strettamente necessario allo studente per affrontare le successive attività formative. Gli obiettivi formativi possono essere così definiti, in relazione alle conoscenze che lo studente deve obbligatoriamente acquisire:
      Fondamenti di biologia animale, biologia vegetale e biologia molecolare. Studio particolare della cellula, dei protozoi, dei metazoi, lo studio della morfologia e della fisiologia dei vegetali. Conoscenza delle più importanti specie vegetali di interesse foraggero e di quelle velenose per gli animali, ed acquisizione delle tecniche adatte al loro riconoscimento.
  • Lingua straniera ufficiale della Comunità europea (3 cfu)

    • L'inserimento fra le attività deriva dal fatto che è oggi impensabile formare un laureato magistrale che non abbia conoscenze in campo linguistico e non possieda una padronanza di base di almeno una lingua estera ufficiale della Comunità europea (Francese, Tedesco, Inglese, Spagnolo). Tali conoscenze oltre a permettere una mobilità in ambito europeo, saranno estremamente utili, soprattutto se rivolte alla lingua inglese, sia nel periodo di studio, con riferimento specifico alla preparazione della prova finale, sia nel futuro svolgimento della pratica veterinaria, permettendo di acquisire ulteriori nozioni e formazione dai siti scientifici e relativi articoli pubblicati in rete. Gli obiettivi formativi possono essere così definiti:
      lo studente deve acquisire le conoscenze linguistiche riferite ad una delle lingue estere ufficiali della Comunità europea (Francese, Inglese, Tedesco, Spagnolo), conseguendo apposita certificazione relativamente al livello B1 o assimilato. Gli eventuali titoli dovranno essere riconosciuti dal centro Linguistico Interdipartimentale dell'Università di Pisa.
      Si esprime la preferenza perchè lo studente volga la sua attenzione verso lo studio della lingua inglese.
  • Anatomia veterinaria I (6 cfu)

    • L'attività formativa fa parte di un complesso di attività di importanza sostanziale fra le materie di base, appartenenti integralmente al SSD VET/01, che costituiscono per un totale di 20 CFU una delle principali basi propedeutiche agli insegnamenti professionalizzanti, per il medico-veterinario. Affrontano le discipline dell'Istologia, dell'Embriologia, della Morfogenesi ed anomalie di sviluppo, e dell'Anatomia. Gli obiettivi formativi descritti assumono una specifica validità inquadrati nell'ambito integrale del gruppo e ne descrivono e caratterizzano le attività: organizzazione della cellula e caratteristiche dei tessuti animali con capacità di riconoscimento tramite osservazione al microscopio ottico di una sezione istologica; le fasi ed i processi del normale sviluppo embrionale con differenze di specie; organogenesi dei principali apparati; cause e meccanismi responsabili di malformazioni riscontrabili al momento della nascita; organizzazione e funzione degli apparati degli animali domestici con conoscenza della morfologia, della sede, dei rapporti, dei mezzi di fissità e della vascolarizzazione dei singoli organi ed acquisizione della capacità del loro riconoscimento sia macroscopicamente che dall’osservazione di una sezione istologica; anatomia regionale con nozioni fondamentali delle particolarità anatomiche delle regioni superficiali, degli spazi viscerali della testa e del collo e delle cavità splancniche dei mammiferi domestici.
  • Biochimica e Biologia molecolare (12 cfu)

    • L'attività formativa è parte integrante delle discipline di base. Risulta essenziale come attività propedeutica, in primis al percorso degli insegnamenti del SSD VET/02 (Fisiologia veterinaria). Viene pertanto considerata corredo propedeutico strettamente necessario allo studente per affrontare un percorso professionalizzante, quale quello di Medicina veterinaria. Gli obiettivi formativi possono essere così definiti, in relazione alle conoscenze che lo studente deve obbligatoriamente acquisire:
      la chimica organica propedeutica allo studio delle macromolecole di interesse biologico, la struttura, la termodinamica e la cinetica dello stato vivente della materia, il metabolismo intermedio e la sua regolazione, la biochimica dell’informazione e i metodi essenziali della tecnologia del DNA ricombinante.
  • Fisiologia e Endocrinologia (11 cfu)

    • L'attività formativa si colloca fra le materie di base, con aspetti preponderanti, unitamente all'Anatomia, nella formazione del Medico veterinario, consentendogli un sicuro approccio nel cammino del percorso formativo, a partire dallo studio della Patologia generale, verso la quale ha caratteristiche di propedeuticità. Gli obiettivi formativi vengono indicati in comune con l'attività formativa di Fisiologia, Etologia e Benessere animale, con la quale viene a costituire un percorso omogeneo e del tutto consequenziale. Gli obiettivi formativi possono essere così definiti:
      -acquisizione di conoscenze e capacità di operare riguardo i fondamenti generali della fisiologia cellulare e generale veterinaria, il funzionamento degli organi e degli apparati degli animali domestici, anche in senso comparato, nonché la dinamica integrazione fra le varie funzioni.
      -comprensione della funzionalità degli organi endocrini e le relative produzioni ormonali, anche in senso comparato, fra i vari organi, nelle principali specie di interesse veterinario.
      -conoscenze fondamentali riguardanti il comportamento animale e l’influenza degli aspetti genetici ed ambientali.
      -esame delle fasi di sviluppo comportamentale e dei “moduli comportamentali” delle specie di interesse veterinario con analisi del comportamento sociale, alimentare, riproduttivo, e materno.
      -aspetti della relazione uomo-animale nell’allevamento e nella convivenza con l’animale da compagnia.
      -nozioni fondamentali per una comprensione critica e comparativa delle condizioni di benessere e di qualità della vita degli animali domestici in condizioni di urbanizzazione, di vita confinata, di sfruttamento produttivo e di sperimentazione.
  • Fisiologia, Etologia e Benessere animale (9 cfu)

    • L'attività formativa si colloca fra le materie di base, con aspetti preponderanti, unitamente all'Anatomia, nella formazione del Medico veterinario, consentendogli un sicuro approccio nel cammino del percorso formativo, a partire dallo studio della Patologia generale, verso la quale ha caratteristiche di propedeuticità. Gli obiettivi formativi vengono indicati in comune con l'attività formativa di Fisiologia, Etologia e Benessere animale, con la quale viene a costituire un percorso omogeneo e del tutto consequenziale. Gli obiettivi formativi possono essere così definiti:
      -acquisizione di conoscenze e capacità di operare riguardo i fondamenti generali della fisiologia cellulare e generale veterinaria, il funzionamento degli organi e degli apparati degli animali domestici, anche in senso comparato, nonché la dinamica integrazione fra le varie funzioni.
      -comprensione della funzionalità degli organi endocrini e le relative produzioni ormonali, anche in senso comparato, fra i vari organi, nelle principali specie di interesse veterinario.
      -conoscenze fondamentali riguardanti il comportamento animale e l’influenza degli aspetti genetici ed ambientali.
      -esame delle fasi di sviluppo comportamentale e dei “moduli comportamentali” delle specie di interesse veterinario con analisi del comportamento sociale, alimentare, riproduttivo, e materno.
      -aspetti della relazione uomo-animale nell’allevamento e nella convivenza con l’animale da compagnia.
      -nozioni fondamentali per una comprensione critica e comparativa delle condizioni di benessere e di qualità della vita degli animali domestici in condizioni di urbanizzazione, di vita confinata, di sfruttamento produttivo e di sperimentazione.
  • Nutrizione e Alimentazione animale e Tecnica mangimistica (7 cfu)

    • L'attività formativa riveste un ruolo specifico nelle attività caratterizzanti del Corso di laurea Magistrale in Medicina veterinaria. Viene a ricoprire alta significatività nella preparazione tecnica del medico veterinario, in relazione alle specifiche capacità applicative nell'ambito della Nutrizione, dell'Alimentazione e della Tecnica mangimistica, nel SSD AGR/18. L'attività formativa fa anche parte integrante delle obbligatorie attività di tirocinio pratico finale. Oltre ad entrare in materia significativa nell'ambito della preparazione veterinaria fornita dal Corso di laurea, è presupposto alla continuazione di attività di settore nella formazione post-laurea. Importanza specifica è costituita dallo studio delle necessità alimentari nelle varie specie e dalla determinazione della razione alimentare, con carattere di preparazione ed introduzione ad ulteriori valutazioni, nell'ambito e nella prosecuzione del Corso di studio. Gli obiettivi formativi specifici possono essere così definiti:
      lo studente dovrà acquisire i concetti generali per la valutazione chimica e biologica degli alimenti per animali ed i fattori che ne condizionano la digeribilità e l’utilizzazione; lo studente deve acquisire i concetti relativi alla razione alimentare, ai fabbisogni nutritivi e alle norme tecniche e legali che disciplinano la preparazione ed il commercio delle materie prime e dei mangimi per gli animali domestici.
  • Patologia generale e Fisiopatologia (8 cfu)

    • L'attività formativa fa parte delle attività professionalizzanti del SSD VET/03, che presenta ulteriori CFU anche nell'ambito del tirocinio pratico finale. Costituisce uno dei punti basilari nelle attività formative del Corso di laurea magistrale in Medicina veterinaria, punto propedeutico di accesso alla formazione sia in ambito clinico che ispettivo. Presuppone a sua volta importanti propedeuticità, quali quelle derivanti dai SSD VET/01 Anatomia veterinaria e VET/02 Fisiologia veterinaria. Gli obiettivi formativi descrivono anche l'attività formativa "Anatomia Patologica e Autopsie", per le specifiche connessioni didattiche. Possono essere così definiti:
      lo studente deve acquisire i meccanismi eziopatogenetici che concorrono alla manifestazione dei processi patologici e le interrelazioni che si verificano fra gli stessi e i vari sintomi dell’organismo; l’anatomia e l’istologia patologica dei sistemi organici e delle entità nosologiche degli animali da affezione, da reddito e selvatici, le tecniche necroscopiche e la diagnostica cadaverica, le tecniche microscopiche, la metodologia e la diagnostica neurofisiopatologica.
  • Principi di economia per la veterinaria e Agronomia e Coltivazioni foraggere (6 cfu)

    • Obiettivi formativi: L'attività formativa è inquadrata fra quelle affini nel corso di laurea magistrale in Medicina veterinaria e risponde a quanto previsto per la formazione di un curriculum europeo nel campo della formazione veterinaria e del suo relativo riconoscimento nell'UE. Viene a costituire un utile completamento in rapporto alle funzioni delle diverse tipologie di attività del Medico veterinario, tendendo ad aumentarne la preparazione e la professionalità. Gli obiettivi formativi possono essere ricondotti ai seguenti argomenti didattici:
      introdurre gli studenti al concetti e alle evoluzioni in atto nel sistema agro alimentare e alle relative politiche di regolazione; assicurare le nozioni di base per la comprensione della struttura, della condotta e della performance del sistema agro-alimentare europeo; fornire conoscenze rispetto ai principi di funzionamento i dell'Unione Europea e agli strumenti di intervento in campo agro-alimentare (PAC), introdurre gli studenti ai principali concetti e termini economici, alla lettura dei bilanci economici ed alla impostazione di valutazioni puntuali di scelta, con particolare riferimento agli strumenti economici utili per i principi dell'health management.
      Relativamente al modulo di Agronomia e coltivazioni foraggere il Corso ha lo scopo di fornire allo studente le principali conoscenze relativamente al funzionamento del sistema pianta – terreno e agli interventi tecnici necessari per la coltivazione delle principali specie erbacee utilizzate nell’alimentazione animale. Più in particolare verranno affrontate le caratteristiche biologiche e i principi di coltivazione delle più importanti specie vegetali erbacee destinate alla produzione di foraggio verde, fieno, insilato e concentrato. Verrà infine fatto cenno alle più importanti tecniche di conservazione dei foraggi.
  • Microbiologia e Parassitologia (10 cfu)

    • L'attività formativa è compresa fra le attività caratterizzanti del Corso di laurea Magistrale in Medicina...

Confronta questo corso con altri simili
Leggi tutto