Metodi e Tecnologie per la Conservazione dei Beni Librari

Università degli Studi di Roma Tor Vergata
A Roma

Chiedi il prezzo
Vuoi parlare del corso con un consulente?
Confronta questo corso con altri simili
Leggi tutto

Informazione importanti

  • Laurea
  • Roma
Descrizione

Obiettivo del corso: Il Corso di laurea si propone di formare operatori in grado di documentare e intervenire in maniera qualificata sul bene librario e documentario.

Informazione importanti
Sedi

Dove e quando

Inizio Luogo
Consultare
Roma
Via Columbia, 1, 00133, Roma, Italia
Visualizza mappa

Domande più frequenti

· Requisiti

Diploma della Scuola secondaria superiore o altro titolo di studio equipollente conseguito all’estero

Programma

CORSO DI LAUREA IN METODI E TECNOLOGIE PER LA CONSERVAZIONE E IL RESTAURO DEI BENI LIBRARI
(Classe XLI - Tecnologie per la conservazione e il restauro dei Beni Culturali)

INFORMAZIONI GENERALI
Presidente:
prof. Santo Lucà

Riferimenti:
prof. Cristina Carbonetti
prof. Valeria Conte
prof. Marielisa Rossi
dott. Maddalena Signorini

REQUISITI D’ACCESSO
Accesso Programmato con Test obbligatorio (passaggi, trasferimenti e abbreviazioni di corso saranno esentati)
Per accedere al Corso di laurea è richiesto il possesso di diploma della Scuola secondaria superiore o altro titolo di studio equipollente conseguito all’estero.
La durata del Corso di Laurea è stabilita in tre anni e al compimento degli studi viene conseguita la Laurea in Metodi e tecnologie per la conservazione ed il restauro dei beni librari (classe XLI).

OBIETTIVI FORMATIVI
Il Corso di laurea si propone di formare operatori in grado di:

  • Documentare e intervenire in maniera qualificata sul bene librario e documentario mediante una equilibrata formazione sia teorica sia tecnica, mirata alla progettazione e/o all’intervento in oggetto, in modo da garantirne la corretta conservazione;
  • Possedere le competenze specifiche atte a svolgere, con le più idonee metodologie, interventi nel settore dei beni librari finalizzati alla limitazione di processi di degrado, mediante una accurata valutazione di tali processi;
  • Operare nelle o per le istituzioni pubbliche e/o private preposte alla gestione e alla conservazione del patrimonio librario e documentario;
  • Utilizzare almeno una lingua della Comunità Europea – oltre l’italiano – nell’ambito specifico di competenza, per lo scambio di informazioni generali e per la comunicazione e gestione delle informazioni;
  • Operare in autonomia, lavorare in équipe, per inserirsi negli ambienti di lavoro specificamente addetti alla tutela e al restauro dei beni librari.

    MODALITÀ DELLA DIDATTICA

    I moduli
    Gli insegnamenti sono organizzati in moduli didattici da 36 ore frontali oppure 30 ore frontali più 10 o 18 ore di esercitazione (= 5 CFU). I moduli si strutturano semestralmente e al loro termine è previsto un esame di verifica la cui votazione verrà espressa in trentesimi da una apposita Commissione giudicatrice.

    Acquisizione dei CFU
    I CFU si acquisiscono a seguito dell’esame di verifica che conclude il modulo didattico, nella quantità indicata per ciascun settore scientifico disciplinare nell’Ordinamento didattico

    Stage e tirocini formativi
    Sono previsti visite guidate in biblioteche e stages di tirocinio presso biblioteche, archivi, laboratori di restauro pubblici o privati convenzionati con la struttura universitaria (Archivio Aldobrandini [FRASCATI], Archivio Segreto Vaticano, Biblioteca dell’Accademia della Crusca [FI] Biblioteca dell’Accademia Nazionale dei Lincei e Corsiniana, Biblioteca Angelica, Biblioteca Nazionale Centrale Vittorio Emanuele, Istituto Centrale per la Patologia del Libro, Società Geografica Italiana)

    TUTORATO
    All’inizio di ciascun a.a. il Consiglio di corso di laurea organizza un servizio di orientamento volto a fornire informazioni sulla didattica e sulle finalità del Corso stesso. Nomina, inoltre, un Collegio di tutori addetto a seguire il percorso formativo e didattico di ciascun studente, i cui nominativi verranno adeguatamente pubblicizzati all’inizio dell’anno.

    PROVA FINALE
    È diretta ad accertare la preparazione culturale e professionale del candidato, nonché il raggiungimento degli obiettivi qualificanti la classe XLI. Essa consiste in un elaborato scritto relativo ad uno dei settori scientifico-disciplinari di base o caratterizzanti la classe, ovvero nella realizzazione di una prova teorica di progettazione o di una pratica di restauro.

    PROFILI E SBOCCHI PROFESSIONALI
    I laureati in Metodi e tecnologie per la conservazione e il restauro dei beni librari potranno svolgere attività professionale presso enti locali e istituzioni specifiche (sovrintendenze, musei, biblioteche, archivi), nonché presso aziende e organizzazioni professionali operanti nel settore della tutela e del restauro dei beni librari e documentari. Si occuperanno in particolare del restauro del libro (manoscritto e a stampa), del papiro, della carta, del cuoio, della pergamena, dei tessuti, dei metalli.
  • Ulteriori informazioni

    Stage: Stages di tirocinio presso biblioteche, archivi, laboratori di restauro pubblici o privati

    Confronta questo corso con altri simili
    Leggi tutto