Monete Complementari e Sviluppo Locale

Mida Equipe Mbs
A Trapani

Chiedi il prezzo
Vuoi parlare del corso con un consulente?
Confronta questo corso con altri simili
Leggi tutto

Informazione importanti

  • Seminario
  • Trapani
  • Durata:
    2 Giorni
Descrizione

Obiettivo del corso: A conoscere monete locali.
Rivolto a: Il seminario si rivolge, dunque, agli operatori dei comparti succitati, ma anche a quelli istituzionali aventi competenze in ambito industriale, agricolo, ambientalistico e occupazionale.

Informazione importanti
Sedi

Dove e quando

Inizio Luogo
Consultare
Trapani
piazza S. Agostino 2, 91100, Trapani, Italia
Visualizza mappa

Domande più frequenti

· Requisiti

Nessuno

Programma

Il seminario si pone l’obiettivo di evidenziare un percorso efficace ed alternativo (ma già ben sperimentato in altre parti d’Italia e d’Europa) per quanto riguarda il rilancio e lo sviluppo di produzioni locali la cui filiera sia tutta integrata o integrabile sul territorio, in modo di consentire agli operatori locali di contare su un valore aggiunto il più elevato possibile. I comparti interessati possono, dunque, essere quelli del pescato, della sua conservazione e commercializzazione, dell’olio, del marmo, del vino, del pane, delle piante ornamentali e dei fiori, degli ortaggi, del formaggio, del sale, di alcune carni tipiche.

L’emissione, secondo varie modalità, di una moneta complementare locale (che viene accettata nel territorio), consente di ridurre l’importazione dei succedanei provenienti dalla globalizzazione e non esclude, anzi rafforza, le opportunità di esportazione remunerativa delle eccedenze ( da rivendere normalmente in euro o da scambiare con altri operatori presenti nell’ambito del circuito che utilizza le monete complementari).

In tal modo è possibile veder aumentare sul territorio occupazione e profitti, rendendo meno vincolata la programmazione degli investimenti e la prospettiva di crescita in generale.

PROGRAMMA

Concetti base

  • cosa sono le monete complementari;
  • come si possono inserire in un contesto europeo caratterizzato da una moneta ufficiale forte, ma anche da debolezza strutturale per le piccole e medie imprese;
  • la prospettiva di un coordinamento, a livello mediterraneo, con i principali Paesi concorrenti e partner, nonché di un impegno istituzionale per la formazione di un “Fondo Sovrano” che consenta di eludere i vincoli dell’euro senza incorrere in procedure di infrazione;
  • i soggetti coinvolti ed il loro coordinarsi in vista del raggiungimento degli obiettivi.

Esercitazione e dibattito

Valutazione dell’esercitazione e conclusioni


Confronta questo corso con altri simili
Leggi tutto